chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Francia: si può fare umorismo parlando di genocidio?

Il comico francese Nicolas Canteloup è stato attaccato a causa di uno sketch in cui ridicolizzava il genocidio in Ruanda del 1994 [fr, come tutti gli altri link]. Dopo la performance, il signor Canteloup non si è scusato per l'offesa. , blogger per Le Plus, pone una domanda logica: “si può ridicolizzare qualsiasi cosa?

Rire du génocide rwandais, ça me dépasse. Vous vous souvenez qu'en 1994, plus d'un million de personnes ont été torturées, violées et assassinées? Ça vous fait rire?

Non capisco come si possa scherzare sul genocidio del Ruanda. Ricordate che nel 1994 più di un milione di persone furono torturate, violentate e uccise? Questo vi fa ridere?

Il presidente del CRAN (Comitato rappresentativo delle associazioni di persone di colore), Louis-George Tin, è convinto che lo sketch sia completamente inaccettabile:

Quand il s'agit des Noirs, à l'évidence, on peut tout se permettre. Mais il est temps que cela cesse. Ce soi-disant humour masque mal une forme extrême de mépris et d'abjection. Devant le crime contre l'humanité, esclavage, Shoah, Rwanda, on ne rit pas, on fait silence.

Quando si tratta di persone di colore, sembra che ci si possa permettere qualsiasi cosa. Ma è ora di finirla. Questo cosiddetto umorismo dissimula, e male, una forma estrema di disprezzo e infamia. Quando si parla di crimini contro l'umanità, schiavitù, Olocausto e Ruanda non si ride, si rimane in silenzio.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.