chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Bangladesh: scuola per i bambini degli slum

A Dhaka, capitale del Bangladesh, quando la mattina un gruppo di bambini lascia le proprie case per andare a scuola, un altro gruppo va in strada per lavorare. Per loro la strada rappresenta un'opportunità per guadagnarsi da vivere. Alcuni di questi bambini raccolgono la spazzatura, altri vendono oggetti vari, fra i quali tè e sigarette.

Il logo di Swapnorath, disegnato da Dwipangsu Paul, di Calcutta
Il logo di Swapnorath, disegnato da Dwipangsu Paul, di Calcutta

Per questi bambini la scuola è qualcosa di irraggiungibile, qualcosa che possono solo sognare, perché nel posto dal quale provengono esiste un enorme divario fra i loro sogni e la dura realtà della vita di tutti i giorni. Tuttavia un gruppo di ragazzi si è preso la responsabilità di realizzare i sogni di almeno alcuni di questi bambini. Hanno avviato una scuola per i bambini svantaggiati degli slum. La scuola, molto giustamente, si chiama “Shawpno Rath” (La Carrozza dei Sogni).

Shamima Nargis Shimu, la Sognatrice in capo di Shawpno Rath, con i suoi alunni. Fotografia del gruppo
Shamima Nargis Shimu, la ‘Sognatrice in capo’ di Shawpno Rath, con i suoi alunni.

Così ha avuto inizio il loro viaggio:

অফিসে আসার পথে একটি মেয়ে প্রতিদিন কিছু শিশুকে দেখতে পেত, যারা রাস্তায় আবর্জনার বাক্সে কি যেন অনুসন্ধান করছে। মেয়েটার মনে হত তারা যেন সেখানে স্বপ্নের সন্ধান করছে।

তাদের জন্য কি করা যায় তাই নিয়ে সে তার সহকর্মী এবং বন্ধুদের সাথে আলাপ করল। প্রথমে ঠিক করা হল, সপ্তাহে তারা একদিন এইসব শিশুদের একবেলা খাওয়াবে এবং তাদের কোথাও বেড়াতে নিয়ে যাবে।

Una ragazza, andando in ufficio, notava abitualmente dei bambini che cercavano qualcosa fra i cumuli di spazzatura. Sentì che forse stavano cercando un sogno.

Decise di fare qualcosa per loro, e ne parlò con amici e colleghi. Per prima cosa decisero che una volta a settimana avrebbero fornito ai bambini un pasto, e poi li avrebbero portati a fare un giro divertente in qualche posto vicino.

A Chandrima park si discute l'inizio del viaggio di Shawpno Rath. Immagine tratta dalla loro pagina Facebook. Usata su licenza.
A Chandrima park si discute l'inizio del viaggio di Shawpno Rath. Immagine tratta dalla loro pagina Facebook.

Di questa iniziativa si è cominciato a parlare non in un ufficio, bensì in un parco, il Chandrima Udyan:

আর এর জন্য বেছে নেওয়া হল চন্দ্রিমা উদ্যানকে। কারণ এই পার্ক অনেক শিশুর কর্মস্থল। এরা সবাই, পার্কে বেড়াতে আসা নাগরিক কিংবা প্রেমিক প্রেমিকার কাছে ফুল, চকলেট, বাদাম, চা, সিগারেট ইত্যাদি বিক্রি করে। এই উদ্যোগে ভালোই সাড়া পাওয়া গেল। দিনে দিনে শিশুর সংখ্যা বাড়তে শুরু করল। সপ্তাহের একটি শনিবারে এদেরকে গল্প শোনানোর জন্য নিয়ে আসা হত বই, তারা কেবল নেড়ে চেড়ে দেখত। বইয়ের জগতে ঢুকতে গেলে যে শিক্ষা লাগে, আর শিক্ষার জন্য লাগে কিন্তু তাদের জন্য স্কুল যে ভিন্ন এক পথের যাত্রা। তাই তারা কেবল অক্ষর আর ছবিতে হাত রাখত। পড়ার প্রতি শিশুদের উৎসাহ দেখে এই সব তরুণেরা একটি স্কুল করার উদ্যোগ নিল, ঠিক করা হল এই স্কুলের নাম হবে স্বপ্নরথ।

E per questa discussione abbiamo scelto il parco Chandrima Udyan, visto che era il luogo di lavoro di molti di questi bambini. Tutti loro erano impegnati a vendere fiori, cioccolatini, noccioline, tè, sigarette, etc, a giovani coppie a altre persone che visitavano il parco. Abbiamo avuto una buona risposta alla nostra iniziativa. Il numero dei bambini continuava a crescere giorno dopo giorno. Tutti i sabati portavamo libri per leggere loro delle storie. I bambini erano entusiasti e scorrevano le pagine, non sapendo leggere. Per potere leggere avrebbero avuto bisogno di un'istruzione, e per l'istruzione avrebbero avuto bisogno della scuola; la scuola era un viaggio lungo un cammino diverso dal loro. Così si dovevano accontentare di sfogliare le pagine, toccando le immagini e le parole. Vedendo l'entusiasmo di questi bambini per la parola scritta, il gruppo di giovani decise di avviare una scuola per loro. Scelsero un nome per la scuola: Shawpno Rath (La Carrozza dei Sogni).

