chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Arabia Saudita: divieto di lasciare il paese per una giornalista e attivista

Ad Iman Al-Qahtani, giornalista e attivista saudita, è stato negato il diritto di lasciare l'Arabia Saudita. Lo ha annunciato lei stessa in un tweet del 19 luglio, dopo che le era stato impedito di recarsi in Turchia.

Al-Qahtani è una schietta attivista in favore dei diritti umani e una giornalista. Ha attirato su di sé l'attenzione dello stato dopo aver manifestato il suo fermo appoggio nei confronti di Abdullah al-Hamid, Mohammad al-Qahtani [en, come i link seguenti, eccetto dove diversamente indicato] e la loro organizzazione L'Associazione per i diritti civili e politici, durante il loro processo, svoltosi per aver “infranto la lealtà al sovrano e al suo successore” e aver “provato ad ostacolare lo sviluppo del paese”. All'inizio di quest'anno, questi sono stati condannati a 11 e 10 anni di prigione rispettivamente.

Su Twitter, la giornalista ha annunciato [ar]:

Stavo viaggiando dall'aeroporto di Dammam per Istanbul, e mi è stato proibito di partire. Sono stata informata sul divieto del mio viaggio, poi mi hanno chiesto di aspettare all'ufficio controllo passaporti.

Iman Al Qahtani. Source: @ImaQh

Iman Al Qahtani. Fonte: @ImaQh

Iman Al-Qahtani è stata precedentemente molestata dalle forze di sicurezza, a causa delle sue attività online e di reportage sui diritti umani. Dopo il suo aggiornamento in tempo reale via Twitter sul processo dei due attivisti, un giudice ha ordinato il suo arresto, per aver “fornito informazioni false alla corte”, ma l'arresto è stato più tardi cancellato.

Su Twitter, i netizen hanno discusso circa il divieto di viaggio di Al-Qahtani usando l'hashtag #منع_ايمان_القحطاني_من_السفر [ar], che si traduce come “divieto di viaggiare per Iman Al-Qahtani”.

L'utente Miss Reem, commenta [ar]:

Arresti, divieti di viaggio, oppressione, corruzione, disoccupazione, povertà e miseria. Verso dove si sta dirigendo il mio paese?

Il dott. Mohamed spiega che i divieti di viaggio sono diffusi in Arabia Saudita:

Il divieto di viaggiare è la faccia nota delle sistematiche violazioni da parte del governo Saudita contro i giornalisti e gli attivisti per i diritti umani

 

Mentre l'utente Fawaz Ahmed, deduce che tali divieti non sono più utili [ar]:

Il regime saudita continua ad essere autoritario, ma la sua abitudine ad opprimere e imbavagliare le voci di dissenso non funziona, nel momento in cui le persone continuano a parlare più forte e a chiedere i loro diritti.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.