chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Hong Kong: inviati locali riprendono delfini in cattività mentre si feriscono

I filmati dei delfini del Parco Oceanografico di Hong Kong [en, come i link seguenti, eccetto dove diversamente indicato], ripresi dai visitatori mentre si scagliavano spontaneamente contro le pareti della loro vasca, sono stati inseriti sul sito di informazione inmediahk.net e hanno scatenato violente reazioni mediatiche contro il centro che ospita questi mammiferi marini.

Durante una visita di due ore al parco, che non si presenta soltanto come un parco divertimenti a tema, ma anche come un centro di ricerca e di salvaguardia dei mammiferi marini, gli inviati di inmediahk.net hanno assistito a numerosi comportamenti anomali da parte dei delfini, tra cui l'atto di slanciarsi con forza contro la parete della vasca, producendo a ogni impatto un forte rumore sordo.

Il Parco Oceanografico afferma che l'atto di scagliarsi è un'abitudine “d'eccezione” e che “il comportamento ripreso non ha portato a casi di ferimento o di morte”.


(Video: gli inviati di inmediahk.net hanno assistito a numerosi comportamenti anomali da parte dei delfini.).

Il Dottor Samuel Hung, direttore della Società per la Conservazione dei Delfini di Hong Kong, un'organizzazione non governativa, è stato intervistato dagli inviati di inmediahk.net e ha spiegato [zh] che il comportamento anormale è dovuto allo stato di cattività cui sono costretti gli animali del centro:

Delfini che si scagliano contro la parete della vasca. Immagine tratta da inmediahk.net. Non è consentita la riproduzione per uso commerciale.

Delfini sbattono contro la parete della vasca. Immagine da inmediahk.net. Vietata riproduzione per uso commerciale.

雖然我們無法知道海豚想法,但這次海豚撞牆是十分罕見,至少我是第一次見。困養動物的行為很難理解,天性扭曲導致有異常行為,很難判斷海豚是否自殘。怎樣明確判斷為自殘行為,就好像沖繩海洋水簇館,海豚在表演途中跳出水池,這罷演行為正是自殘或自殺的表現。

Anche se non possiamo sapere cosa passi per la testa dei delfini, un comportamento simile è molto raro. In effetti, è la prima volta che assisto a una cosa simile. Non è facile comprendere l'atteggiamento di un animale in cattività. Di solito, è la perversione della loro natura [in un ambiente artificiale] a portare allo sviluppo di un comportamento anormale, ma è ancora troppo presto per stabilire se l'atto abbia intenti auto-lesionisti o suicidi. Quanto accaduto al Museo Marino di Okinawa aveva chiari intenti suicidi. Il delfino saltò fuori dalla vasca durante uno spettacolo e l'atto suicida assunse i tratti di uno “sciopero”.

In effetti le “condizioni di lavoro” dei delfini sono davvero inquietanti, come osservato dagli inviati durante il programma speciale del parco “Il Mese dell’ Animale – In Alta Definizione” [zh], che si tiene ogni anno:

劇場的四條海豚,長期處於高噪音環境下,劇場表演前為了娛賓,公園會派出樂隊作半小時的表演,另外14條海豚在研究中心也受到濾水器噪音長期折磨。海豚靠聽力覓食,發出聲響後可捕捉100米以內食物,聽覺頻率為1-150kHz 而人類聽覺頻率為 0.02-17kHz ,而最高可聽到40-100kHz。就算是一個普通人也抵受不了,何況是一條聽覺靈敏的海豚!

I quattro delfini del Teatro Oceanico lavorano in un ambiente molto rumoroso, con una banda che suona dal vivo per intrattenere in turisti in attesa della comparsa dei delfini sul “palcoscenico”. Come i 14 delfini del centro di ricerca, questi animali subiscono anche la tortura del sistema di filtraggio delle acque, che è attiva 24 ore su 24. I delfini in mare aperto si affidano all'udito per catturare i pesci e riescono a sentirli fino a 100 metri di distanza. I delfini percepiscono frequenze che si aggirano attorno ai 1-150kHz, mentre l'uomo riesce a udire suoni a una frequenza media di 0.02-17kHz e ad una massima di 40-100kHz. Il suono che per un uomo è fastidioso, per il sensibile delfino è una vera e propria tortura!

海洋劇場的狹窄水池住上4條海豚,其中3條在出場前,還在不斷複習表演動作,另一條海豚則在半米深的水池進行「豚聚一刻」節目,在訓練員的指示下,做出不同動作去娛樂遊客,同時訓練員使力按壓海豚頭部同身軀,避免海豚一旦掙扎弄傷遊客之餘,亦方便遊客接踵上前拍照留念。海洋劇場表演每日公演四次,每場大約30分鐘,由於近年入場旅客増多,難以估計海豚除應付劇場表演所帶來的工作壓力外,還得要承受多少場「豚聚一刻」及「親親海豚」等特備節目的心理折磨。

I quattro delfini erano costretti nella minuscola vasca del Teatro Oceanico: tre di loro ripetevano incessantemente gli esercizi dello spettacolo prima dell'inizio dello show, mentre l'altro era stato lasciato in una vasca con mezzo metro d'acqua per il programma turistico “Incontra il Delfino”. Il delfino deve eseguire gli ordini dell'istruttore e assumere diverse posture per intrattenere i turisti. Quando questi si mettono in coda per fare una foto, l'istruttore deve stringere la testa e il corpo dell'animale per evitare che si dibatta e ferisca qualcuno. Il Teatro Oceanico esegue questo genere di spettacolo quattro volte al giorno ed ogni sessione dura all'incirca 30 minuti. Senza considerare lo stress causato dalle performance, l'aumento del numero di visitatori registrato negli ultimi anni ha reso difficile stimare l'entità della tortura psicologica derivata dai programmi speciali pensati per i turisti, come “Incontra il Delfino” o “Bacia il Delfino”.

