- Global Voices in Italiano - https://it.globalvoices.org -

Palestina: la gastronomia locale promuove l'empowerment femminile a Nablus

Categorie: Palestina, Alimentazione, Citizen Media, Cyber-attivismo, Donne & Genere, Viaggi e turismo

La cucina levantina [1] [it, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] – e quella palestinese [2] in particolare – appartiene a una lunga e ricca tradizione gastronomica. Alcuni dei suoi deliziosi piatti sono famosi in tutto il mondo, mentre altri sono per il momento ancora sconosciuti: il kibbe [3] [en] (un piatto a base di bulgur [4] e carne), il musakhan [5] (una base di pane condita con sommaco [6], cipolle, pepe e a volte pollo arrosto) e la maqluba [7] (un piatto “rovesciato” di verdure fritte, carne e riso) sono pietanze che fanno parte del patrimonio culinario dell'umanità.

Situata circa 65 chilometri a nord di Gerusalemme, Nablus [8] è una città della Cisgiordania che presenta una situazione economica difficile, caratterizzata da alte percentuali di disoccupazione e di povertà.

In questo contesto le donne vivono in condizioni poco invidiabili, dovendo affrontare non solo le ristrettezze economiche, ma anche la mancanza di spazi in cui incontrarsi e socializzare.

In risposta a questa situazione è stata creata la seguente equazione: Cibo + Nablus + Donne = Bait al Karama [9] [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] (“Casa della dignità” in arabo). Si tratta di un centro socio-culturale i cui obiettivi vengono elencati nel sito web [10] del progetto:

Il progetto Bait al Karama, a cui nel 2012 è stato assegnato un micro-finanziamento [11] da Rising Voices, viene descritto dalle sue tre fondatrici (una palestinese, un'italiana e un'inglese) come la prima scuola di cucina interamente gestita da donne in Palestina; funziona come un'impresa sociale e opera in collaborazione con Slow Food International [12].

A giugno 2012, 10 donne di Nablus (studentesse, lavoratrici ed ex prigioniere politiche) hanno partecipato ad un workshop [13] durato 4 giorni, durante il quale hanno appreso nozioni di base nel campo della fotografia e della produzione video. Qual'è stato il tema loro assegnato? La tradizione culinaria palestinese, ovviamente. Le partecipanti sono andate in giro per la città a intervistare esperti di gastronomia tradizionale e hanno prodotto diversi video:

 

 

 

 

Questi video contribuiscono all'obiettivo di Bait al Karama di far conoscere la cucina palestinese a livello internazionale, così come la partecipazione [14] a Terra Madre [15], il salone organizzato da Slow Food, e la presentazione del progetto al Parlamento Europeo [16] [it] in marzo. Gran parte del lavoro viene svolto in maniera partecipativa: dall’organizzazione dei corsi di cucina [17] rivolti ai locali e ai turisti, che sono valsi loro una menzione nelle guide Lonely Planet [18], alla ricerca di nuove fonti di finanziamento a favore del centro, affinché si trasformi in un “punto d'incontro per le donne della comunità locale”, che vanta un servizio di catering e ora anche un centro estetico. Tra i progetti futuri, le fondatrici di Bait al Karama sperano di poter aprire un ristorante.

Vi trovate a passare per Nablus? Potete iscrivervi a uno dei loro corsi [19] e imparare a cucinare la maqluba con le vostre mani…

Cos'altro c'è in cantiere? Eventi come la raccolta fondi tenutasi a Londra il 14 luglio scorso per finanziare la loro idea di aprire un ristorante.

Evento fundraising a Londra [20]

Per ulteriori informazioni sull'evento, cliccare sull'immagine