chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Cina: le ricchezze personali del Premier indeboliscono i riformisti?

L'incubo di nonno Wen

L'incubo di nonno Wen, di Hexie Farm (蟹农场) (immagine ripresa con autorizzazione)

Lo stufato della politica cinese ha bollito follemente prima del 18esimo Congresso Nazionale del Partito Comunista e della transizione della leadership avvenuta il 14 novembre scorso. Molti guardano alla composizione del nuovo Comitato permanente del Politburo [en, come tutti gli altri link] come una sconfitta del presidente uscente Hu Jintao, che ha fallito vedendo promossi i suoi alleati riformisti. Inoltre, Hu si è dimesso da presidente della Commissione Militare Centrale prima del previsto. I conservatori sono più forti del previso o qualcosa ha indebolito i riformisti?

Già due settimane prima che il Congresso iniziasse, il New York Times ha pubblicato un ampio articolo attinente ai membri della famiglia di Wen Jiabao, che avrebbero ammassato una fortuna combinata di 2,7 miliardi di dollari, usando l'influenza del Premier e stretti legami tra politica e affarismo.

Essendo la politica cinese già sul punto di bollitura, l'articolo del New York Times è esploso sul sito di social media Sina Weibo che presumibilmente rappresenta una ragionevole riflessione dell'opinione pubblica. I commenti espressi, sia di sorpresa che di delusione, hanno allagato Internet, ma anche molti di supporto incondizionato a Wen, ripresi da Rachel Lu su Tea Leaf Nation.

Grazie alla macchina della censura interna, pronta a fermare ogni “rottura dell'armonia”, sia la versione inglese che quella cinese del sito del New York Timese, sono state bloccate entro alcune ore dalla pubblicazione dell'articolo. Inoltre, i netizen locali conoscono modi creativi per aggirare il “Great Firewall“, e hanno già usato la parole in codice “Sparta” (che ha una pronuncia simile in cinese alla parola ‘18esimo Congresso’) per poter accedere all'articolo. Lily Kuo sul sito Quartz, ha esplorato i modi con cui i netizen hanno preso in giro i censori, per poter leggere l'articolo e discutere la faccenda. Kuo scrive:

I blogger hanno usato varie espressioni omonime per il nome New York Times, per superare i censori. Una è stata tradotta come “Giornale della cinta intrecciata” (扭腰时报) che suona come il nome cinese per un articolo che è già stato bloccato. Ma “Giornale della marmaglia”, un altro omonimo, sembra aver preso piede per adesso.

Alcuni hanno collegato logicamente le notizie e il loro tempismo a quello che potrebbe essere il più grave scandalo politico negli ultimi mesi: la caduta del politico che vola alto Bo Xilai. Nonostante gli sforzi del Partito nel mostrarlo come un esempio della lotta alla corruzione, molti hanno l'hanno percepito come un chiaro segno di lotta interna. Bo Xilai è considerato come rappresentativo dell'ala di sinistra del partito (che significa conservatrice in Cina) che si contrappone ai riformisti rappresentati da Wen Jiabao.

Nel suo post sul sito Tea Leaf Nation, Lu colleziona alcuni dei commenti che vanno in questa direzione:

“Che posizione sta prendendo il New York Times? Sono stati comprati dai sostenitori di Mao?” chiede un utente. “Tutte le parti stanno facendo le loro mosse finali e posizionandosi ai loro posti-questo è quello che penso riguardo il titolo di oggi del NYT”, commenta un altro. Alcuni credono che il quotidiano sia stato usato come una pedina nella lotta per il potere, “Questa volta il NYT veramente non ha compreso la Cina – non più di una marionetta.” Un altro utente scrive: “L'informazione è stata data al New York Times probabilmente dai poteri dell'ala sinistra, e l'ala destra se l'è meritato.”

Altri ammirano ancora Wen per essere il più anziano e il più attivo tra quegli ufficiali cinesi che hanno il coraggio di richiedere apertamente le riforme. “Non importa se queste rivelazioni siano veritiere, non mi aspetto che alti ufficiali nel del Partito Comunista Cinese siano comunque epurati. Spero solo che i liberali e i riformisti possano iniziare vere riforme politiche”, scrive un utente.

 

Ciò detto, sembra chiaro che il giornalista del New York Times, David Barboza, ha ricercato in documenti sociali complicati, e la possibilità che qualcuno l'abbia aiutato non può essere esclusa. Ciò non vuole svalutare il suo lavoro, ma può aiutare a spiegare la dominanza dell'ala conservatrice, una volta guidata da Bo Xilai, nel contesto del nuovo ciclo della politica cinese appena iniziato.

ISN logoQuesto post e le sue traduzioni in Spagnolo, Arabo e Francese sono commisionate dall'International Security Network (ISN) come parte della partnership sulle voci dei cittadini riguardo le relazioni internazionali e le questioni della sicurezza mondiale. Questo post è apparso originariamente sul Blog di ISN, che ospita vari articoli sullo stesso tema.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.