chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Pakistan: Marcia di 700 km. per gli scomparsi del Belucistan

Il conflitto dei separatisti in Belucistan, la più vasta [it] e più povera [en, come tutti i link seguenti] provincia del Pakistan, è costato molto in termini di sacrifici umani, negli ultimi nove anni, con più di 2.000 civili uccisi, come pure circa 700 agenti delle forze dell'ordine e 500 combattenti. Ma qualcosa di più delle uccisioni ha afflitto la gente della provincia – in quel periodo, migliaia di beluci sono scomparsi inspiegabilmente.

Schermata #VBMPLongMarch dal video realizzato da International Voice for Baloch Missing Persons

Per protestare contro i sequestri, un gruppo di circa 20 persone, per la maggior parte donne, il 27 ottobre scorso ha intrapreso una Marcia di quasi 700 chilometri dalla capitale del Belucistan Quetta fino alla capitale del Sindh, Karachi. I dimostranti sono membri dell'organizzazione Voce per gli i Beluci Scomparsi (VBMP), che ha tenuto in piedi un presidio di protesta a Quetta per 3 anni e mezzo (vedi articolo di GV) e che sposterà lo stesso presidio a Karachi alla fine della marcia.   

L'obiettivo dei contestatori è camminare a piedi, dalle sei del mattino alle sei di sera, fino al raggiungimento della meta. I partecipanti trasportano cartelli e striscioni emotivamente forti recanti slogan quali “Stop all'assassinio degli attivisti politici beluci” e “condanniamo le esecuzioni extragiudiziali”.

Secondo la IVBMP, Voce Internazionale per i Beluci Scomparsi, almeno 18.000 beluci sono stati rapiti tra il 2001 ed il 2013, e dove esattamente si trovino rimane un mistero. “Diversi cari dei membri del VBMP, insieme a migliaia di altri beluci, al momento stanno marcendo in celle di tortura e centinaia sono stati uccisi mentre si trovavano in carcere”, hanno riferito i membri durante una conferenza stampa prima della partenza presso il Quetta Press club, dove è montato il presidio di protesta.

Durante la stessa conferenza, il VBMP ha avvertito che se fosse accaduto qualcosa mentre stavano andando a Karachi, essi avrebbe accusato di questo il governo provinciale.

I rapporti tra il movimento separatista ed il governo del paese sono gelidi. Il Primo Ministro del governo belucio, Dr. Malik Baloch, recentemente ha annunciato che verrà indetta una conferenza multipartitica per discutere i modi e i mezzi per porre fine al malcontento dominante in Belucistan, segnato dalle insurrezioni e crescenti attacchi a carattere settario. Tuttavia, i gruppi di resistenza beluci hanno rifiutato di confrontarsi con il governo, giudicando questa possibilità una cospirazione ai danni della lotta che stanno portando avanti.

Sui social media gli attivisti hanno espresso il loro sostegno alla marcia. L'organizzazione nazionalista Sindhi Jeay Sindh Muttahida Mahaz (JSMM) scrive:

#JSMM annuncia il sostegno alla #VBMPLongMarch. Gli attivisti accoglieranno Mama Qadeer Baloch a Karachi, ha dichiarato il presidente di #JSMM — Team JSMM (@TeamJSMM) 27 ottobre 2013

Gli utenti lasciano i commenti sotto l'hashtag #VBMPLongMarch

Centinaia di miglia, migliaia di persone, più di un milione di storie di dolore e agonia. Sosteniamo la #VBMPLongMarch per l'umanità e la giustizia. — #VBMPLongMarch (@Faiz_Baluch) 27 ottobre 2013

Lo studente di giornalismo e attivista per i diritti umani, Faiz M Baluch (@FaizMBaluch), posta su Twitter la fotografia di un aderente alla marcia:

Anche il figlio di Shaheed Jalil Reki partecipa alla #VBMPLongMarch, vuole sapere, chi ha ucciso suo padre?: pic.twitter.com/0y34LW73VW — Faiz M Baluch (@FaizMBaluch) 28 ottobre 2013

L'utente Ghaffar Baloch (@Alhaan_), chiede ai lettori di mettersi nei panni delle famiglie delle vittime: 

Pensate per un attimo se toccasse a voi! Cosa provereste se la persona che vi è più cara sparisse e se non aveste più alcuna notizia di lui/lei? Sosteniamo la #VBMPLongMarch — Ghaffar Baloch (@Alhaan_) 27 ottobre 2013

Il giornalista Boriwal Kakar (@BoriwalKakar) diffonde la notizia: 

Il raduno dei #Punjabis del #Pakistan per la libertà del #Kashmir e la marcia dei #Balochs per ritrovare le migliaia di persone care scomparse. #VBMPLongMarch — Boriwal Kakar (@BoriwalKakar) 27 ottobre 2013

Il 30 ottobre 2013, quarto giorno di marcia, i dimostranti hanno raggiunto la zona di Manguchar del Distretto di Kalat, in Belucistan. L'utente Hamdan Baluch (@HamdanBaluch) riferisce:

Il 4° giorno della lunga Marcia per dar voce alle persone scomparse del Belucistan si conclude a Mangocher #Balochistan #VBMPLongMarch pic.twitter.com/MzbRUQSLbm — #VBMPLongMarch (@HamdanBaluch) 30 ottobre 2013

Vi invitiamo a seguire la pagina Facebook di Bramsh News Media e l'hashtag su Twitter #VBMPLongMarch con gli ultimi aggiornamenti sulla marcia.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.