chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Corea del Sud: riemerge il dibattito sulla “Net Neutrality”

La neutralità della rete è un principio alla base di Internet che impedisce, ai provider di servizi o ai governi, di limitare l'accesso alla rete o discriminare il traffico verso certi contenuti o siti web.  Ciò nonostante, in molte parti del mondo, con l'avvento delle reti mobili a banda larga, questo principio è stato messo in discussione, e le richieste di nuove regole per la gestione del traffico internet sono diventate sempre più insistenti. Uno dei paesi più connessi al mondo, la Corea del Sud, è al centro di un acceso dibattito sulla neutralità della rete – una questione che influenzerà in maniera piuttosto netta il futuro di Internet.

Il 4 giugno del 2012, “Voice Talk”, un nuovo mVoIP (mobile VoIP) è stato rilasciato nel mercato domestico di rete mobile. Questo servizio è stato sviluppato da una start-up coreana, KaKao, che gestisce la più popolare applicazione nazionale di instant messaging chiamata ‘Kakao Talk’. Di conseguenza, le compagnie coreane di telecomunicazione, inclusa Korea Telecom (KT) ed SK Telecom, hanno lanciato attacchi a Voice Talk, sostenendo che questa nuova tecnologia andrà sostanzialmente a declassare il loro servizio di data network. Hanno affermato, inoltre, che questa innovazione non solo andrà a danneggiare la loro infrastruttura di telecomunicazioni ma perfino la comunità. Il conflitto tra queste compagnie di telecomunicazioni e le compagnie internet ha portato all'intervento del governo.

Image of Kakao Talk

Immagine dell'applicazione Kakao Talk. Image by Flickr user xabeldiz (CC BY 2.0)

La Korea Communication Commission (KKC) ha annunciato il 13 luglio, 2012 che le autorità hanno divulgato delle linee guida di base per una gestione appropriata della rete. Queste nuove regole, comunque, permetteranno alle telcos (società di telecomunicazioni) di compiere discriminazioni non solo contro i nuovi mVoIP, come Voice Talk, ma anche contro le tecnologie Peer to Peer (P2P), che sono state largamente usate in Corea del Sud per le trasmissioni online e per scaricare gli aggiornamenti dei software. La decisione del governo ha scatenato un putiferio nello spazio web della Corea del Sud. E’ stato facile trovare persone che serbavano un vero e proprio rancore verso questa decisione, specialmente in alcuni gruppi, nei quali le persone hanno mostrato una certa antipatia per la decisione del governo di sedare i conflitti.

Per esempio, un utente di twitter, @goodhyun, che è un ex dipendente MS ed un tech writer, ha lamentato [ko] che la decisione del governo restringerà il dibattito futuro sulla governace di Internet in maniera negativa.

망중립성 논의는 거시경제학적 함의가 풍성해 이 사회가 더 튼튼한 제도 설계를 할 수 있게 만드는 좋은 소재입니다. 그러나 방통위께서 저렇게 스스로 전지전능한 듯 종결자 노릇을 해 주시니 논의는 이제 아마 감정적으로 치닫겠지요.

Il dibattito sulla neutralità della rete comporta grandi implicazioni macro economiche. Perciò, partecipare a questo dibattito fornisce una grande opportunità per costruire una struttura migliore delle fondamenta della nostra società. Comunque, è evidente, la KCC ha agito in maniera autoritaria, prendendo le dicisioni finali, impedendo ogni sorta di discussione razionale e dando il via ad uno scontro emotivo.

Altri sono preoccupati per l'impatto di questa decisione sull'innovazione ed i diritti civili in Corea del Sud. @rushtenm, dal suo profilo Twitter, ha criticato [ko] il governo per la mancanza di riguardo per le conseguenze di tale decisione nei confronti dell'innovazione in generale.

망중립성을 지켜줘야할 정부가 나서서 통신사 편을 들어주는 한쿡. 이러면서 또 3년 후에 우리나라에는 외국의 혁신적인 서비스가 없다고 징징거리겠지…. ㅉㅉ

Il governo dovrebbe proteggere la neutralità della rete ma in realtà favorisce solo le telcos. Nonostante questa decisione, in seguito i renderanno conto che non abbiamo una rete innovativa come in altre parti del mondo…

Un altro utente di Twitter, @soventure, un imprenditore, scrive [ko] che le decisioni si dovrebbero prendere in maniera più cauta dal momento che vanno a rimodellare la libertà di espressione su Internet:

농담처럼 이야기하고 있지만..하도 기막혀서 그런것이구요. 망중립성은 정말 중요합니다. 앞으로 컨텐츠벤처의 경쟁력을 다 깎아먹을 수 있는 문제도 있고.. 더 크게는 표현의 자유가 제한되는 문제도 있죠..

Ho commentato con un certo umorismo (non perché sia in nessun modo divertente) sebbene sia ridicolo. La neutralità della rete è importante. Prima di tutto, è significativa nel business online per le start up… e, molto più importante (nel caso che la neutralità della rete venga meno), essa metterebbe in pericolo, allo stesso modo, la libertà di espressione su internet…

@woohyung, un esperto sud coreano residente negli USA, incolpa [ko] il governo coreano per la sua incompetenza in termini di elaborazione delle linee guida per le Tecnologie dell’ informazione e della comunicazione (TIC) :

미국규제에선 21C 보편적서비스 개편방향이 최대 관건 중 하나 망중립성포함해 유무선망통합/IP서비스통합/신기술혁신/커뮤니티브로드밴드등이 관련된 주요정책요소들. 한국규제기관은 전문성/역량 다 부족하면서 인터넷강국 마케팅에 스스로 빠져 매우 오만하다 생각

Negli Stati Uniti, permettere ai cittadini un accesso universale alle infrastrutture TIC è una delle preoccupazioni principali dei loro dibattiti normativi. Questo include problematiche come la convergenza di reti fisiche e wireless, servizi IP, nuove tecnologie, banda larga comune ed altri argomenti. Comunque le agenzie normative coreane (compresa la KCC) hanno mancato di competenza e capacità di valutare questo aspetto. Cercando di definirsi una nazione fondata su Internet, sono rimasti intrapolati nella loro stessa arroganza.

Al fine di sensibilizzare l'opinione pubblica riguardo questa tematica e rapresentare la voce dei cittadini nel processo decisionale, Citizens’ Coalition for Economic Justice, Open Web, The Internet is ours,  Jinbo.net, People Power, Womenlink Media Activism Center, Citizens’ Action Network, ed altre organizzazioni civiche, il 2 maggio 2012 hanno costituito il  Network Neutrality Forum. Hanno ospitato, fino ad ora, due seminari pubblici per giornalisti sulla neutralità della rete, gli scorsi 13 giugno e 3 luglio.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.