chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Bolivia: sequestro di uranio a La Paz?

Il 28 agosto le autorità boliviane hanno sequestrato due tonnellate di materiale, presumibilmente uranio o minerali radioattivi, trasportati senza nessuna precauzione da una proprietà del centro di La Paz nelle vicinanze di varie sedi diplomatiche.

Il primo ministro Carlos Romero ha diretto l'operazione, portata a termine dalle unità speciali della polizia.  Più tardi il ministro Romero ha reso noto [es, come per tutti gli altri link eccetto dove diversamente indicato] che le prove e le analisi compiute dal laboratorio hanno determinato che il materiale “non è radioattivo. Non produrrà nessuna conseguenza dannosa [per la salute]”.

In ogni caso Romero ha anche annunciato che il Servizio Nazionale di geologia e tecnica delle miniere Sergeotecmin e l’ Istituto Boliviano di Scienza e Tecnologia nucleare continueranno le indagini dato che rimane ancora da chiarire la potenziale radioattività del materiale.

La polizia sequestra due tonnellate di uranio a Sopocachi, La Paz, il 28 di agosto.

La polizia sequestra due tonnellate di presunto uranio a Sopocachi, La Paz, il 28 di agosto. Foto su Twitpic di @pagina_siete

Le testate mainstream hanno diffuso immediatamente la notizia e per tutta la giornata hanno trasmesso diversi servizi sul tema. Anche in Rete sono emerse domande e commenti tra cui quelli ironici con l'etichetta #uranio.

Il giornalista e blogger Andres Gómez Vela commenta su Twitter (@andrsgomezv):

@andrsgomezv: Ojo, Bolivia no produce #uranio, ¿de dónde apareció este cargamento? Quizás Estaba en tránsito hacia a otro país, dice Viceministro Pérez.

@andrsgomezv: Attenzione, la Bolivia non produce #uranio, da dove è venuto fuori? Può darsi fosse di passaggio verso un altro Paese, dice il Viceministro Pérez.

I commenti riguardano anche il modo poco professionale con cui inizialmente è stato maneggiato materiale potenzialmente radioattivo.

Un sintetico tweet di Fernanda San Martin (@Fer_SanMartin) provoca l'immediata risposta di Mario Duran (@mrduranch):

@mrduranch: @Fer_SanMartin ¿fuente? #uranio ? ese material debe manejarse cubierto en recipiente de plomo es peligroso.

@mrduranch: @Fer_SanMartin e la fonte? #uranio Questo materiale dovrebbe essere maneggiato mantenendolo chiuso in un recipiente di piombo, è pericoloso.

Andres Gómez Vela (@AndrsGomezV) riflette:

@AndrsGomezV: Algunas dudas #uranio: hasta ahora ningún experto lo vio ni certificó y si era tan radiactivo ¿por que transportaron como si fuera arena?

@AndrsGomezV: Qualche domanda #uranio: fino ad ora nessun esperto l'ha visto né l'ha certificato. Se era poi così radioattivo perchè lo trasportavano come se fosse sabbia ?

Renan Justiniano (@renanjustiniano) conclude:

@renanjustiniano: Si el mineral encontrado ayer es #uranio lo primero que deberia haber hecho era ver si era radiactivo no llamar a la prensa! #bolivia

@renanjustiniano: Se il minerale trovato ieri è #uranio la prima cosa da fare era verificare se fosse radioattivo e non chiamare la stampa ! #bolivia

Le indagini sulla natura e la radioattività dei minerali sequestrati a La Paz sono tuttora in corso.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.