chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Corea del Sud: sentenza conferma censura militare su libri “sovversivi”

Un tribunale della Corea del Sud ha di recente confermato la decisione del Ministero della Difesa di bandire la diffusione nell'esercito di ventitre libri definiti “sovversivi”, alimentando il timore dei cittadini sul diritto alla libertà di espressione.

Il tribunale del distretto centrale di Seul ha respinto l'accusa di diffamazione presentata da autori e case editrici i cui libri sono stati classificati come “sovversivi” o “pericolosi” dal Ministero della Difesa il 31 maggio scorso. Autori e case editrici ritengono che la censura militare dei libri in questione contravvenga il diritto personale di accesso all'informazione [en], uno dei diritti democratici protetti dalla Costituzione coreana. I cittadini hanno confermato tali preoccupazioni e hanno espresso frustrazione riguardo la decisione del tribunale. Tra i 23 libri in questione, un best-seller di economia e due volumi del linguista americano di sinistra Noam Chomsky[it].

Libri in vendita a Seul

Una libreria a Seul, Corea del sud (2008) Foto di Christopher Rose su Flickr (CC BY-NC 2.0)

Il Ministero della difesa ha istigato la censura nel 2008 affermando che gli scritti “sovversivi” simpatizzavano con la Corea del Nord comunista e criticavano i sistemi economici degli Stati Uniti e dalla Corea del Sud, il che avrebbe potuto provocare la demoralizzazione dei membri dell'esercito. Affermano di avere il potere di bandire qualsiasi libro sia considerato pro-Corea del nord, anti-Corea del sud e anti-Americano o anticapitalista.

Secondo un articolo  [ko] di stampa della Corea del sud, Hankook Newspaper[ko], la recente decisione del tribunale sarebbe stata criticata perfino dai conservatori moderati del Paese per la mancanza di sufficiente spiegazioni riguardo alla motivazione del bando dei libri in questione, e per non aver considerato potenziali danni finanziari e personali.

Numerosi commenti alla versione online dell'articolo hanno criticato duramente la decisione del tribunale.

Chung Jae-hwa commenta [ko]:

이게 자칭 보수들의 수준이지…. 신자유주의를 비판하거나 정부에 조금만 비판적이면 불온서적….멀쩡한 좌파도 보수세력의 눈에는 종북세력이 되버리는 현실.

Questo dimostra quanto (in basso) possano scendere i conservatori. Ogni volta che qualcuno critica il neo-liberalismo o il governo, non fanno altro che gridare alla “sovversione”. Agli occhi di quelle persone di destra, i gruppi moderati di sinistra sono visti come “pro-nordisti di sinistra”.

Molti giovani netizen sembrano non essere a conoscenza dell'esistenza di questo bando, mentre la generazione passata si preoccupa che questo possa rappresentare un segnale del revival di una politica di censura, prevalente durante i regimi militari autoritari del passato. La pratica di censurare libri e film era comune durante il ventennio 1960-1980 quando il Paese era governato da dittatori militari. Molti degli intellettuali che criticarono il governo dell'epoca furono definiti sostenitori della Corea del Nord prima dell'inizio delle persecuzioni politiche.

@hanget scrive su twitter [ko]:

21세기에 불온 서적이라는게 있다는걸 오늘 처음 알았다.

Non sapevo che nel ventunesimo secolo ci potessero essere dei libri considerati “sovversivi”.

@merong2221 scrive [ko]:

지금 제가 70년대에 살고있나요? 불온서적? 이념? 아정말 유신시대로의 회귀내.

Siamo forse negli anni '70? Libri sovversivi? Ideologia? E’ una regressione totale all'epoca di Yusin. [nota: epoca in cui l'ex Presidente Park Jung-hee soffocò le libertà personali sotto la clausola di uno stato di emergenza. Quest'epoca è spesso definita come una delle più buie della storia moderna della Corea.]

@blu_pn scrive [ko]:

법원이 국방부가 베스트셀러 책을 포함한 23종의 도서를 ‘불온서적'을 지정한 행위에 대해 기본권 침해가 아니라고 판결했단다. 대체 지금이 몇년도인가? 아무리 보수적으로 보아도 저건 냉전시대 논리로 21세기를 재단하는 문화적 자해행위다. 한심한…

Il verdetto emesso dal tribunale afferma che non è una violazione dei diritti umani per i militari definire 23 libri, inclusi dei best-seller, come “sovversivi”. In che epoca viviamo? Un tale atto, anche dal punto di vista dei conservatori, rappresenta un suicidio culturale che mette a paragone (gli eventi del ventunesimo secolo) con la logica dell'era della Guerra Fredda. E’ talmente patetico.

Uno dei libri banditi. 'Cattivi samaritani: il mito del libero commercio e la storia segreta del capitalismo'

Uno dei libri banditi. ‘Cattivi samaritani: il mito del libero commercio e la storia segreta del capitalismo’


Seoh Hae-sung, (@jiksseol) scrive[ko]:

법률 이전에 책과 지혜를 가두는 사회를 이성적 문명사회라고 보기 어렵다. […] 이 불온을 판단한 자들이야말로 지식기반 문명사회에서 축출해야 하는 불온한 자들이다. 책을 놓아주어라.

E’ difficile definire una società come civile quando i libri e la conoscenza vengono soppressi per legge. Sono proprio quelli che parlano di testi “sovversivi” che dovrebbero essere banditi da una società civile basata sulla libertà di informazione. Giù le mani dai libri.

Jeong Yu-mun (@Jymjeong) scrive[ko]:

국방부 지정 불온서적을 읽고싶은 마음이 급 땡기는건… 순전히 판사님 덕분이다.

Grazie a quei giudici, sento l'impulso di leggere quei libri definiti come sovversivi dai militari.

Molti stentano a capire perchè il best-seller di Chang Ha-Joon sull'economia intitolato: “Cattivi samaritani: il mito del libero commercio e la storia segreta del capitalismo” sia stato definito “sovversivo”. Chang, noto economista sudcoreano e docente presso l'Università di Cambridge, teorizza nel suo libro che i Paesi poveri non dovrebbero adottare il commercio libero ma piuttosto essere protetti e sostenuti dal governo prima di affrontare l'intensa competizione a livello internazionale.

Segue un video su Youtube dell'intervento del prof. Chang presso la New America Foundation negli Stati Uniti:

@100HyeRyun scrive [ko]:

장하준 교수의 ‘나쁜 사마리아인’ 국방부 불온서적 지정은 정당하다는 법원의 판결은 도저히 수긍키 어렵다.인터넷상 경제학 전반에 대한 부담없는 교양경제서라고 소개되어 있고 책 내용도 그러하다.이런 책조차 인정하지 못하는 지금의 우리 현실이 부끄럽다.

Il libro del professore Chang Ha-jun, “Bad Samaritans” è stato definito come “sovversivo” dai militari, e il tribunale ha confermato il bando del testo — una decisione che faccio fatica a capire. Molte recensioni online definiscono il libro di Chang come “un testo di economia facile da leggere, che spiega come funziona l'economia in generale” ed è veramente tale. E’ imbarazzante vivere in una società in cui un libro del genere non è accettato.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.