chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Siria: attivista 14enne ucciso mentre riprendeva gli scontri armati

Il 21 maggio 2013, Omar Qatifaan, un attivista di quattordici anni, è stato ucciso mentre riprendeva gli scontri tra le Forze Armate siriane e l'Esercito Libero dei ribelli nell'area di Daraa al-Ballad, nel sud del paese, vicino il confine con la Giordania.

Il progetto online di una comunità di giovani, chiamato Documenti Siriani [en, come tutti i link seguenti], ha riportato la notizia della sua morte, e il blog di informazione YALLA SOURIYA l'ha soprannominato “Spirito della Siria”.

Dall'inizio del conflitto armato siriano, così come è successo per altre sommosse della Primavera Araba, è aumentato il numero di citizen journalist che vogliono segnalare le notizie sull'attuale guerra tra le forze governative e antigovernative direttamente dal luogo di svolgimento; molti di loro sono stati arrestati, torturati e persino assassinati mentre cercavano di far conoscere al mondo la storia della rivoluzione.

Anche i bambini hanno pagato un prezzo altissimo a causa dei combattimenti, venendo uccisi a migliaia.

Il 14enne attivista Omar, ucciso durante la battaglia in corso a Daraa. Immagine dal Twitter di @RevolutionSyria

Il 14enne attivista Omar, ucciso mentre riprendeva gli scontri a Daraa. Immagine dal Twitter di @RevolutionSyria

Un altro attivista ha registrato un video di Omar Qatifaan dopo la sua morte; il filmato è stato diffuso su Youtube dall'utente SyrianDaysOfRage [VIDEO]:

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.