chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Messico: nomina agli Oscar per il film ‘Gravity’

Imagen compartida por la página oficial de Gravity en Facebook.

Immagine pubblicata su Facebook nella pagina ufficiale di Gravity.

Il regista messicano Alfonso Cuarón [it] è stato candidato come Miglior Regista per i prossimi Academy Awards, per il film Gravity, in cui ha lavorato anche alla produzione, al montaggio e alla scrittura.

Per la stessa categoria si contendono la statuetta David O. Russel, Alexander Payne, Steve McQueen e Martin Scorsese. Il vincitore sarà annunciato durante la cerimonia del prossimo 2 marzo a Los Angeles, California. 

Il presentatore di notizie dello spettacolo René Franco [es, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] si è così espresso sul lavoro di Cuarón nei panni di regista:

Gravity es extraordinaria, impecable en su dirección. Y Cuarón se merece el Oscar. Pero no solo dan Oscares por eso.

Gravity è straordinario, con una regia impeccabile. E Cuarón merita l'Oscar. Ma la statuetta non viene data solo per questo.

Franco inoltre ricorda che il regista non è l'unico a finire sotto i riflettori del cinema statunitense negli ultimi mesi, menzionando allo stesso tempo un'altra ragione per cui Cuarón dovrebbe guadagnarsi la statuetta:

Además, es un gran año para los mexicanos en el cine gringo: Eugenio Derbez les llenó los bolsillos de dinero, y dejó muy en claro que en los centros comerciales de todo Estados Unidos, los mexicanos (legales o no) son los que llenan las salas comprando boletos para familias numerosas. Así que a Hollywood le conviene quedar bien con nosotros, no solo porque sean unos liberales que odian a los republicanos de Arizona y se suben medio borrachos a recibir sus premios, sino porque esos millones que genera un público tan agradecido y comprador, merecen una recompensa.

Inoltre, è un grande anno per i messicani presenti nel cinema statunitense: Eugenio Derbez ha rimpinguato le sue casse e messo in chiaro che in tutti i centri commerciali degli Stati Uniti sono i messicani (regolari e non) che riempiono le sale cinematografiche, comprando biglietti per le loro numerose famiglie. Così a Hollywood conviene andare d'accordo con noi, non perché sono democratici che odiano i repubblicani dell'Arizona e che vanno mezzi ubriachi sul palco a ritirare i premi, ma perché quei milioni di dollari che producono un pubblico così riconoscente e con tale potere d'acquisto meritano una ricompensa.

Il blog Cine más pod ricorda che Cuarón è già stato premiato per il suo lavoro con Gravity, con nientemeno che un Golden Globe:

Apenas el domingo Alfonso Cuarón recibió el premio a mejor director en la entrega de los Globos de Oro y hoy ya tiene posibilidades de llevarse también el codiciado Oscar.

Proprio domenica scorsa Alfonso Cuarón ha vinto il premio come miglior regista alla cerimonia dei Golden Globe e oggi ha la possibilità di portare a casa anche il tanto ambito Oscar.

Enrique Lores sul blog CarlosDragonne dice su Gravity:

Aunque algunos me dijeron que es una película lenta, a mí no me lo pareció en lo absoluto. De hecho se me pasó bastante rápido y terminó antes de que me diera cuenta. Y sí, estuve en la orilla de mi asiento, emocionado y angustiado, en más de un momento. También me hizo pensar sobre la fragilidad de la vida, la confrontación del duelo y dónde está el verdadero valor de la existencia en este universo del que somos sólo una pequeñísima parte.

Anche se qualcuno mi ha detto che è un film lento, non mi è sembrato affatto. In effetti, è trascorso piuttosto velocemente e finito prima che me ne potessi rendere conto. E sì, ero in punta di sedia, tra emozione e ansia in alcuni momenti. Mi ha anche fatto riflettere sulla fragilità della vita, sul confronto nei duelli e su dove sia il vero valore dell'esistenza in questo universo, di cui siamo solo una piccolissima parte.

Anche su Twitter si trovano diverse reazioni alla nomination di Cuarón. L'utente Posmoderno (@LuisMendezPosmo) è interessato a vedere il lavoro del regista:

Ora che stanno riproponendo il nuovo film di Alfonso Cuarón, andrò a vederlo. Magari sarà interessante, forse l'hanno girato nello spazio.#Cuaron

Da parte sua, l'utente Arturo balboa (@arturo_rdz94) fa riferimento alla mancanza di opportunità per altri registi messicani:

È pazzesco ciò che #Cuaron ha ottenuto finora. Un chiaro esempio di come, se nel tuo paese non ti danno possibilità, le cerchi altrove.

L'utente Luis Castro Salgado (@Wicho_kstro) ironizza sul fatto che Eugenio Derbez non è stato nominato ai prossimi Oscar:

#Cuarón concorre per 10 Oscar…Derbez prepara i popcorn per guardare la cerimonia a casa.

L'utente Rodrigo Dominguez (@rodrigodomm) esprime contentezza per la notizia:

Mi fa veramente piacere vedere 10 nomination per Gravity

A livello nazionale, Alfonso Cuarón si è imposto con lavori come Uno per tutte (1991) e il celebre Y tu mamá también [it, come nei link successivi] (2001). Su scala internazionale è famoso per Paradiso perduto (1998), Harry Potter e il prigioniero di Azkaban (2004) e I figli degli uomini (2006).

Gravity ambirà al maggior numero di statuette negli ottantaseiesimi Academy Award, tra cui quelle per Migliore Fotografia, Migliore Attrice protagonista, Miglior Montaggio e Miglior Film. 

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.