chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Israele: manifestazioni di massa contro la discriminazione dei neri

Lo sciopero degli immigrati africani a Tel Aviv

Fermo immagine dello sciopero degli immigrati africani a Tel-Aviv, via Zahi Shaked su YouTube 

E’ sulla piazza dal nome simbolico di Aviv che 30.000 africani senza documenti che vivono in Israele [fr, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] hanno iniziato uno sciopero di 3 giorni e una serie di manifestazioni, sostenute dagli attivisti per i diritti umani. Secondo una legge votata il 10 dicembre 2013, le autorità israeliane hanno la facoltà di trattenere gli immigrati clandestini, senza processo né esame dei loro dossier, fino ad un anno. Inoltre i manifestanti denunciano il rifiuto delle autorità israeliane ad esaminare le loro richieste per ottenere lo stato di rifugiato, come pure la detenzione di centinaia tra loro. Il video che segue sottolinea l'entità delle proteste e precisa le rivendicazioni dei manifestanti:   

L'istituto di pena di Holot, nel deserto del Negev, nei pressi della frontiera tra Israele ed Egitto, ospita già numerosi detenuti dal dicembre 2013. I clandestini devono timbrare il cartellino tre volte al giorno e passarci la notte.

Il sito irinnews.org dà un'idea della capacità di questo centro [en]: 

Holot can house 3,300 migrants and is set to expand, eventually reaching a capacity of between 6,000 and 9,000 people, according to Yitzhak Aharonovitch, Israel's Public Security Minister.

Holot può accogliere 3.300 migranti ed è destinato a svilupparsi ancora, per raggiungere alla fine una capacità di 6.000 e 9.000 persone, secondo quanto sostiene Yitzhak Aharonovitch, Ministro israeliano della Pubblica Sicurezza.

L'atteggiamento discriminatorio contro i clandestini africani ha raggiunto un livello preoccupante, nutrito da discorsi pieni di odio, come si può vedere in questo video pubblicato da Djemila Yamina:

Altrove ci sono gruppi estremisti minoritari che attaccano gli immigrati. In Israele, il governo e la macchina giudiziaria ne sono parte attiva. Già nel luglio del 2012, Allain Jules denuncia sul suo blog :

 Ce qui se passe en Israël actuellement est indigne. Entre un ministre qui demande que les clandestins soient simplement assassinés, puisqu’il recommande qu’on tire sur eux au moment où ils tenteront de franchir les frontières, un autre qui parle du risque d’impureté future de l’État d’Israël qui doit garder son caractère juif, la boucle est bouclée.

Ciò che accade in Israele in questo momento è indegno. Tra un ministro che chiede che i clandestini siano semplicemente assassinati, che si raccomanda di sparargli nel momento in cui tenteranno di superare le frontiere, e un altro che parla del rischio di impurità in futuro dello Stato d'Israele, che deve conservare la sua natura ebraica, il cerchio si chiude.

Secondo un post di Jean Shaoul pubblicato su cameroonvoice.com: 

En vertu de la loi israélienne, il est interdit aux immigrés de travailler tant qu'ils ne sont pas enregistrés comme demandeurs d'asile. Ce qui leur est pratiquement impossible. En effet, selon l’agence des Nations unies pour les réfugiés, alors que le taux de reconnaissance national moyen des demandeurs d’asile est de 39 pour cent, en Israël ce taux est inférieur à 1 pour cent. En Israël, la plupart des demandeurs d’asile sont des Erythréens et des Soudanais qui connaissent un taux de reconnaissance international moyen de 84 pour cent et de 64 pour cent respectivement.

In virtù della legge israeliana, è proibito agli immigrati lavorare fin quando non sono registrati come richiedenti asilo, il che gli è praticamente impossibile. Infatti secondo l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, mentre il tasso medio di riconoscimento a livello nazionale dei richiedenti asilo è del 39%, in Israele questo tasso è inferiore all'1%. In Israele la maggior parte dei richiedenti asilo sono eritrei e sudanesi, con tasso di riconoscimento a livello internazionale medio dell'84% e del 64%, rispettivamente.

 In un post pubblicato su un blog di Mediapart, JOSEPH AKOUISSONNE scrive:

Ce racisme est incompréhensible de la part d’un peuple qui a souffert de l’abjection nazie, avec sa cohorte d'actes odieux visant à l'extermination des juifs. Pourtant, c'était bien Madame Golda Meir qui proclamait que  : « …les Africains et le peuple juif partagent des points communs. Ils ont été victimes de l’histoire : morts dans les camps de concentration ou réduits en esclavage… » Dans les années 1960, l'état d'Israël avait tissé des liens très forts avec le continent noir. Des étudiants africains étaient accueillis dans les kibboutz. Inversement, nombreux étaient les Israéliens qui allaient en Afrique pour soutenir le développement des états fraîchement indépendants. Il faut aussi rappeler le combat des juifs sud-africains, aux côtés de Nelson Mandela dans sa lutte contre l’apartheid. Sans oublier ceux qui s’engagèrent avec les militants des Droits Civiques aux États-Unis.

