chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Brasile: sospeso lo sgombero dei nativi Guarani-Kaiowá

La lettera [pt, come gli altri link eccetto ove diversamente indicato] diffusa in ottobre dalla comunità indigena Guarani-Kaiowá di Pyelito Kue / Mbarakay, nello Stato brasiliano del Mato Grosso do Sul (MS), ha dato origine ad un'importante mobilitazione, sia dentro che fuori del Brasile. Molti cittadini hanno seguito su internet la lotta [it] ingaggiata nel municipio di Iguatemi, dopo le minacce di sgombero dalle proprie terre e moltissimi hanno firmato le petizioni rilanciate online. La mobilitazione ha ottenuto il risultato sperato, dato che il Tribunale Regionale Federale della 3ª Regione, a San Paolo, ha infine sospeso lo sgombero degli indigeni Guarani-Kaiowás dall'accampamento in cui si trovavano, accogliendo la petizione presentata dalla Fondazione nazionale per gli indigeni (FUNAI).

Maria do Rosário, Segretaria nazionale per i diritti umani della Presidenza della Repubblica, annuncia via Twitter:

@_mariadorosario: Acabamos de receber decisão judicial que suspende reintegração de posse do território dos Guarani-Kaiowá. Recurso do Gov.Federal foi acatado!

@_mariadorosario: Abbiamo appena ricevuto la decisione del giudice che sospende lo sgombero dei Guarani-Kaiowá. Il ricorso del Governo Federale è stato accettato!
Bambini Guarani-Kaiowa. Foto di Percurso da Cultura su Flickr (Licenza Creative Commons)

Bambini Guarani-Kaiowa. Foto di Percurso da Cultura su Flickr (Licenza Creative Commons).

I 50 uomini, le 50 donne e i 70 bambini della tribù Guarani-Kaiowá potranno rimanere nella fattoria Cambará a Iguatemi-MS, dove dispongono di un territorio di due ettari (l'equivalente di due campi da calcio). La decisione sarà valida fino a quando il FUNAI avrà concluso l'identificazione e la demarcazione definitiva del territorio indigeno.

La soluzione al momento è precaria, date anche le pessime relazioni con il proprietario. Secondo la denuncia presentata dagli indigeni mercoledì 24 ottobre una ragazza indigena di Pyelito Kue è stata violentata da otto uomini in una fattoria. Il Ministero della giustizia ha inviato un nuovo effettivo dell'esercito nazionale per mantenere l'ordine nella zona.

Secondo il pubblico ministero Marco Antonio Delfino de Almeida la mobilitazione dei social network ha avuto successo:

a mobilização das redes sociais foi definitiva para alcançar esse resultado. Provocou uma reação raramente vista por parte do governo quando se trata de direitos indígenas.

la mobilitazione dei social network è stata fondamentale per il raggiungimento di questo risultato. Ha provocato una reazione fin'ora mai vista da parte del governo su questioni riguardanti i diritti degli indigeni.
Incontro tra professori e leader GuaranI Kaiowá, Novembre 2012. Foto di percursodacultura su Flickr (Licenza Creative Commons)

Incontro tra professori e leader GuaranI Kaiowá, Novembre 2012. Foto di percursodacultura su Flickr (Licenza Creative Commons)

I leader  Guarani-Kaiowá, denunciando il genocidio perpetrato contro la loro etnia [it], hanno fatto riferimento alla notizia, sottolineando però che solamente la demarcazione delle terre [it] porrà fine al conflitto con i produttori agricoli della zona. Vogliono anche cercare di aumentare la rete di solidarietà creatasi attorno ai Guarani-Kaiowá. La lotta non è solamente contro gli sgomberi ma sopratutto per la demarcazione definitiva delle terre indigene.

Ladio Veron, leader Guarani-Kaiowá, racconta le sue difficoltà sul sito del giornale Carta Maior, in un'intervista pubblicata il 28 di ottobre:

Nello stato del Mato Grosso do Sul, 43.000 índigeni Guarani-Kaiowás esigono di poter far ritorno alle loro terre originarie che chiamano “tekoha”. Vogliono poter lasciare la riserva ed installarsi negli accampamenti, che sono quasi tutti legali. Oggi esistono più di 30 accampamenti Guarani-Kaiowá confinati sulle strade o dentro le fattorie nelle aree che gli indigeni hanno occupato. A questo vanno aggiunte le più di 20 aree che sono state recuperate e regolarizzate grazie alla forte pressione dei nativi, che hanno perso molti leader, morti durante la lotta. Nel frattempo, in tutte queste zone vige un alto controllo militare.

Villaggio di Ypoi. Foto di Percurso da Cultura su Flickr (Licenza Creative Commons)

Villaggio di Ypoi. Foto di Percurso da Cultura su Flickr (Licenza Creative Commons)

Una nota tecnica del FUNAI pubblicata nel marzo del 2012 [pdf] sostiene che il territorio rivendicato dagli indigeni di Pyelito Kue e Mbarakay è occupato da sempre dalle etnie Guarani e Kaiowá. Dal 1915, quando venne istituita la prima zona indigena, e sopratutto dagli anni '70 e '80 del secolo scorso, si sono intensificati gli episodi di espulsione di indigeni in favore dei proprietari agricoli (con l'obiettivo principale di aumentare le produzioni di zucchero di canna e di soia), a cui si vanno ad aggiungere gli episodi di segregazione e raggruppamento con altri gruppi etnici, fenomeni che hanno provocato un forte senso di insicurezza e di sradicamento culturale e sociale.

