chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Guinea-Bissau: un paese in cerca di prosperità

Questo articolo, scritto da Silvia Arjona Martín, è stato pubblicato inizialmente sul sito AECOS [es, come i link seguenti, salvo diversa indicazionecon il titolo “Aria nuova per la Guinea-Bissau” il 26 agosto 2013. 

La Guinea-Bissau si è rivelata incapace di provvedere alle necessità dei suoi abitanti nel periodo di transizione che è seguito all'ultimo colpo di stato [en] del 12 aprile 2012, e questa precarietà rende la vita quotidiana dei suoi 1,6 milioni di abitanti compicata e ostica. 

Cadija Mané, sociologa specializzata in diritti umani, si commuove e le trema la voce mentre spiega la situazione in cui vivono le persone in Guinea-Bissau: 

¡Es vergonzoso, miserable y lamentable que vayamos a cumplir 40 años de independencia y vivamos en un país en el que no podemos soñar!

È vergognoso, triste e inaccettabile celebrare i 40 anni di indipendenza e vivere ancora in un paese che non ci consente di sognare!

Vivere in un paese dove i servizi primari di base, come elettricità e acqua potabile, mancano in quasi tutte le case non è facile. Lo si può constatare ovunque: ospedali senza il materiale tecnico e il personale necessario, scuole senza insegnanti preparati, carenza di cibo nella maggior parte delle aree di campagna, violazioni dei diritti delle donne, intimidazioni, libertà d'espressione soppressa, traffico di droga, nessun sistema di comunicazione, ecc.

Il Programma di Sviluppo della Nazioni Unite (UNDP) [en] pone la Guinea-Bissau, un piccolo staterello tra Senegal e Guinea Conakry, al 176esimo posto su 186 paesi. Se a questo si aggiunge che l’ aspettativa di vita è di circa 48 anni, il prodotto interno lordo pro capite è di 1.042 dollari (dollari internazionali [en] il cui valore è fermo al 2005), e il tasso di abbandono della scuola primaria è dell'88%, tra le altre statistiche, siamo in grado di farci una vaga idea delle condizioni di vita in questo paese.

Nella capitale Bissau, queste condizioni sono meno visibili, con l'eccezione delle buche nell'asfalto, le strade sporche, la spazzatura abbandonata a ogni crocevia – persino nei dintorni del Palazzo del Presidente – e la completa oscurità che avvolge la città dopo il tramonto.

Tutto questo è più evidente nelle campagne, dove le carenze sono maggiori e le difficoltà economiche nel procurarsi il cibo stanno iniziando ad aumentare significativamente, soprattutto quest'anno, dopo il crollo dei prezzi degli anacardi, prodotto cardine per l'economia locale e principale fonte di guadagno. 

One of the streets in the centre of Bissau. Photo by Silvia Arjona

Secondo la FAO [en], la Guinea-Bissau sta vivendo attualmente un periodo di grave carestia, che potrebbe colpire circa 260.000 persone all'interno del paese, a causa della scarsa produzione agricola e dell'instabilità politica del paese.

È forse per questo motivo che Fernando Delfín da Silva, ministro degli Affari Esteri, della Cooperazione e delle Comunità dell'attuale governo di transizione, ha definito la garanzia della sicurezza alimentare per tutti una priorità politica. Dal suo grande ufficio presso il Palazzo del Governo di Bissau, Da Silva si è mostrato preoccupato mentre spiegava la situazione, chiamando in qualche modo in causa anche la comunità internazionale:

Desde que comenzamos el ciclo de castaña de cajú, hace muchos años, las personas intercambiaban cajú con arroz. Así, un kilo de arroz era igual a un kilo de cajú. Hoy, por el contrario, con un kilo de arroz compras tres de castaña de cajú, lo que significa que hay un deterioro del cambio, un problema serio para el que necesitamos apoyo

Da quando abbiamo iniziato il ciclo di coltivazione degli anacardi, molti anni fa, la gente è solita scambiare gli anacardi con il riso. In questo modo, un chilo di riso vale un chilo di anacardi. Oggi, al contrario, con un chilo di riso puoi comprare tre chili di anacardi, un calo di prezzi dovuto a una svalutazione del tasso di cambio, un problema serio, per risolvere il quale abbiamo bisogno di aiuto. 

La mancanza di imprese coinvolte nella lavorazione non solo di anacardi, dei quali sono circa 200.000 le tonnellate esportate ogni anno, ma anche delle altre materie prime prodotte dal paese, è una delle cause principali dello sviluppo limitato della Guinea Bissau. Da Silva sottolinea che il nocciolo del problema è proprio la lavorazione:

Tenemos que transformar nuestros productos agrícolas. Sin eso, no tendremos buenas carreteras ni buenas escuelas ni buenos centros hospitalarios ni buenas instituciones públicas. Es urgente cambiar y transformar el modelo económico ya que el que tenemos crea pobreza en lugar de combatirla. Y no es muy difícil. Transformando eso, en cuatro o cinco años Guinea-Bissau podría reducir bastante los índices de pobreza y crear casi 20.000 puestos de trabajo. ¡Y todo sin utilizar una tecnología sofisticada ni complicada!

Noi dobbiamo lavorare i nostri prodotti agricoli. Altrimenti non avremo strade decenti, scuole decenti, ospitali decenti e istituzioni pubbliche decenti. Dobbiamo urgentemente cambiare e trasformare il nostro modello economico, che ha creato povertà invece di combatterla. E non è poi così difficile. Cambiandolo, in 4 o 5 anni la Guinea-Bissau potrebbe ridurre significativamente i suoi livelli di povertà e creare almeno 20.000 posti di lavoro. E tutto questo senza usare tecnologie complicate o sofisticate!

È convinto che questo sia il cambiamento necessario che il paese deve intraprendere per raggiungere un livello di sviluppo economico, sociale e umano tale da poter garantire una migliore qualità di vita per i suoi abitanti.

Nella seconda parte dell'articolo, ne sapremo di più sulla visione dei giovani membri del Movimento collettivo per l'azione dei cittadini, creato lo scorso anno per fornire una risposta all'indignazione popolare. 

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.