Una scuola sotto un albero

Per aprire una scuola tradizionale, sono necessarie molte cose: un edificio scolastico, aule, libri, quaderni, insegnanti, lavagne, cancellini e alunni. Per questa scuola, tuttavia, non si potevano soddisfare tutte le condizioni. Ciononostante tutti i sabati si tenevano lezioni sotto un albero nel parco. I bambini lasciavano il loro lavoro e assistevano alle lezioni, sebbene questo per loro significasse ottenere minori guadagni. Amavano moltissimo le lezioni. Il numero degli studenti iniziò a crescere gradualmente. E presto fu chiara la necessità di trovare un'aula.

Gli alunni con gli insegnanti e i libri nella loro nuova aula. Immagine tratta dalla pagina Facebook del gruppo. Usata su licenza.
Gli alunni con gli insegnanti e i libri nella loro nuova aula. Immagine tratta dalla pagina Facebook del gruppo.

La scuola cambia indirizzo.

La scuola fu spostata fuori dal parco Chandrima Udyan e stabilita al numero 10 di Mirpur Road, dove venne affittata una stanza allo scopo. Qui la scuola rimaneva aperta cinque giorni a settimana, e gli studenti iniziarono ad assistere alle lezioni in modo regolare. La scuola iniziò con 30 allievi e 2 insegnanti. Il numero degli studenti continuava a crescere via via che sempre più bambini di famiglie povere degli slum vicini si univano alle lezioni.

Allievi della Shawpno Rath festeggiano Capodanno. Immagine tratta dalla pagina Facebook del gruppo. Usata su licenza.
Allievi della Shawpno Rath festeggiano Capodanno. Immagine tratta dalla pagina Facebook del gruppo.

Shawpno Rath – una scuola anche per adulti

Vedendo i propri bambini andare a scuola, anche alcuni genitori iniziarono a volere approfittare dell'opportunità per farsi un'istruzione scolastica. Così Shawpno Rath iniziò ad ampliare la propria attività, includendo anche l'istruzione per gli adulti. Al momento, la scuola ha 20 studenti adulti, che durante la loro infanzia non hanno avuto la possibilità di andare a scuola.

Questa immagine rappresenta l'idea di Shawpno Rath come un facilitatore, un aiuto. Fotografia di Raymond Habibur. Tratta dalla pagina Facebook del gruppo. Usata su licenza.
Questa immagine rappresenta l'idea di Shawpno Rath come un facilitatore, un aiuto. Fotografia di Raymond Habibur. Tratta dalla pagina Facebook del gruppo.

Gli ideali di Shawpno Rath

Sulla sua pagina Facebook [en], Shawpno Rath parla dei suoi ideali e dei suoi obiettivi:

স্বপ্ন রথ হচ্ছে একটি অলাভজনক প্রতিষ্ঠান, যা ২০১০ সালে প্রতিষ্ঠিত হয়েছে। এর উদ্দেশ্য হচ্ছে সমাজের সুবিধা বঞ্চিত শিশুর শিক্ষা এবং স্বাস্থ্যগত উন্নয়ন।

আমাদের মত বেশীরভাগের নাগরিকের জীবনে মৌলিক চাহিদাগুলোকে নিশ্চিত করা হয়েছে, আর সেগুলো হচ্ছে, খাদ্য, পানি, বাসস্থান, স্বাস্থ্য, শিক্ষা এবং পরিবার। কিন্তু আমাদের দেশে এমন লক্ষ লক্ষ শিশু আছে যারা এই সব মৌলিক চাহিদা বঞ্চিত, যাদের ভবিষ্যতের কোন আশা নেই। আমাদের লক্ষ্য দেশ জুড়ে দরিদ্র শিশুদের জন্য জীবনের এই সমস্ত প্রয়োজনীয় উপাদান সরবরাহ করা এবং সংযুক্ত এক উন্নয়নের প্রতি মনোযোগ প্রদান করে দারিদ্র্যের মূলে যে সমস্ত বিষয় সেগুলোর পরিমাণ কমিয়ে আনা।

“Shawpno Rath” è un'organizzazione non-profit fondata nel 2010 con l'idea di migliorare le condizioni scolastiche e di salute dei bambini svantaggiati del nostro Paese.

La maggior parte di noi dà per scontati i bisogni primari della vita: cibo, acqua, riparo, salute, istruzione e famiglia. Ma nel nostro Paese ci sono milioni di bambini che non hanno questi beni essenziali, che non hanno nessuna speranza per il futuro: il nostro obiettivo è aiutare a soddisfare i bisogni primari dei bambini poveri in tutto il Paese e concentarsi sullo sviluppo integrale per ridurre le cause della povertà.

Gli studendi di Shawpno Rath partecipano a un concorso di disegno. Immagine tratta dalla pagina Facebook del gruppo. Usata su licenza.
Gli studendi di Shawpno Rath partecipano a un concorso di disegno. Immagine tratta dalla pagina Facebook del gruppo.

L'ideale di Shawpno Rath è quello di un Bangladesh senza più povertà. Hanno iniziato il viaggio con questa idea, sapendo perfettamente che la strada sarà lunga.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.