Il sito del Comitato internazionale di solidarietà con il popolo Guarani e Kaiowá sottolinea il potere economico che in questa regione riveste la produzione di canna da zucchero:

“A cana que hoje está sendo plantada lá e colhida como etanol já é misturada com sangue indígena Guarani Kaiowá”, disse o cacique. O peso do agronegócio na região teve uma guinada após acordo do ex-presidente brasileiro Lula com ex-presidente dos Estados Unidos George Bush sobre a produção de biocombustíveis.

La canna da zucchero che oggi viene piantata in quella zona e raccolta come etanolo, è mista a sangue indigeno Guarani Kaiowá”, ha detto il cacique. Il peso dell’ agroindustria ha subito un'impennata dopo l'accordo fatto tra l'ex presidente brasiliano Lula e l’ ex-presidente degli Stati Uniti George Bush rispetto alla produzione di biocombustibili

Un articolo di Larissa Ramina, docente di diritto internazionale della UFPR e di UniBrasil, illustra la tragedia annunciata sul sito Carta Maior:

A situação dos Guarani-Kaiowá, segundo grupo mais numeroso do país, é considerada a mais grave. Confinados em reservas como a de Dourados, encontram-se em situação de catástrofe humanitária: além da desnutrição infantil e do alcoolismo, os índices de homicídio são maiores que em zonas em guerra, como o Iraque.

La situazione dei Guarani-Kaiowá, il secondo gruppo più numeroso del paese, è considerata la più grave. Sono relegati in riserve come quella di Dourados, si trovano in una situazione che possiamo definire di catastrofe umanitaria: oltre alla denutrizione infantile e l'alcolismo, gli indici di omicidio sono più alti di quelli delle zone di guerra come l'Iraq.

Un comunicato diplomatico del 2009, trapelato da Wikileaks, mostra il disprezzo delle autorità del Mato Grosso do Sul di fronte alle domande dei Guarani Kaiowá per le terre coltivate dai produttori da decenni.

Sul sito del Ministero Pubblico Federale una istituzione federale con lo scopo di rappresentare gli interessi dei cittadini e delle comunità durante i processi penali (che in Brasile rappresenta il quarto potere), si legge:

Afastar a discussão da ocupação tradicional da área em litígio equivale a perpetuar flagrante injustiça cometida contra os indígenas em três fases distintas e sucessivas no tempo. Uma quando se lhes usurpam as terras; outra quando o Estado não providencia, ou demora fazê-lo, ou faz de forma deficiente a revisão dos limites de sua área e quando o Estado-Juiz lhes impede de invocar e demonstrar seu direito ancestral sobre as terras, valendo-se justamente da inércia do próprio Estado.

Non affrontare la discussione sull'occupazione tradizionale della zona contesa significa perpetuare la flagrante ingiustizia commessa contro gli indigeni in tre distinte fasi succedutesi nel tempo. La prima quando gli è stata usurpata la terra, la seconda quando lo stato non ha fornito o ha tardato nel farlo o ha compiuto in modo insufficente la revisione dei confini della loro zona e la terza quando lo stato giudice gli ha impedito di invocare e dimostrare il loro diritto ancestrale sulle loro terre, avvalendosi dell'inerzia dello stato stesso

Il deputato Pedro Kemp, leader del PT, ha affermato nel Parlamento del Mato Grosso do Sul:

Desenvolvimento não é só produção de boi, milho e soja, mas também respeito ao povo, direito a cidadania. O desenvolvimento deve ser econômico e social, com diretos a todos.

Sviluppo non significa solo produrre buoi, miglio e soia ma anche rispettare il popolo, il diritto e la cittadinanza. Lo sviluppo deve essere anche economico e sociale e includere la garanzia di diritti per tutti
Il villaggio di Ypoi. Foto di Percurso da Cultura su Flickr (Licenza Creative Commons)

Il villaggio di Ypoi. Foto di Percurso da Cultura su Flickr (Licenza Creative Commons)

Infine, i nativi hanno inviato i loro ringraziamenti attraverso un gruppo di Facebook [fr] creato in appoggio alla loro causa:

Nós, Guarani Kaiowá e os sobreviventes que realmente querem sobreviver, desejamos com esta mensagem simples expressar publicamente nossa imensa gratidão a todas e todos que acrescentaram Guarani-Kaiowá a seus nomes. Como todos sabem, os Guarani e Kaiowá, sozinhos, podem ser exterminados, mas estamos confiantes de que, com a real solidariedade humana e o apoio de todos vocês, podemos ser salvos de várias formas de violência contra nossas vidas e, especialmente, evitar a extinção do nosso povo. Graças a esse seu gesto de amor pela nossa vida, sentimos um pouco de paz e esperança em uma verdadeira justiça. Entendemos que há cidadãs e cidadãos movidos por um genuíno amor ao próximo, que têm sede de justiça e exigem esta justiça. Não temos palavras para agradecer a todos. Só dizemos JAVY'A PORÃ, a paz esteja em seus corações. Muito obrigados.

Noi, Guarani Kaiowá, noi sopravvissuti che veramente vogliano sopravvivere, vorremmo con questo semplice messaggio esprimere pubblicamente la nostra immensa gratitudine a tutte e tutti coloro che su Facebook aggiungeranno al loro nome il titolo Guarani e Kaiowá. Come sanno tutti noi siamo minacciati di sterminio ma continuiamo a credere che grazie alla solidarietà degli altri uomini ed il vostro appoggio possiamo salvarci dalle varie forme di violenza a cui siamo sottoposti, specialmente dal pericolo di estinzione. Grazie al vostro gesto di amore nei nostri confronti, proviamo pace e speranza in una vera giustizia. Siamo sicuri che esistono cittadini mossi da un vero sentimento di amore per il prossimo, con sete di giustizia. Non abbiamo parole per ringraziarvi tutti. Possiamo solo dire JAVY'A PORÃ, che la pace sia con voi. Grazie di cuore.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.