chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Ungheria: imputato di crimini nazisti muore prima del processo

In questi giorni una delle notizie più commentate dai netizen europei e ungheresi è stata la morte di László Csizsik-Csatáry [en, come tutti i link a seguire tranne ove diversamente indicato], uno dei criminali nazisti più ricercati, deceduto domenica 10 agosto mentre era in attesa di processo in Ungheria.

L'uomo di 98 anni, nativo ungherese, in cima alla lista sempre più ridotta dei sospettati di crimini di guerra nazisti [it], è morto in ospedale quando era ormai vicina la data del processo a suo carico per aver mandato quasi 16.000 ebrei nei campi di concentramento. La morte di Csatáry è stata annunciata ufficialmente lunedì 12 agosto a Budapest.

Il suo avvocato ha affermato che l'uomo era morto in ospedale durante il fine settimana a causa di una polmonite. La morte di Csatáry rappresenta un duro colpo per i superstiti dell'Olocausto che sono tuttoggi in cerca di giustizia.

Un documento che il Simon Wiesenthal Center [it] ha preparato su Csatáry lo vede coinvolto nella deportazione di 300 persone da Kassa [it] (Kosice) nel 1941. Nell'agosto del 2012, l'Ufficio della Procura di Budapest ha lasciato cadere le accuse affermando che Csatáry non si trovava a Kassa in quel periodo e che il suo grado militare non gli consentiva di organizzare il trasporto. Secondo quanto riportato, nel gennaio del 2013 la polizia slovacca ha trovato un testimone le cui dichiarazioni convalidano altre accuse relative alla deportazione di 15.700 ebrei da Kassa nel maggio del 1944.

A group of Jewish men, women and children being led to a concentration camp during WW II; photo provided by by the German Federal Archives, used under Creative Commons 3.0 license.

Uomini, donne e bambini ebrei condotti in un campo di concentramento durante la Seconda Guerra Mondiale. Foto dell'Archivio Generale Tedesco utilizzata con licenza Creative Commons 3.0.

Le autorità ungheresi hanno affermato che Csatáry era capo di un campo di internamento per gli ebrei durante il 1944 a Kosice, una città slovacca che all'epoca faceva parte dell'Ungheria, e che picchiava gli internati a mani nude e con un frustino. E’ stato anche accusato di aver contribuito alla deportazione di migliaia di ebrei ad Auschwitz [it] e altri campi di concentramento nazisti. Csatáry ha sempre negato le accuse.

Csatáry è stato condannato a morte in absentia in Cecoslovacchia nel 1948 per crimini di guerra simili. Un tribunale di Budapest, a luglio, ha sospeso la causa contro Csatáry citando la doppia incriminazione, perché le accuse inoltrate dai pubblici ministeri ungheresi erano simili a quelle della sua condanna del 1948. I pubblici ministeri ungheresi hanno fatto appello contro questa decisione e si era in attesa di verdetto.

Il caso di Csatáry e la sua residenza sono stati rivelati nel 2012 dal Simon Wiesenthal Centre, un'organizzazione ebrea che dà la caccia ai nazisti finora sfuggiti alla giustizia.

Molti netizen di ogni parte del mondo non hanno nascosto il loro dispiacere riguardo alla sua morte.
L'utente di Twitter Richard S. afferma:

Il sospettato più ricercato del mondo #Nazi Laszlo #Csatary è morto all'età di 98 anni in attesa di giudizio http://t.co/w00u9CiXfg Per troppo tempo è riuscito a sfuggire alla giustizia. #Wiesenthal

Il politologo Siniša Bundalo dalla Serbia ha scritto [sr]:

Quando vedo come questo fascista ungherese #Csatáry sia riuscito a scamparla, non credo nel detto che “la giustizia è lenta ma….!”

Jan Nemecek, un utente di Twitter della Slovacchia ha osservato:

#Csatary è morto e qualche ungherese crede ancora che sia un eroe. Che vergogna.

Hans Meijer, un consulente delle comunicazioni del Gemeente Hilversum in Olanda, ha condiviso la notizia:

L'ungherese accusato di crimini di guerra dell'epoca nazista è morto. http://m.apnews.com/ap/db_307122/contentdetail.htm?contentguid=Y9PPsYIc … pic.twitter.com/khjhlX48Z5

Andrew Yurkovsky, un giornalista americano che segue le vicende dell'Europa Centrale e Orientale, ha scritto:

Accusato di essere stato il leader di un campo di concentramento, Laszlo #Csatary è morto prima del processo; questo caso ha messo in luce il ruolo dell'#Ungheria nella Seconda Guerra Mondiale http://t.co/zGwUhkbLLh

Un altro utente di Twitter si è unito a ciò che molti altri dicono in rete:

#Nazi Criminale di guerra #Csatary muore a 98 anni (con 73 anni di ritardo) – #Israel National News http://t.co/8cuTjrziYp

In risposta all'annuncio della sua morte da parte dei media, persone di tutto il mondo hanno chiesto giustizia [es]:

Radiomitre: è morto Laszlo Csatary, il nazista più ricercato. Era il responsabile della morte di 15.700 ebrei e non è stato condannato.
Jose Luis Lopez: Beh, adesso dovrà affrontare il giudizio peggiore di tutti e senza avvocati.

Un anno fa alcuni giornalisti del quotidiano inglese “The Sun” avevano scoperto dove viveva Csatáry e avevano bussato alla sua porta sperando in qualche dichiarazione. Il processo a suo carico sarebbe dovuto iniziare a settembre.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.