chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

USA: Deragliamento de ‘La Bestia’, un'altra tragedia nel fallace sistema dell'immigrazione

Migrants on "la Bestia". Photo by Peter Haden on Flickr (CC BY 2.0)

Immigrati sul “la Bestia”. Foto di Peter Haden su Flickr (CC BY 2.0)

Questo articolo fa parte della serie su America Latina: Migrant Journeys [en, come gli altri link, eccetto ove diversamente segnalato], in collaborazione con il Congresso del Nord America per l'America Latina.

Il 25 agosto scorso, un treno merci è deragliato nel sud del Messico uccidendo 11 immigranti del Centro America che avevano approfittato di un passaggio sopra il tetto dei vagoni merci. Si pensa che almeno 250 persone stessero viaggiando su questo treno prima che deragliasse, ferendo altri 18 immigrati.

Ogni anno centinaia di abitanti del Centro-America cercano passaggi sui treni merci messicani in direzione nord, per poter raggiungere il confine americano alla ricerca di lavoro e di una vita migliore. Gli immigrati spesso viaggiano sui treni per scappare dagli ufficiali dell'immigrazione messicani che perquisiscono gli autobus alla frontiere cercando persone dell'America Centrale da rimandare indietro.

Il treno, conosciuto tra gli immigrati con il nome de “La Bestia”, offre a queste persone un'alternativa per raggiungere gli Stati Uniti, ma è una strada piena di pericoli. Le bande e gli ufficiali messicani corrotti saccheggiano i treni e ricattano o rapiscono gli immigrati, spesso catturandoli ed obbligandoli a lavorare per il crimine organizzato.

Mentre i deragliamenti della Bestia sono normali, la sfida più grande che molti immigrati che attraversano il Messico devono affrontare, proviene proprio dalle bande che approfittano delle loro situazioni vulnerabili. Per molti immigrati, la maggior parte dei quali proviene dall'Honduras, il paese che ha attualmente il tasso di mortalità più alto del mondo, la loro esperienza con la violenza legata alle bande spesso inizia ancor prima di lasciare il loro paese di origine.

L'anno scorso, ho avuto l'opportunità di fare volontariato in un piccolo rifugio per migranti di Città del Messico. Nel marzo scorso, abbiamo accolto una donna dell'Honduras nel centro, Juana Morelos, che stava viaggiando sulla Bestia con il figlio di sette anni. Juana ha lasciato l'Honduras perché una delle bande locali, che estorceva denaro dal piccolo negozio di cui era proprietaria, aveva cominciato a minacciare di morte la sua famiglia quando la donna non poteva più permettersi di pagare. Temendo per la propria vita, Juana era scappata dall'Honduras con il figlio e aveva cominciato a salire sui treni merci messicani che si dirigevano verso il confine con gli Stati Uniti.

Juana e il figlio hanno trascorso alcuni mesi a Città del Messico, durante i quali le ho fatto un corso di inglese accelerato prima che riprendesse il suo viaggio verso il Texas. Quando infine Juana è giunta al confine con gli Stati Uniti, abbiamo saputo che aveva tentato di passare il confine con un “coyote” [contrabbandiere] ed era stata rimpatriata. Ero preoccupato per Juana, ma quando ho saputo che era arrivata al confine, luogo in cui la minaccia di rapimento è maggiore, ero terrorizzato.

Juana ha raggiunto il confine due mesi dopo che la “Banda degli 8″ senatori rilasciasse la proposta per una nuova proposta di legge sulla riforma dell'immigrazione, che è passata lo scorso giugno al Senato [it], e che include un aumento di 3.500 agenti di pattuglia sul confine e 4,5 miliardi di dollari da aggiungere ad un nuovo sistema di sorveglianza, ad aerei droni, e alla costruzione di recinzioni lungo il confine tra gli Stati Uniti e il Messico. Invece di preoccuparsi delle ragioni per cui Juana e centinaia di altri immigrati erano a bordo del treno messicano che è deragliato la scorsa settimana, per immigrare a nord negli Stati Uniti, la proposta di legge sulla riforma dell'immigrazione offre una porta chiusa ai loro tentativi di fuggire dalla violenza, che per la maggior parte è causata dal consumo americano delle droghe illegali.

Questa proposta di legge per la riforma dell'immigrazione assomiglia molto alla Legge sulla Riforma e il Controllo dell'Immigrazione del 1986 (IRCA), che legalizzava quasi tre milioni di immigrati senza documenti negli Stati Uniti e aveva quintuplicato il numero di agenti di controllo alla frontiera, fino ad un numero di 22.000. Oggi, circa 11 milioni di persone vivono negli Stati Uniti senza un permessio di soggiorno regolare, e questo significa che l'IRCA non ha fatto abbastanza per risolvere i problemi che obbligano le persone ad immigrare.

