chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Francia: Château-Rouge, il principale mercato di cibi africani di Parigi

Market in Chateau-Rouge, Paris by Zanbard on Flickr via CC-BY-NC

Mercato a Chateau-Rouge, Parigi. Foto di Zanbard su Flickr via CC-BY-NC

Per trovare a Parigi gli ingredienti necessari per la cucina africana, il posto dove andare è ancora oggi il Château-Rouge, zona situata nel diciottesimo distretto, in particolare nel mercato presso Rue Dejean [fr], aperto tutti i giorni tranne il lunedì. Gli emigrati africani nella capitale francese spiegano perchè è un punto di riferimento così importante per gli acquirenti [en]:

Visitare questo spazio prevalentemente africano a Parigi, è come fare uno salto all'interno del Congo Market di Freetown, al mercato di Serrkunda a Banjul, alla zona del mercato di Sandaga di Dakar o al mercato di Adjame ad Abidjan. I tuoi occhi vengono immediatamente rapiti dai tanti colori dei prodotti freschi da mangiare, disposti disordinatamente per la strada [..] lo amerai sicuramente e verrai trasportato improvvisamente all'interno di una giornata tipica di un mercato di una città africana.

Il sito MetroPolitics spiega che la gentrificazione ha avuto un forte impatto sul mercato locale [en]:

La straordinaria densità delle attività commerciali in questo spazio, rendono Château-Rouge uno spazio con un alto tasso di mobilità che lo connette ad altre aree residenzial e commerciali della città, che si estendono oltre lo spazio metropolitano. Il 67% [dei clienti intervistati] ha affermato di non abitare nelle vicinanze. I  non residenti nell'area del mercato mostrano alcune caratteristiche comuni: il 70% di loro sono nati al di fuori del Francia continentale, e la metà di questi provengono dall'Africa Subsahariana.  

1 commento

  • avventurarsi nelle ricette culinarie di questi antichi popoli , credo che per noi europei sia il modo migliore per conoscere la cultura del continente africano

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.