chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La Romania aprirà ai turisti il luogo teatro dell'esecuzione del dittatore comunista Ceaușescu

Secondo la stampa rumena, la Romania starebbe per fare dell'ex base militare di Târgoviște, teatro dell'esecuzione del dittatore comunista Nicolae Nicolae Ceaușescu, un'attrazione turistica.

Il luogo in cui Ceaușescu, il tristemente noto dittatore rumeno, fu giustiziato aprirà al pubblico il prossimo mese.

L'inconsueta notizia è stata resa nota tra gli altri dal giornalista italiano Giampaolo Poniciappi su Twitter [it, come i link seguenti, salvo diversa indicazione]:

Ceaușescu divenne segretario generale del Partito Comunista rumeno nel 1965 e fu Presidente della Romania dal 1967 al 1989, soffocando l'opposizione con l'uso della forza bruta.

photo used under Creative Commons license.

Foto d'archivio di Ceaușescu quando era Presidente della Roamnia; foto utilizzata su licenza Creative Commons.

Ceaușescu e sua moglie Elena fuggirono da Bucarest in elicottero dopo che folle inferocite si erano riunite davanti al quartier generale del Partito Comunista negli ultimi giorni della rivoluzione rumena, il 22 dicembre 1989. L'esercito li intercettò poco dopo e ordinò un processo di tre giorni in uno speciale tribunale militare [en]. L'accusa principale era quella di genocidio, e il dittatore fu accusato della morte di circa 60 000 persone, sebbene gli storici abbiano contestato questa cifra. Il tribunale condannò a morte i coniugi Ceaușescu con plotone d'esecuzione il giorno di Natale del 1989.

Un soldato di guardia durante il processo ricevette l'ordine di portare fuori i Ceaușescu uno alla volta e di fucilarli, ma i coniugi chiesero di poter morire insieme. I soldati assecondarono la richiesta e legarono loro le mani dietro alla schiena, malgrado le loro proteste. Una troupe televisiva incaricata di riprendere l'esecuzione riuscì a registrare soltanto la fine del terribile evento, quando i Ceaușescu giacevano già a terra ricoperti dalla polvere sollevata dai proiettili che colpivano il muro e il suolo.

Prima di essere giustiziato, Nicolae Ceaușescu cantò “L'Internazionale” mentre i soldati lo accompagnavano al muro davanti al plotone di esecuzione. Dopo l'esecuzione, i corpi furono coperti con dei teli.

I Ceaușescu furono gli ultimi ad essere giustiziati in Romania prima dell’abolizione della pena capitale in 7 gennaio 1990. Riposano nel Cimitero di Ghencea a Bucarest [en], sepolti agli estremi opposti di un sentiero. Le tombe di per sé sono anonime, quasi sempre ricoperte di fiori e simboli del regime. Più di 20 anni dopo la loro morte, i coniugi Ceaușescu non hanno ancora smesso di attirare l'attenzione del pubblico.

Elena Ceaușescu era oggetto di un culto della personalità intenso quanto quello del marito, che la esaltava in quanto “Madre della Nazione”. A detta di tutti, la sua vanità e la brama di potere superavano quelle di suo marito. Esattamente come accadeva con il marito, la televisione rumena aveva ricevuto l'ordine di mettere cura nel ritrarla sullo schermo. Ad esempio, non doveva essere inquadrata di profilo per via delle sue fattezze poco avvenenti (sebbene si dicesse che fosse stata molto bella da giovane) e del naso grosso. Pubblicamente, Elena diceva di sentirsi onorata quando la chiamavano “camerata”, ma i rumeni che vivevano negli Stati Uniti si riferivano a lei chiamandola “Madame Ceaușescu” con grande disprezzo.

Il grande interesse nei confronti di questa particolare attrazione turistica è dimostrata dalle reazioni degli utenti Internet, che hanno diffuso la notizia sui social network. Tuttavia ancora non ci sono state reazioni positive o negative a questa decisione inusuale del governo rumeno. L'interesse su Internet è innegabile, ma la maggior parte degli utenti sembra essere semplicemente sorpresa e curiosa di vedere cosa accadrà a settembre quando il sito aprirà.

Laura Desere, una giornalista di affari internazionali, ha twittato la notizia [en]:

Questo settembre la #Romania aprirà al pubblico l'ex base militare di Targoviste, dove fu giustiziato #Ceausescu

Un utente di Twitter egiziano, Essam Man, ha scritto [ar]:

A settembre aprirà al pubblico il luogo teatro dell'esecuzione di Ceaușescu e sua moglie

L'insegnante e traduttore Paul-Sorin Tita dalla Romania ha aggiunto [en]:

La #Romania apre al pubblico il luogo dell'esecuzione di #Ceausescu

L'utente Twitter Antonio Silva [en]:

Il giornalista italiano Matteo Pazzaglia è di un'opinione non comune:

Nel frattempo, in Romania, i lavori di ristrutturazione hanno riportato allo stato originale la bizzarra attrazione vicina alla città di Târgoviște nella Romania centrale, che avrà così lo stesso aspetto che aveva quando Ceaușescu e sua moglie Elena sono andati incontro alla loro fine per mano di un plotone di esecuzione e, stando alle cronache, di non meno di 120 proiettili.

“I visitatori potranno vedere il muro dove i Ceaușescu furono giustiziati”, ha detto a Mediafax, agenzia stampa con sede a Bucarest, il direttore del museo, Ovidiu Cârstina. “Gli interni dell'edificio sono stati ritinteggiati negli stessi colori del 1989, e lo stesso sarà fatto per i mobili. Stiamo ricreando la stanza dove ebbe luogo il processo improvvisato e la camera da letto dove trascorsero la loro ultima notte”.

Il sito ospiterà anche una mostra sulla storia precedente della struttura come scuola di cavalleria tra il 1893 e il 1914. I dirigenti raccontano di avere deciso di aprirla al pubblico a settembre a fronte dell'aumento della richiesta da parte dei turisti stranieri. I biglietti costeranno soltanto 7 Lei rumeni (circa 1,50 euro).

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.