Questo razzismo è inspiegabile da parte di un popolo che ha sofferto l'orrore nazista, con la sua coorte di atti odiosi destinati allo sterminio degli ebrei. Inoltre, era la Signora Golda Meir a proclamare che: » …gli africani ed il popolo ebraico hanno dei punti in comune. Sono stati vittime della storia: morti nei campi di concentramento o ridotti in schiavitù… » Negli anni 60, lo stato d'Israele aveva intessuto dei legami molto forti con il continente nero. Studenti africani venivano accolti nei kibboutz e viceversa erano numerosi gli israeliani che andavano in Africa per sostenere lo sviluppo degli stati che avevano da poco conquistato l'indipendenza. Occorre anche ricordare la lotta degli ebrei sudafricani a fianco di Nelson Mandela nella sua battaglia contro l'apartheid; senza dimenticare coloro che si impegnarono con gli attivisti dei Diritti Civili alle Nazioni Unite.

Qual'è l'importanza del fenomeno dell'immigrazione clandestina, tanto da sollevare un tale odio in Israele? Per darne una risposta, il sito JOL Press riporta i dati comunicati dall'associazione Freedom 4 Refugees:

“Environ 50 000 demandeurs d'asile et réfugiés africains vivent aujourd’hui en Israël. Nous avons fui la persécution, les forces militaires, la dictature, les guerres civiles et le génocide. Au lieu d'être traités comme des réfugiés par le gouvernement d'Israël, nous sommes traités comme des criminels » explique Freedom4Refugees.

“Nous réclamons l’abrogation de la loi, la fin des arrestations, et la libération de tous les demandeurs d'asile et les réfugiés emprisonnés”, ont encore déclaré les réfugiés dans une pétition relayée par l’association Freedom4Refugees. Principalement d'origine soudanaise, sud-soudanaise et érythréenne, les manifestants demandent également que les demandes d'asile soient effectuées de “manière individuelle, équitable et transparente ”.

“Circa 50 000 richiedenti asilo e rifugiati africani vivono oggi in Israele. Siamo sfuggiti alla persecuzione, le forze militari, la dittatura, le guerre civili e il genocidio. Invece di essere trattati come rifugiati dal governo israeliano, siamo trattati come criminali” spiega Freedom4Refugees.

“Chiediamo l'abrogazione della legge, la fine degli arresti, e la liberazione di tutti i richiedenti asilo e dei rifugiati imprigionati” hanno inoltre dichiarato i rifugiati in una petizione rilanciata dall'associazione Freedom4Refugees. Principalmente di origine Sudanese, sud-sudanese ed Eritrea i manifestanti chiedono anche che le richieste d'asilo siano presentate “in modo individuale, equanime e trasparente”.

Alcune di queste ONG che si battono a fianco degli africani sottolineano il carattere discriminatorio delle misure adottate contro gli immigrati africani. Il sito Al Monitor rileva che [en]:

D'altra parte ci sono circa 93.000 “turisti senza visto valido” in Israele, e metà di loro provengono dall’ex Unione Sovietica. Inutile dire che il governo non sia intenzionato a costruire centri di detezione speciali per queste persone. Il numero di persone richiedenti asilo è anche significativamente più basso del numero di lavoratori stranieri con una situazione regolare in Israele (circa 70.000), per il grande sollievo di quelle società che si occupano di portarli nel paese e dargli un lavoro.
 

 L'indifferenza a livello internazionale è impressionante. Su un articolo pubblicato su Rue89, Renée Greusard descrive il razzismo quotidiano contro i neri d'Israele :

Quand nous abordons ce sujet ensemble, David Sheen, le journaliste américain, pèse ses mots et parle plus lentement :

“Le niveau de racisme actuel en Israël, il peut être comparé à ce qu’on a connu dans d’autres pays occidentaux, il y a cinquante, soixante ans. Les gens se font insulter dans la rue. Souvent, quand les Noirs entrent dans les bus, les gens se bouchent le nez, bloquent les places à côté d’eux, ouvrent les fenêtres, pestent : “Ah ! Mais on n’a pas besoin de tous ces Noirs !”

Dans les autres pays, les gens sont gênés par leurs pensées racistes. Ils ne les disent pas en public. Là, non. C’est un racisme assuré, et dont les gens sont fiers. “

Quando affrontiamo questo argomento insieme, David Sheen, giornalista americano, pesa le parole e parla più lentamente:

“Il livello attuale di razzismo in Israele si può paragonare a ciò che si è sperimentato in altri paesi occidentali, cinquanta, sessanta anni fa. La gente si lascia insultare in strada. Spesso, quando i neri entrano negli autobus, le persone si turano il naso, bloccano i posti accanto a sé, aprono le finestre, inveiscono: “Ah ! Ma si può fare a meno di tutti questi neri!”

