chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Fuleco, la mascotte che divide il Brasile

Attraverso un sondaggio online sponsorizzato da Coca Cola, i Brasiliani hanno potuto scegliere il nome della futura mascotte dei Mondiali 2014, un armadillo a tre fasce, piccolo animale delle foreste brasiliane in via d'estinzione. Questo animaletto ha la corazza molto resistente ed elastica tanto da riuscire a ripiegarsi su se stesso per proteggersi, da qui il suo nomignolo Tatu Bola… Armadillo Palla.

Sondaggio su Internet, con riferimento al film City of God:" Fuleco, ma anche no! Il mio nome è piccolo Zé!". Fonte: caricatura di Odes su Belo Horizonte

Sondaggio su Internet, con riferimento al film City of God:" Fuleco, ma anche no! Il mio nome è piccolo Zé!". Fonte: caricatura di Odes su Belo Horizonte

Su un milione e settecentomila votanti, il 48% ha scelto Fuleco e subito dopo Zuzeco (31%) e Amijubi (21%).

Le tre proposte sono state scelte da un comitato composto da Bebeto (ex giocatore della nazionale brasiliana), Arlindo Cruz (cantante e compositore di samba), Thalita Rebouças (giornalista e scrittrice), Roberto Duailibi (pubblicitario) e Fernanda Santos.

Il piccolo Tatu Bola, come lo chiama affettuosamente la maggior parte dei brasiliani, gode di grande simpatia nel Paese, come testimoniato dal sito Internet ufficiale della mascotte [pt, come i link successivi].

Secondo quanto precisato nel sito:

“la mascotte ufficiale, che è uno degli ambasciatori più in vista dei Mondiali 2014 oltre ad essere una specie protetta, giocherà un ruolo chiave nella sensibilizzazione del pubblico alla causa ambientale. Il nome Fuleco™ nasce infatti dalla fusione delle parole brasiliane futebol ed ecologia; simboleggia il modo in cui la Coppa del mondo può unire calcio ed ecologia e incoraggiare la gente ad assumere un atteggiamento più responsabile nei confronti del nostro pianeta. Preferendo il nome Fuleco™, i brasiliani dimostrano chiaramente di tenere a questi due concetti.”

 

Nonostante quanto sopra precisato, la scelta è stata messa fortemente in discussione da molti Brasiliani. Se l'adesione ai valori chiamati in causa è un dato di fatto, i cittadini lamentano dall'altro lato la scelta irresponsabile della FIFA.

In effetti il nome si presta a modifiche e, cambiando le ultime lettere, fuleco si trasforma in fuleiro. Nel Nord-est, assume il significato di bugiardo, pigro, mentre nel Sud-est, fuleiro indica qualcosa senza valore. Fuleco rimanda anche a furreco, che significa qualcosa di pessima qualità, senza valore.

"Non fateci vergognare! Non si chiama né Amijubi, né Fuleco né Zuleco. Il suo nome è Tatu Bola!

“Non fateci vergognare! Non si chiama né Amijubi, né Fuleco né Zuleco. Il suo nome è Tatu Bola! Fonte: pagina Facebook Juventude Sustentavel

In gergo, fuleco è anche sinonimo di ano, utilizzato nella stessa maniera in cui viene usata la nostra parola culo, così come indicato dal dizionario informale portoghese.

I giochi di parola si prestano particolarmente bene con Fuleco: fudeco (“baciatore”), fumeco (fumatore)…

Dunque, Fuleco non sembra essere una scelta saggia. Molti Brasiliani hanno manifestato il loro dissenso sui social network, come Facebook o Twitter. Varie caricature di Fuleco sono state condivise milioni di volte con commenti che esprimono vergogna, rabbia e lamentele, come su questa pagina dedicata alla mascotte.

È ora online un sondaggio, simile al precedente, per chiedere la sostituzione del nome della mascotte, proponendo di ribattezzarlo Tatu Bola.

La petizione online ha raccolto già più di 39.000 firme, con la seguente richiesta:

Se il personaggio Tatu Bola è stato scelto per la sua forma e il suo nome, perché mai la mascotte non potrebbe chiamarsi semplicemente…. Tatu Bola?

Il fatto più buffo della storia è che il comitato organizzatore (COL) e la Federazione Internazionale Gioco Calcio (FIFA) avevano esaminato 47 proposte di nomi, avanzate da sei agenzie brasiliane, basandosi sull'aiuto di bambini compresi in una fascia di età, tra i 5 e i 12 anni, giudicati determinanti per la scelta finale.

Almeno gli organizzatori hanno raggiunto il loro scopo: far ridere durante la ricreazione!

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.