chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Argentina: Orso polare in cattività soffre per il caldo intenso

Arturo, un orso in cattività nello zoo di Mendoza [es, come tutti i link seguenti], in Argentina, soffre per le ondate di calore. La popolazione non è rimasta a guardare e vuole che l'orso venga posto in condizioni che gli permettano di sopportare alte temperature.

C'è già un precedente, quando l'orso polare Winner morì a causa delle alte temperature tipiche dei mesi estivi. Arturo è l'unico esemplare di orso polare in Argentina. Marcos Abarza Baumann nel suo blog descrive le condizioni in cui l'orso si trova attualmente:

Las condiciones en las que vive el oso Arturo en el zoológico provincial de Mendoza son deplorables y sin embargo no dejan de indignarnos cada día más: Ahora circula en YouTube un video en el que se puede ver como los empleados del Zoo utilizan mangueras para refrescar al animal que sigue viviendo en el mismo recinto mientras terminan de construir uno nuevo.

LE TIRAN AGUA A UN ANIMAL QUE VIVE EN EL HIELO PARA IMITAR LAS TEMPERATURAS BAJO CERO. Esto parece un chiste pero no lo es, fijate:

Le condizioni in cui vive l'orso Arturo allo zoo di Mendoza sono pessime e continuano a indignarci ogni giorno di più: circola ora un video su Youtube che mostra gli impiegati dello zoo che usano dei tubi per rinfrescare l'animale, che intanto continua a vivere nella stessa recinzione, nell'attesa che finiscano di costruirne una nuova.

TIRANO ACQUA A UN ANIMALE CHE VIVE TRA I GHIACCI PER IMITARE LE TEMPERATURE AL DI SOTTO DELLO ZERO. Sembra uno scherzo ma non lo è, guardate: 

Il video è stato pubblicato su Youtube da Julieta Godoy.

Nella pagina Facebook Arturo L'ORSO POLARE, si racconta la storia della battaglia che va avanti dall'ottobre 2012, anche se ancora oggi niente è cambiato:

Y EMPEZÓ UN NUEVO AÑO … Y SIN EMBARGO , TODO SIGUE IGUAL 
Arturo sigue encerrado en su caja de cemento y pintura celeste .-

Empezamos esta lucha en Octubre de 2012 , ya van dos veces que levantamos las copas por él … y nada 

UN NUOVO ANNO È INIZIATO… MA NIENTE È CAMBIATO

Arturo è ancora rinchiuso nella sua gabbia di cemento e pittura celeste.-

Abbiamo iniziato questa battaglia nell'ottobre 2012, abbiamo alzato i calici già due volte per lui… ma niente.

Nel frattempo, il blog Duende Visual sta chiedendo alle autorità affinchè l'Argentina sia uno stato pioniere dei diritti degli animali:

Podemos convertir a la Argentina en un país pionero en derechos animales, donde se pueda proteger como corresponde a las especies en vías de extinción, brindándoles a su vez un espacio donde poder vivir libres y felices, generando a su vez conciencia en la población, convirtiendo así a los animales en nuestros hermanos, no inculcándole a las nuevas generaciones que los animales son bienes o cosas.

Possiamo far diventare l'Argentina un paese pioniere dei diritti degli animali, in cui specie in pericolo possano essere protette a dovere, dando loro un posto in cui vivere liberi e felici. Possiamo svegliare le coscienze della popolazione, considerare gli animali come fratelli e sorelle e non educare i giovani a considerarli beni o cose.

La notizia rimbalza anche su Twitter, come si può vedere in questi due recenti post:

Perché le autorità di Mendoza non stanno facendo niente? Aspettano che muoia? Signori, questo è maltrattamento.

MIO DIO, PASSATE PAROLA: DEVONO LIBERARE QUELL'ANIMALE, STA MORENDO!!!!!!!!!!!!!!

Piccola immagine della pagina Facebook Arturo L'ORSO POLARE.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.