Negli altri paesi le persone sono imbarazzate dai loro pensieri razzisti, non li esprimono in pubblico. Lì no. Sono sicuri e fieri del loro razzismo.

Questi sentimenti contro i neri si ritrovano persino nei commenti apparsi su blog o media online come lemonde.frseneweb.com, tempsreel.nouvelobs.com, etc.  

Ogni commento suscita spesso passione, attirando i pro e i contro. E’ così che un articolo di Jack Guez su news.yahoo.com ha ricevuto 2.410 commenti, molti dei quali hanno a loro volta attirato numerosi “mi piace”. Il commento che segue, pubblicato come reazione a questo articolo, ha raccolto 82 pareri favorevoli

La gente critica Israele ma nessuno dice nulla sull'Arabia Saudita, perché?
L'Arabia Saudita ha espulso 200.000 africani qualche settimana fa!

La scomparsa di Ariel Sharon [it] ha interrotto la serie di manifestazioni. Ma le pene dei clandestini in Israele non sono terminate. Dopo aver sfilato davanti agli uffici dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (HCR), come pure davanti le ambasciate straniere a Tel Aviv, hanno manifestato davanti al Knesset, il Parlamento israeliano a Gerusalemme. Ciò nonostante il governo continua a mantenere delle intenzioni poco incoraggianti.

2 commenti

  • Gino ginetti

    In tutto il mondo esistono leggi anti clandestini compresa la civilissima italia ,spagna ,russia etc.etc.,l’articolo è fazioso e inpreciso ,l ‘israeliano intollerante con i neri sui mezzi pubblici??? Anche a Roma e a napoli ho visto atteggiamenti simili ,questa è una notizia non notizia che si va a cozzare con l’atteggiamento dei clandestini ,se vengono trattati in maniera disumana perché chiederebbero di essere integrati? Solo in un paese democratico come Israele i clandestini possono manifestare in nessuna parte del mondo gli è permesso ,solo pochi anni fa,prima della caduta di gheddafi ,in Libia durante una manifestazione simile i governativi libici ne massacrarono decine !

  • L’articolo non è fazioso, ma gl’itnerventi dei giornalisti francesi riportati nell’articolo si.

    In Israele praticamente non esiste razzismo.

    Per il motivo per cui il popolo ebraico è formato da diverse etnie, compresa quella Etiope, che è presente ed integrata in Israele con centinaia di migliaia di rappresentanti. I “matrimoni misti” fra etnie differenti, cosi come i rapporti di amicizia a tutti i livelli, sono la dolce realtà costante in Israele.

    Non ho mai visto o sentito qualcuno, personalmente, offendere in autobus o per la strada immigrati Africani (ove gli ebrei di origine ed etnia Etiope non sono a questi fini esclusi dal nome “immigrato”).

    Gl’immigrati africani in possesso di permesso di soggiorni (tanti) ed in regola sono effettivamente protetti dalla polizia e dai servizi sociali, di assunzione e previdenza lavorativa ed assistenza medica sociale.

    Io vedo che la popolazione convive normalmente nei quartieri, nei mercati, ed anzi gli immigrati africano hanno portato nei loro quartieri non poco folclore, colori ed arricchimento culturale (nei vestiti, musica, locali e punti di ristoro e culinaria, negozi), per chi apprezza.

    I problemi ed attriti sussistono per la popolazione di immigrati che vivono non in regola purtroppo (il che equivale a dire senza lavoro regolare, o “in nero”), che cosi facilmente può scivolare nel degrado più o meno grave (criminalità, furti, stupefacienti, stupri, semplice degrado abitativo ed educativo degli eventuali figli.

    I rilievi ed i fatti riportati dall’autore dell’articolo, Bah, sono d’altronde tutti veri, e rispecchiano l’orientamento di Global Voices e di suoi collaboratori di rendere un’immagine quanto piì reale ed oggettiva della situazione così come risulta ai sensi, portando e mettendo in risalto e dando voce alle opinioni dgli interessati dalla vicenda.

    Ed anzi, si avrebbe potuto dire scrivere ancora di più sugli avvenimenti e tribolazioni degli immirati.

    Quello che però è veramente importante è ciò che devonoi passare (o dovevano passare, fintanto che le frontire erano penetrabili) nel loro viaggio dal sud, specialmente nel deserto del Sinai , ad opera delle bande beduine e dei delinquenti che richiedevano pagamenti carissimi per fargli passare la frontiera ‘ non senza che motlissime donne3 fossero da loro sistematicamente violentate, se non rapite e vendute o peggio, ed altre persone sequestrate, invece che essere fatte passare clandestinamente per la frontiera, richiedendo ulteriore riscatto dai familiari.

    Questo lo ho imparato da un articolo precedente di Global Voices sull trattameto di questi profughi nel Sinai.

    Da piangere strapparsi le vesti.

    Su questa loro sorte veramente si dice molto poco in Israele, cosi come di come trattare ed acogliere questi disgraziati sventurati che riescono in qualche modo a raggiungere il confine dopo le loro orribili peripezie.

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.