chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Comore: Bloccati i servizi di telefonia online come Skype e simili

Skype ed altri programmi Voip che consentono di telefonare gratuitamente via internet sono, ad oggi, sospesi nelle isole Comore [en]. Il sito web Linfo.re riporta [fr, come tutti i link seguenti]:

L’azienda statale Comores Telecom ha appena vietato ufficialmente ogni tipo di softwer Voip, bloccando concretamente tutte le conversazioni telefoniche online. L’azienda ha spiegato che queste misure sono state prese per proteggere la sostenibilità finanziaria dell’azienda, dato che il 90% delle entrate provengono dalle chiamate telefoniche.

Il quotidiano online La Gazette des Comores ha aggiunto che un reclamo formale è stato accolto dall’ associazione dei consumatori:

L’associazione dei consumatori IT ha raccolto, in accordo con l'Alta Autorità per gli affari IT, organo incaricato di risolvere le dispute tra consumatori, un reclamo contro la Comores Telecom. L’associazione sostiene che sono gli utenti a pagare per l’incapacità gestionale della compagnia, e che nelle isole Comore non c’è una dittatura che permetta di calpestare i diritti dei cittadini.

Il 5 agosto gli utenti di internet hanno creato su facebook una pagina intitolata : “Dì di no alla censura di Comores Telecom”, sostenendo che l’azienda invece di aprire il mondo alle Comore, come dice la pubblicità, ha separato le Comore dal resto del mondo.

Foto tratta dalla pagina facebook “Non aux Censures de COMORES TELECOM” con autorizzazione

 

 

 

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.