chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Russia: torna il monopolio della violenza di Stato?


Illustrazione di Surian Soosay su Flickr (CC BY 2.0)

Negli ultimi decenni si è assistito ad un preoccupante ricorso a soldati privati e imprese di sicurezza (PMSC) [en] in sostituzione delle forze governative. A volte questa “privatizzazione” avviene con l'esplicito consenso dello Stato e si concentra in un “conflitto armato di bassa intensità e in situazioni da post conflitto” [en], come, ad esempio, la decisione degli Stati Uniti di utilizzare l'azienda Blackwater [en] per operazioni di sicurezza in Iraq. In altri casi, il consenso è tacito o persino irrilevante.

Quando è incapace di proteggere i propri cittadini, lo Stato perde il monopolio della violenza [en]. Il vuoto di potere che ne risulta è riempito da organizzazioni disposte a fornire il servizio. Tradizionalmente il crimine organizzato è una di queste entità, ma le agenzie di sicurezza private attualmente si dimostrano all'altezza altrettanto spesso. Dopo il collasso dell'Unione Sovietica, ad esempio, la mafia russa e le PMSCs sono intervenute nel potenziare l'applicazione insufficiente delle leggi interne. La relazione di un gruppo di lavoro ONU sull'utilizzo di mercenari [en] focalizza sulle PMSC russe proprio per le loro relazioni incrociate con le strutture criminali e quelle di applicazione della legge.

Dove il governo e la sicurezza privata si intersecano

Nonostante il periodo d'oro della mafia sia passato, le imprese private russe utilizzano ancora le PMSC, conosciute come società di sicurezza private, oppure “ChOPs”. Ci sono circa 750mila [ru] russi nell'industria delle ChOP, molti dei quali con il porto d'armi. Nel 2010, [ru] il governo russo ha ampliato il regolamento di queste forze private. Il risultato è che adesso le ChOPs prendono a noleggio le armi da fuoco dal Ministero dell'Interno (MVD), [ru] piuttosto che esserne totalmente proprietarie.

Dmitry Gudkov, profilo di Livejournal

Gennady Gudkov, profilo di Twitter

L'immagazzinamento improprio di queste armi da fuoco a noleggio è stata la ragione ufficiale fornita per l'incursione del 12 maggio 2012 a Pantan, una ChOP di proprietà della famiglia Gudkov. Gennady Gudkov e suo figlio Dmitry sono membri del partito socialdemocratico A Just Russia nel parlamento russo. In quanto figure prominenti dell'opposizione, usano anche il loro status di deputati per negoziare con la polizia.

Il 13 maggio, Dmitry Gudkov ha scritto sul suo blog che Pantan – che è formalmente guidata da sua madre e suo fratello – aveva subito un'ispezione da parte della polizia, con la confisca di oltre cento pistole. Più tardi, il 25 maggio, la licenza ChOP di Pantan è stata revocata per un mese, spingendo Gudkov a scrivere sul suo blog che la compagnia attualmente è “chiusa”. È opinione generale tra i blogger russi all'opposizione che la chiusura sia dovuta a ragioni politiche.
I blogger pro-Cremlino non sono d'accordo, e sottolineano che l'azienda di Gudkov era incaricata della sicurezza dell'aeroporto di Mosca Demodedovo durante l'attacco terroristico del 24 dicembre. Altri fanno congetture sul fatto che quelle dei Gudkov sono solo le ultime causalità di un attacco generale alle ChOPs.
Dopo tutto, Pantan non è che un membro di un conglomerato di società di sicurezza chiamato Oskord. Da quando Gennady Gudkov ha fondato Oskord nel 1992, questo è stato coinvolto in una serie di attività, tra cui proteggere i convogli ONU per il recupero crediti. Lo staff è composto da oltre settemila veterani della sicurezza e delle forze armate.
In quanto tale, Oskord compete per contratti vantaggiosi con i Non-Departmental Corps, un ramo della MVD che fornisce servizi di sicurezza privati. Il MVD pare stia facendo pressioni sulle ChOPs in tutta la Russia; forse per incrementare la propria quota di mercato.

Gudkov in una manifestazione di protesta

Gudkov in una manifestazione di protesta

Per esempio, a Samarskaya Oblast nel 2010 furono portate a termine ventotto ispezioni, e furono confiscate 371 pistole. Un commentatore su GuardInfo.ru – una risorsa industriale – ha riassunto la situazione: “Così era prima del caso Gudkov, e così sarà dopo.”

Nel frattempo, l'avvocato russo di diritto delle armi Maria Butina ritiene che Gennady Gudkov abbia avuto quel che si meritava. Secondo lei, è stato strumentale nel limitare la possibilità dei cittadini di portare armi. Dice con ironia: “… se i civili potessero portare armi […] la ChOP di Gudkov non verrebbe chiusa così facilmente se vengono ritirate delle armi dal mercato.”

 

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.