chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Venezuela: cosa pensano i sostenitori del governo delle proteste in corso?

Mentre l'opposizione sta cercando delle maniere per mantenere in vita le proteste [en] in varie parti del paese, i sostenitori del governo di Nicolas Maduro denunciano in rete delle finte fotografie e contestano le intenzione dei manifestanti. Le richieste dei sostenitori del governo riguardano anche l'arresto dei manifestanti per consegnarli alla giustizia, dato il grande numero di danni e disturbi recati proprio a causa di alcune delle proteste.

Cosi, nei social media al momento si trovano due trend principali, entrambi raggruppati sotto gli stessi hashtag.

Capire il punto di vista di entrambi le fazionii è estremamente complicato, data la numerosità di posizioni e circostanze delle varie comunità e gruppi. In questa situazione, cerchiamo di esplorare al meglio le opinioni che sono state condivise su internet durante le proteste delle ultime settimene, dal punto di vista dei sostenitori del governo.

Nel suo blog [es, come tutti i link seguenti] e su Twitter, l'utente Indira Carpio fa notare “l'apparente contraddizione”:

Protesta per la libertà; arrensta i tuoi vicini con le guarimbas [proteste con blocchi/scontri per le strade].

Le Guarimbas sono i luoghi dove i gruppi di opposizione sono radunati per protestare. Sono barricate di strada: utilizzano oggetti per chiudere le strade, qualche volta bruciando pneumatici o altri oggetti.

Delcy Rodríguez, Ministro venezuelano delle Comunicazioni e dell'Informazione, ha condiviso questa foto su twitter:

Attenzione ad alcuni gruppi di mercenari Chavisti [sostenitori dell’ ex Presidente Hugo Chavez] che stanno attaccando la città.

Con rispetto verso le opinione dell'opposizione, l'utente María Fernanda sostiene:

L'opposizione spende il suo tempo creando miti su Chavez ai quali credono solo loro.

D'altra parte, l'utente Alejandro Salcedo dice:

Nicolas Maduro è il Presidente costituzionale voluto dalla volontà dal popolo venezuelano

E l'utente Gabriel López riporta:

Dopo aver visto certe cose che ho fatto per cercare di lasciare La Urbina, NESSUNO mi può dire che la guarimba è  buona a qualcosa.

Nicmer Evans discute in una maniera più dettagliata le basi del conflitto in un post sul suo blog:

Más allá de los señalamientos estériles entre un bando y otro, si uno dice que él otro es responsable, y viceversa, entonces o la culpa es de la vaca, o hay un tercer factor o “factor x” que está jugando a la desestabilización, al caos y a generar una confrontación que la mayoría de la población considera estéril.

Me atrevo a afirmar que existe un “Factor X” infiltrado en todos los sectores políticos que está jugando a la confrontación, que incita al odio, que desborda la institucionalidad. Por un lado se ha activado una violencia estimulada por el odio y que ha encontrado en algunos estudiantes un recurso gratuito, para aportar la sangre que necesita el Factor “X” para sus objetivos, y por el otro lado, excesos policiales que han dado alimento al Factor “X” para que la confrontación adquiera potencia en el escenario internacional. Pero si es así, también existe complicidad de quienes no terminar de develar a los responsables de bando y bando.

Oltre alle sterili accuse tra le due fazione, se uno dice che l'altro è il responsabile e vice versa, allora o [possiamo] incolpare una mucca; o c'è un terzo fattore cioè il fattore “x” che sta giocando con la destabilizzazione, il caos e sta generando un dibattito che per la maggioranza delle persone non ha valore.

Oso sostenere che c'è un “fattore x” che si infiltra in ogni settore politico e che fomenta il confronto violento, incitando l'odio e l'istituzionalismo opprimente. Da un lato, si è attivata una violenza stimolata dall'odio che ha trovato in alcuni studenti uno sviluppo gratuito, fornendo al “fattore x” quel sangue necessario per i suoi obiettivi, mentre dall'altro gli eccessi da parte della polizia, che hanno alimentato il “fattore x”, dandogli maggior potenza e visibilità sullo scenario internazionale.

Infine, l'autore considera alcune proposte che ritiene prioritarie:

Una propuesta urgente: Una Alianza Popular Revolucionaria de Rectificación Socialista y Chavista, que permita una verdadera recomposición de las fuerzas políticas a lo interno y de resistencia ante la arremetida contrarrevolucionaria, una “revolución dentro de la revolución” encabezada por usted. Aún hay tiempo camarada.

Una proposta urgente: Un alleanza Popolare Rivoluzionaria di Socialisti e Chavisti come soluzione, che possa permettere una reale ricostruzione interna delle forze politiche ed una resistenza contro l'implacabile controrivoluzione, una “rivoluzione dentro la rivoluzione”, guidata da voi. C'è ancora tempo camerata.

1 commento

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.