chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Brasile: squadra di calcio lancia campagna anti-razzismo #azulpretoebranco

In un video pubblicato [pt, come i link successivi salvo diversa indicazione] il 12 agosto, la squadra di calcio Grêmio di Porto Alegre [it] ha presentato la maggior parte dei suoi giocatori, bianchi e neri, per parlare di razzismo. Il progetto, partito a maggio di questo anno e approvato all'unanimità, è stato realizzato in conseguenza delle nuove normative FIFA, riguardanti punizioni più severe contro casi di razzismo nel calcio.

In Europa le campagne di sensibilizzazione contro il razzismo in campo si sono intensificate molto negli ultimi anni, mentre in Brasile l'argomento è ancora poco trattato all'interno degli stadi.

Nel filmato, Zé Roberto [it], centrocampista della squadra ed ex giocatore della nazionale brasiliana, racconta che non è mai stato vittima di razzismo da calciatore, ma rivela che prima di iniziare la carriera sportiva è stato discriminato per il colore della sua pelle durante un colloquio di lavoro. Matheus Biteco [it], gioca come mediano, e ricorda che da piccolo è stato avvicinato dalla sicurezza di un supermercato sempre per lo stesso motivo, sia lui, che il padre, che il fratello Guilherme [it], altro giocatore del Grêmio.

L'iniziativa è online su vari social network, con l'hashtag #azulpretoebranco, in riferimento ai colori della squadra (bianco, nero e blu).

1 commento

  • zil

    Partite Liga e Premier, grande spettacolo su Fox Sports…

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.