Quest'anno, mentre stavo visitando una piccola cittadina nello stato del Messico centrale di Querétaro, ho incontrato un uomo di 81 anni, Jose Ramírez, che aveva ricevuto la cittadinanza americana attraverso l'IRCA. Da giovane, Ramírez trascorreva la metà di ogni anno a lavorare nelle fattorie degli Stati Uniti e tornava a casa per fare visita alla moglie e ai figli. Quando attraversare il confine è diventato più costoso e pericoloso, Ramìrez non poteva più giustificare il motivo del suo ritorno in Messico così spesso, così ha trasferito la famiglia in Florida. L'aumento della polizia di confine durante l'ultimo mezzo secolo, che avrebbe dovuto tenere le persone come Ramìrez fuori dagli Stati Uniti, è diventato invece una motivazione per insediare la sua famiglia in Florida.

Se è vero che molte persone provenienti dal Messico o dall'America Centrale entrano negli Stati Uniti senza autorizzazione e vi si stabiliscono stabilmente, questo non significa che lo vogliano veramente. Come per la maggior parte delle persone che vivono nelle piccole cittadine americane, anche gli immigrati latino-americani spesso provengono da zone rurali dove i valori sono la casa e la famiglia. Se nell’ America rurale fosse offerto un lavoro con uno stipendio sette volte il valore del loro reddito, ma che comporta un trasferimento in uno stato straniero con una lingua diversa, rischiando anche la propria vita per attraversare un deserto per poterci arrivare, molto probabilmente molti di loro sceglierebbero di rimanere a casa propria. Alle persone come Juana Morelos, però, la mancanza di opportunità economiche e la violenza provocata dal traffico di droga non lasciano altra scelta.

Una sicurezza incrementata lungo i confini a sud terrà lontano molti immigrati dal nostro paese, ma non li fermerà dal provare ad entrare. Durante la mia ricerca sulla immigrazione in Messico, lo scorso anno scorso ho incontrato molti messicani che hanno lavorato per decenni negli Stati Uniti con documenti falsi, solo per mettere da parte il denaro per acquistare della terra e cominciare un lavoro a casa propria. E se invece di investire miliardi di dollari in aerei droni e recinzioni usassimo un po’ di quel denaro per appoggiare il governo messicano nel creare prestiti per questi imprenditori, così che possano iniziare le loro piccole attività e assumere i propri vicini?

Un disegno di legge sulla riforma dell'immigrazione dovrebbe includere anche un progetto per diminuire la violenza in America Centrale, motivo che obbliga molte persone ad immigrare. L'Honduras e El Salvador hanno il tasso di mortalità più altro del mondo. Questa violenza è causata principalmente dai cartelli della droga, che hanno iniziato a usare il Centro America per contrabbandare negli Stati Uniti.

Le foto degli immigrati, in piedi, lungo il treno capovolto nel luogo del deragliamento della “Bestia”, sono una storia semplice per i media alla ricerca di una risposta stringente per i propri lettori. L'incidente invece è soltanto uno dei tanti incidenti lungo una catena di violenza e pericoli che segue gli immigrati dall'America Centrale fino agli Stati Uniti. Si tratta di una questione che molti politici americani vorrebbero risolvere aggiungendo forze militari alla frontiera, ma come quando l'IRCA è diventato legge 25 anni fa, i problemi reali su cui ci si dovrebbe concentrare rimangono lontani dal confine americano.

Alcuni giorni dopo il rimpatrio di Juana, la donna, insieme al figlio, ha tentato di attraversare nuovamente il confine. Al rifugio a Città del Messico, uno dei parenti di Juana mi ha detto che questa volta erano riusciti ad arrivare a Houston sani e salvi.

Mentre il Parlamento si prepara a votare sulla riforma dell'immigrazione, migliaia di immigrati, come Juana e suo figlio, continuano ad entrare negli Stati Uniti con i contrabbandieri. Se l'attuale disegno di legge passasse in Parlamento, offrirà la cittadinanza americana soltanto agli immigrati senza documenti che sono entrati negli Stati Uniti nel 2001 o in precedenza. Senza un cambiamento del modo in cui la nostra nazione affronterà l'immigrazione in futuro, il deragliamento della Bestia continuerà ad essere un piccolo incidente in mezzo ad una tragedia più grande, e Juana e suo figlio diventeranno parte della prossima generazione di immigrati senza documenti che vivranno nell'ombra.

Alcuni nomi in questa storia sono stati cambiati per proteggere l'identità delle persone coinvolte.

Levi Bridges è un giornalista con una borsa di studio Fulbright che vive a Città del Messico. Scrive sul www.bridgesandborders.com ed è su Twetter come @levi_bridges.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.