chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Cina: Il pacifico attivista per i diritti civili Xu Zhiyong condannato a 4 anni di reclusione

Persone che esprimono supporto a Xu Zhiyong, fuori la corte di Pechino, 26 gennaio 2014. Foto dall'utente di Twitter Zhu Chengzhi

Xu Zhiyong, figura di rilievo fra gli attivisti dei diritti civili in Cina ed icona del Nuovo Moviemento dei Cittadini, il 26 Gennaio del 2014 è stato condannato a quattro anni di prigione dal tribunale di Pechino, per aver recato disturbo all'ordine pubblico in occasione di due modeste dimostrazioni in favore della parità dei diritti all'educazione, nel 2012 e nel 2013.

Il suo arresto e reclusione si inseriscono nella repressione attuata dalla nuova dirigenza del Partito Comunista Cinese, sotto la presidenza di Xi Jinping [it], contro i liberali che cercano di promuovere riforme costituzionali a rispetto dei diritti individuali dei cittadini. Altri attivisti politici liberali saranno posti sotto processo nelle settimane a venire.

Per difendersi dalla persecuzione politica di cui è oggetto, Xu ha composto un'articolata dichiarazione processuale [zh, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] il 22 Gennaio, per illustrare le sue convinzioni politiche e le sue attività in relazione al Nuovo Movimento dei Cittadini, uno dei principali obiettivi della repressione iniziata ai primi del 2013.

Xu ha illustrato quale sia l'ispirazione del Nuovo Movimento dei Cittadini nell'introduzione del suo discorso:

新公民運動倡導每個中國人堂堂正正做公民,把公民身份當真。我們是公民,是國家的主人,不是臣民,順民,草民,暴民;把公民的權利當真,那些寫在《世界人權宣言》和中國憲法裡的選舉權、言論自由、信仰自由等神聖的權利不能永遠是一張白條;把公民的責任當真,中國是我們每個人的中國,良心正義的底線在我們每個人的腳下,電要我們每個人去堅守;新公民運動倡導自由,公義,愛的新公民精神。

Il Nuovo Movimento dei Cittadini richiede che ogni cinese diventi cittadino a pieni diritti, e che creda in e faccia valere la propria autoconsapevolezza. Siamo i cittadini ed i proprietari della Nazione, non sudditi dell'impero nè i suoi obbedienti servi, non elementi di base privati dei propri diritti e nemmeno rivoltosi. Dobbiamo far rispettare i nostri diritti; diritti consacrati, quali il diritto alle elezioni, di libertà di parola e di religione, così come espressi nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo, mentre la Costituzione Cinese non può rimanere una cosa dovuta per il futuro soltanto. Dobbiamo attuare la nostra responsabilità civica. La Cina appartiene a ciascun cinese. Giustizia e coscienza iniziano lì dove ci ergiamo, ed abbiamo il dovere di resistere fermamente per proteggere i nostri valori. Il Nuovo movimento dei Cittadini esprime l'aspirazione del cittadino a libertà, giustizia e amore.

Riunioni pacifiche, o disturbo dell'ordine pubblico?

I due avvenimenti, riportati secondo le Autorità come disturbi all'ordine pubblico, sono avvenuti il 5 Luglio 2012 ed il 28 Febbraio 2013, quando Xu ed altri attivisti si radunarono per fare pressione sugli organi preposti all'educazione in favore di pari opportunità scolastiche per i figli dei lavoratori migranti.

In Cina, i lavoratori migranti non hanno la residenza registrata nelle città, e per questo i loro figli non possono frequentare le scuole locali ed a molti di loro sono precluse le opportunità educative. La campagna del Nuovo Movimento dei Cittadini per l’ educazione pari per tutti iniziò nel 2009, con dimostrazioni verso le autorità per l'educazione di Pechino; nell'anno successivo le autorità permisero alle scuole di Pechino di ammettere gli studenti immigrati.

La seconda fase della campagna fu quella di fare pressione sul Miistero dell'Educazione per modificare il suo indirizzo precedente e permettere agli studenti immigrati di sostenere gli esami di accesso all’ Università, in base alla località delle loro scuole. Il Ministero dichiarò di voler modificare le proprie direttive a partire dalla metà del 2012, ed una piccola manifestazione per dare seguito alla promessa fu organizzata per il 5 Luglio 2012; la menzionata promessa fu attuata per la fine del 2012.

Pechino però fu esclusa dal campo di azione delle nuove direttive. Quindi per spingere le autorità locali ad applicare le nuove norme, un'altra piccola manifestazione fu inscenata di fronte alla sede della Commissione dell'Educazione di Pechino, il 28 Febbraio 2013.