In origine il Parco Oceanografico fu fondato dall’ Jockey Club di Hong Kong, e faceva parte di un progetto governativo che voleva “favorire la conoscenza e la pratica della conservazione faunistica”. Il parco cessò di essere consociato all’ Jockey Club di Hong Kong nel 1987 e divenne un'entità a statuto indipendente, la Corporazione del Parco Oceanografico, con tanto di consiglio designato dal governo.

Nel parco divertimenti operano anche degli osservatori, dei laboratori, un dipartimento educativo e un fondo per balene e delfini. Il primo delfino al mondo procreato attraverso l'inseminazione artificiale è nato ad Hong Kong nel 2001, ma la morte dei cuccioli di delfino passa sempre inosservata, a causa della mancanza di un sistema di monitoraggio pubblico [zh]:

打從2012年出現夭折或出世不久後死亡的海豚數目究竟有多少, 園方從沒設立公眾監察機制,亦沒對外公佈資料,因此海豚死亡數字一直成疑。再者園方從無公佈一些「敏感」資料,如雌雄海豚比例、海豚年齡、親疏關係、每年的死亡數字、海豚來源、繁殖記錄等等,巿民一概沒有知情權,一所聲稱開放的研究中心卻欠缺透明的監察機制,罔論擔當真正教育公眾的角色,試問一間漠視生命基本權利的機構,談何保育?又談何教育?

Dal 2012 a oggi quanti cuccioli di delfino sono morti nel parco? Non esistono sistemi di monitoraggio né resoconti pubblici. Il numero dei decessi rimane avvolto nel mistero. Inoltre, il parco non ha mai annunciato di voler rendere accessibili i dati “sensibili” riguardo dei delfini: numero di maschi e di femmine, età, parentele, certificati di morte e di nascita. Come può essere un centro di ricerca pubblica, con un ruolo educativo, se non adotta un minimo di trasparenza? Come può educare la gente alla conservazione di una specie se, per primo, non rispetta la vita?

Le persone hanno espresso attraverso i social media la propria preoccupazione per gli animali del centro. Doris Woo, una studentessa di scuola media, commenta [zh] su Facebook:

將心比己 如果將你成日困喺屋企個浴缸到 應該唔會再想生存落去
海洋公園其實一早已經變左做商業用地

Immaginate di trovarvi intrappolati nella vasca da bagno di casa vostra: non vorreste più vivere. Il Parco Oceanografico adesso ha scopi commerciali.

Lam Chet Yan, uno studente dell'università locale, fa notare [zh] che:

海豚的聽覺非常敏銳,光是濾水器的聲音就足以讓他們壓力大到死亡,更別說表演時觀眾的喧囂聲早已讓他們崩潰。別再去觀賞動物表演,雖然海豚都笑瞇瞇的,但其實每一隻都壓力大到胃潰瘍在吃藥,也不要再去動物園,看著被囚禁的動物到底能學到什麼?還是單純因為人的「娛樂」就足以剝削動物到如此地步?

I delfini hanno un udito molto sviluppato. Il rumore prodotto dal sistema di filtraggio dell'acqua li ha già messi abbastanza sotto pressione. Il rumore dei turisti che assistono allo spettacolo li farebbe impazzire. Non guardate lo spettacolo. Anche se sembrano sorridere, lo stress a cui sono sottoposti è immenso. Non andate allo zoo. Cosa c'è da imparare da un animale in cattività? O pensate che si possa sfruttare in questo modo un animale solo per puro divertimento?

Fino al 28 maggio 2013, la petizione organizzata su Change.org per richiedere la liberazione dei cetacei costretti in cattività nel Parco Oceanografico ha già raccolto 809 firme:

Prego di aggiungere la mia voce a quelle che si oppongono alle esibizioni di delfini nel Parco Oceanografico. Le vasche di cemento non possono replicare la vastità dell'oceano, né possono soddisfare le esigenze fisiche e psicologiche di queste creature socievoli e intelligenti.

Gli spettatori del parco divertimenti marino vedono animali in cattività, i cui comportamenti istintivi sono stati sacrificati per un mondo votato al profitto economico. I delfini appartengono all'oceano, dove nuotano per 100 miglia al giorno. Costringerli a nuotare in tondo 500 volte al giorno per coprire una distanza di appena 50 miglia è una punizione crudele. […]

Non importa quanto il complesso sia all'avanguardia; non può duplicare l'habitat naturale di quegli animali. I delfini in libertà vivono fino a 50 anni, quelli in cattività superano soltanto di rado i 20. Il Servizio Nazionale per la Pesca Marina, afferma che più della metà dei delfini catturati muore nel giro di due anni. Gli altri, condotti in cattività, sopravvivono in media per 5,8 anni. I delfini tendono a creare legami sociali e tentano di comunicare attraverso l'emissione di onde sonore. Quando il riverbero crea un effetto “boomerang”, e l'onda sonora gli rimbalza letteralmente contro, i delfini impazziscono. Molti acquari utilizzano il Pepto-Bismol per curare le ulcere da stress dei delfini. Le vasche trattate con il cloro causano inoltre cecità e dermatiti. Molti animali periscono di polmonite, ulcera e altre malattie dovute allo stress.

Spero possiate considerare la possibilità di investire i fondi raccolti per questo progetto per altre iniziative educative, come riprendere i tentativi di riabilitazione della struttura, per poi mostrarli in un “teatro acquario”, o su Internet, o nelle aule scolastiche.

I mammiferi marini intrappolati rappresentano una triste caricatura di ciò che sono in realtà. Non sottoponete altre creature a dolori e sofferenze per il solo scopo del divertimento del pubblico.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.