chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Arabia Saudita: le principesse imprigionate parlano su Twitter

Childhood photo of King with princesses

Una foto che ritrae il Re con le Principesse Sahar, Maha, Hala e Jawaher da bambine. Pubblicata da  Channel 4 News.

Di solito è nelle favole che le principesse vengono rinchiuse in una torre, ma la realtà è che in Arabia Saudita oggi, quattro principesse, Sahar, Maha, Hala e Jawaher sostengono di essere trattenute contro il loro volere in una residenza reale a Jeddah da quasi 13 anni. 

La madre, la Principessa Alanoud Al Fayez, una delle mogli di Abdullah, Re dell'Arabia Saudita, ha rotto il silenzio dalla sua sicura residenza londinese. Le stesse principesse hanno comunicato con una troupe televisiva di Channel 4 News via email, dichiarando di essere state imprigionate per aver preso posizione in favore dei diritti delle donne. 

Princess Sahar

Princess Sahar ha inviato a Channel 4 News questa foto che la ritrae.

“Le persone non si rendono conto di quanto sia difficile la nostra situazione. Ci vedono ancora come delle viziate principesse saudite. E invece non lo siamo mai state. Soffriamo tutti i giorni” ha dichiarato la Principessa Sahar in un'email diretta a Channel 4.

Madre (@AlanoudDAlfayez) e due figlie (@Jawaher1776 e @Art_Moqawama) sono anche approdate su Twitter, dove ora hanno l'opportunità di parlare senza freni contro chi le tiene segregate, e raccontare delle violazioni dei diritti umani perpetrate in Arabia Saudita e nei Paesi limitrofi in generale.

A quei razzisti e faziosi, a cui è stato fatto il lavaggio del cervello e che pensano di poterci costringere a tacere davanti a violazioni dei diritti umani, beh, fareste meglio a ripensarci! 

Il 9 Marzo 2014 la Principessa Sahar ha pubblicato su Twitter questa foto, per mostrare le condizioni di degrado in cui sono costrette a vivere.  

Uno scorcio sulla nostra cosiddetta “gabbia dorata”, uno stereotipo che si riferisce ad un mondo di fantasia. Viviamo in mezzo alle rovine. 

Twitter pullula di commenti e domande da parte di persone colpite dalla storia. Le stesse principesse hanno cominciato a rispondere e a ripostare i messaggi di suppporto da parte di chi è venuto a sapere della loro difficile situazione dopo il servizio di Channel 4.

Non riesco neanche a spiegare quanto sia io che Jawaher siamo esauste…ci manchi Mamma…non c'è consolazione nelle lacrime…che Dio ti benedica Majeda. Insh'Allah.

La madre, preoccupata per le figlie, ha tentato di ottenerne la liberazione anche con l'aiuto del Rappresentante Speciale delle Nazioni Unite per i diritti umani. In particolare, si dice preoccupata per la salute della Principessa Hala, che pare soffra di anoressia. 

La famiglia reale non ha ancora rilasciato dichiarazioni riguardo questa vicenda. 

Il multimilonario Re dell'Arabia Saudita (il quale si dice abbia 89 anni) riceve di frequente visite da parte di leader mondiali e di loro dignitari. Prendendo la loro personale esperienza come esempio, le principesse si sono scagliate contro capi di Stato e di Governo occidentali, che a loro dire starebbero facendo troppo poco per promuovere il rispetto per i diritti umani delle donne e dei bambini in Arabia Saudita. 

Channel 4 ha messo a disposizione online uno dei propri servizi il 10 Marzo 2014. 

2 commenti

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.