chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Perché il Ruanda accusa la Francia di aver sostenuto il genocidio del 1994

In occasione della commemorazione delle vittime del genocidio del Ruanda, a vent'anni dalla tragedia, il Presidente Kagame ha dichiarato che la Francia deve “far fronte alla difficile verità” del suo ruolo nel genocidio del 1994 [fr, come i seguenti, salvo diversa indicazione]. Come conseguenza la Francia si è ritirata dagli eventi commemorativi e il precedente Ministro degli Affari Esteri francesi ha chiesto che il Presidente Hollande difenda l'onore del paese e delle sue forze armate.

Rémi Noyon, sul sito francese Rue 89, enumera le ragioni per cui il Ruanda accusa la Francia di aver favorito il genocidio [fr]:

 

 1) La France va « de facto » prendre le commandement de l’armée rwandaise face au rebelles du Front patriotique rwandais (FPR).

2) La France craint alors que l’offensive tutsi ne soit télécommandée via l’Ouganda par les Anglo-saxons, et ne vise à enfoncer un coin dans l’influence de la France sur la région

3) La France ne semble pas s’intéresser outre mesure aux négociations de paix.

4) Les soldats n’embarquent pas le personnel tutsi présent à l’ambassade de France (sauf une personne). Ils seront tous massacrés.

5) Quant à l’opération Turquoise, elle continue à diviser : elle a certainement permis de sauver des vies tutsi, mais l’armée est accusée d’être restée passive – et donc complice – face aux atrocités.

1) La Francia prese il comando di alcuni reparti dell'esercito del Ruanda contro i ribelli del Fronte Patriotico Ruandese (PRF).

2) La Francia temeva che l'offensiva dei tutsi fosse diretta a distanza dalla Gran Bretagna attraverso l'Uganda al fine di indebolire l'influenza francese nella regione.

3) La francia non sembrò particolarmente interessata a negoziati di pace.

4) I militari non evacuarono il personale tutsi presente all”Ambasciata francese (tranne una persona) e tutti furono massacrati.

5) Rispetto all'operazione Turquoise i pareri sono discordanti: certamente salvò alcuni tutsi, ma l'esercito è accusato di essere rimasto passivo – e quindi complice – delle atrocità.

 

 

2 commenti

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.