chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Grecia: in 30 hanno un nuovo lavoro grazie a un hashtag su Twitter

Graffiti in Greek reads, "I don't hope anything, I am not afraid of anything, I am unemployed."

Graffiti in greco: “Non spero per niente, non ho paura di niente, sono disoccupato,” una parafrasi di una famosa citazione di un famoso autore greco. Foto di SpirosK photography via Flickr. CC BY-NC-ND 2.0

In un momento in cui la disoccupazione ha raggiunto il 27% in Grecia, un hashtag su Twitter ha aiutato circa 30 persone nel paese a trovare lavoro.

#aggeliesergasias (annuncidilavoro) è stato creato dall'user @dimitrischrid [Gr] all'inizio di ottobre per aiutare gli utenti del social media a condividere informazioni riguardo le opportunità di lavoro in Grecia e all'estero. L'11 dicembre, l'hashtag era un trending topic sul Twitter greco per 11 ore, utilizzato dagli user di Twitter e da popolari portali di impiego.

L'hashtag è diventato un simbolo di solidarietà su Internet contro il problema crescente della disoccupazione nel paese. Molti media greci hanno fatto riferimento all'iniziativa, definendola come semplice, intelligente ed efficace. Il blog Keep Talking Greece [en], dedicato alla condivisione delle storie dei greci “reali” toccati dalla crisi, scrive:

In pochi giorni, si è scatenato l'inferno: gli user di Twitter hanno cominciato a pubblicare offerte di lavoro di cui erano a conoscenza o di cui avevano sentito parlare, mentre le persone in cerca di lavoro hanno cominciato a postare le loro richieste. I ReTweets e i Favoriti hanno contribuito al successo rapido di questo modo moderno basato sui social media per trovare lavoro ad Atene o Xanthi, a Londra o a Prevesa, a Cete o a Ginevra.

Il creatore dell'hashtag @dimitrischrid ha spiegato al sito di news Protagon [gr] l'effetto che l'hashtag ha avuto fin'ora:

Μέχρι τώρα, που είναι ακόμα πολύ νωρίς και πολλοί δεν γνωρίζουν προς το παρόν αυτόν τον τρόπο εύρεσης εργασίας, μου έχουν στείλει περίπου 30 άτομα μήνυμα που μου είπαν ότι προσλήφθηκαν και θέλησαν να με ευχαριστήσουν για το καλό που τους έκανα. […] Ο καθένας από εμάς μπορεί να φτιάξει ένα hashtag, δεν υπάρχει τρόπος να πληρωθείς ποτέ την επιτυχία του, αλλά η ηθική ανταμοιβή που παίρνω καθημερινά, αξίζει όλα τα λεφτά του κόσμου».

Fino ad adesso, ed è ancora presto e molti non conoscono ancora questo modo di cercare lavoro, circa 30 persone mi hanno mandato dei messaggi dicendo di essere state assunte e ringraziandomi per questo. […] Ognuno di noi può creare un hashtag, non c'è alcun modo di essere pagati per il successo di queste creazioni, ma la ricompensa morale che ho ricevuto ogni giorno vale tutto il denaro nel mondo.

Lo sforzo ha anche coinvolto Facebook [gr].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.