chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Mali: PC alimentato a energia solare

Limmorgal, a low power PC made in Mali via Tech of Africa with permission

Limmorgal, un PC a basso consumo prodotto in Mali (per gentile concessione di Tech of Africa).

 

Come parte della serie sulle innovazioni prodotte in Africa, abbiamo recentemente presentato la stampante 3D fatta con dei rifiuti elettronici in Togo [en, come tutti i link successivi, salvo dove diversamente indicato] e il controllo ortografico per la lingua Bambara. Oggi presentiamo il primo PC a basso consumo prodotto in Mali. Si chiama Limmorgal (calcolatore nella lingua Peul) ed è stato creato da due gruppi maliani, la Internet society Mali (ISOC Mali) e Intelec 3. Mamadou Iam Diallo, presidente di ISOC Mali, spiega a Bamako Blog le necessità che si vogliono soddisfare con questo PC [fr]:

Nous avons conçu cette machine pour contribuer à la réduction du fossé numérique, mais également à la vulgarisation de l’outil informatique surtout en milieu scolaire. Limmorgal est aussi un ordinateur adapté à l’alimentation par l’énergie solaire grâce à sa faible consommation d’énergie.

Abbiamo creato questo PC per aiutare a ridurre il digital divide, ma anche per ampliare l'utilizzo dei computer soprattutto nelle scuole. Limmorgal è un computer adatto ad essere alimentato a energia solare in quanto consuma poca energia (24 Watts).

Le specifiche di base del PC sono:

  • Sistema operativo: Ubuntu (open source) 
  • microprocessore 1.4 G Hertz 
  • 1GB RAM
  • Prezzo : 171000 Fcfa (260 euro)

2 commenti

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.