chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Australia: i netizen scherzano sul revival delle “dame” e dei “cavalieri”

Quando, nel settembre del 2013, il monarchico Tony Abbott è stato eletto primo ministro dell’Australia, aveva promesso che non ci sarebbero state sorprese. Invece sembra che abbia sorpreso tutti riesumando le onorificenze di “dama” e “cavaliere” nell’Ordine dell’Australia.

Il 25 marzo 2013, Twitter in Australia è andato in tilt. I messaggi con l'hashtag #auspol [en, come tutti i link seguenti] sul feed di Tweetdeck si susseguivano a una tale velocità che era quasi impossibile leggerli. Gli hashtags #KnightsandDames e #Dames sono diventati famosi  per ore dopo l'annuncio non solo in Australia, ma i due hashtag #KnightsandDames ed Australia sono entrati anche nella top ten mondiale.

Dati Twitter su Knights e Dames del 25 marzo 2013

Dati Twitter su Knights e Dames del 25 marzo 2013

Molte risposte erano ironiche, con un inevitabile paragone ai tornei medievali:

Cosa vedono gli occhi di Abbot…… e cosa vedono i nostri!

Tony Abbott vuole riesumare la giostra medievale e la caccia alle streghe come passatempo per i suoi vassalli

Per alcuni è un ritorno al passato:

Che decisione fantastica #PM Tony Abbott! Potremmo riavere anche le sterline, gli scellini e i penny?

Anche i sostenitori del primo ministro ritornano alla nostra storia:

Sono felice che il Primo Ministro non si vergogni delle nostre origini europee. Diversamente dai Laburisti che fanno i ruffiani dei Verdi.

John Monash, probabilmente il più grande generale della Prima Guerra Mondiale, è stato nominato cavaliere dal Re, sul campo di battaglia

La Dama Greenrat è tra le tante che hanno aggiunto un'onorificenza al loro account Twitter, conferendogli una nota di serietà:

Sono felice che il primo ministro non si vergogni delle nostre origini europee. Diversamente dai Laburisti che fanno i ruffiani dei Verdi.

Anche le immagini sono diventate virali:

Tony Abbott annuncia i cambiamenti alla bandiera australiana, per rimanere sulla scia di #dameecavalieri

Il blog su Tumblr “A Rational Fear” mostra delle foto di noti volti australiani nel post ALZATI: Quale cavaliere della tavola rotonda di Abbott ti senti? Ognuno di loro ha un nomignolo che gli si addice, come Sir Cumference per il robusto Clive Palmer, Sir Mon per Cardinal George Pell e Sir Loin per il Ministro dell'Agricoltura Barnaby Joyce.

Agriculture Minister Barnaby Joyce - Sir Loin Image: Tumblr - A Rational Fear

Barnaby Joyce, Ministro dell'Agricoltura – Sir Loin Foto dal Tumblr “A Rational Fear”

Persino i politici si sono uniti alla satira. Il parlamentare dell’opposizione Tony Burke sulla sua pagina Facebook si dice pronto a lottare:

Tony Burke

Tony Burke pronto a lottare – Foto da Facebook

Molti le citazioni del film Monthy Python in riferimento al Sacro Gral:

La mia idea sul #cavalierato di Tony Abbott si riassume nella famosa citazione dal fim Monty Python… “Scoreggio nella tua direzione”

L’ex Primo Ministro John Howard, uno stretto alleato politico di Tony Abbott, è preso di mira da tutti:

Ok ci sono! Penso che John Howard debba prendersi il suo titolo di cavaliere in un modo o nell’altro eh??

A questo punto saranno solo quattro i personaggi di #KnightsandDames. Se dicono di si al comico Barry Humphries, l'Australia potrebbe avere due al prezzo di uno:

La prima coppia d'Australia. No, non Abbott e Margie. Sir Les e la Dama Edna.

Questo commento era inevitabile considerando la data:

Bisogna che qualcuno avvisi il Governo di Abbott che sono una settimana in anticipo #PesceD'Aprile 

2 commenti

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.