Xu spiega perchè le due manifestazioni non implicano disturbo all'ordine pubblico:

7.5 和 2.28請願,我們去的是教育部門,是公民到國家機關表達訴求,我們去的不是法律意義上的公共場所。刑法對公共場所界定得很清楚,是除國家機關、社會單位、公共道路之外的公共空間…

Stiamo svolgendo la nostra petizione all'esterno delle sedi delle autorità preposte all'educazione, come cittadini. Queste organizzazioni sono entità governative e non spazi pubblici nel loro significato legale. Secondo il Codice Penale, gli edifici ospitanti entità governative e le strade ed autostrade non sono considerati spazi pubblici…

Molti osservatori dei diritti umani in Cina sono convinti che i due eventi costituiscono meri pretesti per sopprimere il Nuovo Movimento dei Cittadini, che ha dato voce alle istanze civiche di riforme politiche e sociali, ad esempio premendo affinchè i funzionari rivelassero il proprio patrimonio e favorendo il costituzionalismo, una posizione politica che portò al vincitore del premio Nobel per la pace Liu Xiaobo ad una sentenza di 11 anni di prigione nel 2008. Come il caso di Liu Xiaobo [it], anche il nuovo Movimento dei Cittadini ha accentuato la trasformazione pacifica del sistema politico in Cina.

你們不用恐懼新公民運動,我們是新時代的公民,理念上,徹底告別了敵人、江山、推翻、打倒的專制意識,堅守自由,公義,愛的信仰,行為上徹底告別陰謀,暴力等野蠻模式,以和平改良方式推動社會進步,在陽光下健康成長。公民群體的使命不是作為反對黨存在,雖然建立憲政民主,是未來中國實現政治文明的必然趨勢。我們的使命,是和中國所有進步人士一道,共同推動中國實現政治文明轉型。

Non abbiate timore del Nuovo Movimento dei Cittadini. Siamo semplicemente cittadini della nuova era. Diciamo addio alle idee nemiche e autoritarie come “visioni imperiali”, “destabilizzazione” e “presa di potere”. Crediamo nella libertà, nella giustizia e nell'amore. Rinunciamo ad attività violente come le “cospirazioni” e “le violenze”, e sosteniamo attività di trasformazione pacifiche mirate al progresso sociale, alla luce del sole. La missione dei gruppi dei cittadini differisce da quella di partiti di opposizione. Crediamo che la democrazia costituzionale sia il miglior mezzo per attuare una politica civile, e la nostra missione è quella di promuovere la trasformazione politica della Cina, assieme alle altre forze progressiste.

La sentenza a quattro anni di prigionia ha colto molti di sorpresa. Liu Xiaoyuan, avvocato dei diritti civili cinese, ha espresso la propria frustrazione sulla dura realtà per i politici moderati in Cina, attraverso il popolare sito di microblogging Sina Weibo:

Secondo alcune fonti, Xu Zhiyong avrebbe ricevuto la sentenza a quattro anni di prigione. E`molto più di quello che avevo previsto. Sapevo che la reclusione sarebbe stata inevitabile, ma questa però è una sentenza pesante. Pensandoci su però, in un paese dove non esiste alcuna norma di diritto, una sentenza così pesante non è sorprendente.

Liu Xiaobo, che non ha nemici, ha ricevuto una condanna a 11 anni per accuse politiche. Xu Zhiyong, che sostiene attività non violente di disobbedienza civile, ha ricevuto una sentenza di quattro anni di prigione, per disturbo all'ordine pubblico. Cosa ci dice tutto ciò?

Teng Biao, altro noto avvocato per i diritti civili, crede che la battaglia popolare non cesserà:

La sentenza di quattro anni al Dr. Xu Zhiyong calpesta la legge ed i cittadini. Gli organi per la pubblica sicurezza, il tribunale e le autorità dietro le quinte, devono essere ritenuti responsabili per questo. La prigionia non distruggerà la volontà popolare di resistere, ma al contrario alimenterà l'ardore della gente per battersi.

[Anche un solo prigioniero politico, è troppo] Il ruolo importante del dr. Xu Zhiyong si rivelerà pian piano. Nel prossimo futuro, la soppressione da parte delle autorità della società civile sarà più dura, ma sorgeranno maggiori movimenti spontanei di resistenza. Ci saranno maggiori conflitti e più attivisti politici dei diritti civili, e le persone con una coscienza saranno messe in prigione. Potremo perdere molte battaglie, ma ne basterà soltanto una per batterli.

1 commento

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.