chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Corea del sud: Vendetta politica contro un'informatrice coraggiosa?

Known Eun-hee, donna-poliziotto ed ex ispettore capo alla stazione di polizia di Seoul Suseo, ha rivelato la scorsa estate [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] che la sua squadra avrebbe ricevuto pressioni ed “ordini senza motivazioni” dai suoi superiori, per ridurre l'ambito di un’ indagine sullo scandalo delle elezioni manipolate da parte dell'agenzia di spionaggio. Nonostante che gli utenti della rete abbiano lodato Known, sembra che stia pagando le conseguenze per il suo atto coraggioso: i media locali riferiscono [ko] che non sarebbe stata concessa a Known una promozione, che era considerata ormai cosa certa per una persona con le sue qualifiche e curriculum, aggiungendo che se la cosa dovesse ripetersi ancora, per legge lei sarebbe forzata a lasciare il suo incarico entro 4 anni. Molti sospettano che questa sia una decisione politica, incluso il prominente giornalista partecipativo Mongu ha commentato la decisione definendola una “risposta intimidatoria” [ko], ed ha incluso un video con le rivelazioni di Known.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.