chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Cina: la stretta contro la pornografia va ben oltre il porno

Le autorità cinesi hanno bloccato più di 100 siti e migliaia di account di social media accusati di contenere materiale pornografico, a seguito del lancio di una campagna contro la pornografia lo scorso aprile. 

Secondo l'agenzia di stampa nazionale Xinhua [zh, come i seguenti, salvo diversa indicazione], la “pulizia del web 2014”, che continuerà fino a novembre, condurrà dei controlli severi su siti web, motori di ricerca, negozi online di applicazioni per cellulari, chiavi USB per web TV e digitale terrestre. Tutti i testi, le immagini, i video e le pubblicità su internet con contenuti pornografici saranno cancellati, e i siti verrano chiusi o privati delle loro licenze se produttori o divulgatori di informazioni pornografiche.

Durante la campagna, più di 20 siti letterari sono stati chiusi inaspettatamente. Offbeat China [en] riporta che i siti che ospitano materiale di slash fiction [it] sono stati chiusi. Tra questi c'è il sito più famoso di autopubblicazione, jjwxc.net.

La Slash fiction è un tipo di fan fiction [it] che ha come tema principale delle relazioni sessuali tra personaggi dello stesso sesso. In Cina il genere è generalmente scritto da giovani ragazze etero che si autodefiniscono “donne corrotte” e le loro storie di solito si basano su relazioni tra uomini. Sembra che circa 20 di queste autrici siano state trattenute dalla polizia.

China has shut down over 100 websites during the crackdown. (Picture from )

La Cina chiude più di 100 siti internet come parte della pulizia del web. Immagine da letscorp.net

Il portale cinese Sina.com, di proprietà del gigante mediatico Sina Corp, è stato sospeso [en] dalla pubblicazione su internet e dalla disseminazione di audio e video, accusato di contenere contenuti pornografici online. Sina ha pubblicato una scusa ai netizen e al pubblico dicendo che l'azienda seguirà attentamente la decisione delle autorità e controllerà più severamente i suoi contenuti:

Sina ha intenzione di lavorare in collaborazione con altri operatori online per fare degli sforzi vigorosi nella campagna nazionale anti pornografia e per creare un ambiente internet pulito.

La campagna ha scatenato molto scetticismo. Molti sospettano che sia solamente un'altra scusa per inasprire i controlli sul web. Molti di quelli nati negli anni '80 e '90, che dovrebbero essere i “soggetti protetti” dalla campagna, commentano [en] dicendo che anche loro ora “stanno provando sulla loro pelle la Rivoluzione Culturale”.

Il blogger cinese Zhang Jialong [en] scrive che la campagna è più che altro “contro le voci”, avendo come facciata quella dell'anti pornografia:

In altre parole, si vuole assicurare che gli organi del partito, e non le basi della cultura cinese, abbiano la voce più forte nel web nazionale.

Secondo Zhang Yi, amministratore delegato della società di consulenza Aimei, così come riportato da paopao.com, il giro di vite non riguarda solamente la pornografia; alcuni siti che “distorcono i valori medi della società” sono stati chiusi. Essendo questo concetto molto vago, gli obiettivi della censura sono stati ampliati facilmente. Per esempio, una popolare piattaforma di domanda e risposta sul sito di Sina, chiamato “iasksina”, è stata chiuso.

Ye Haiyan, attivista per i diritti delle donne, ha commentato:

此类“误伤“无疑反映了中国式运动的简单粗暴,作为执法者,在运动中总显得无能与懒惰,同时亦体现了中国法治精神的虚空。

Questo “fuoco amico” riflette senza dubbio la crudezza del movimento stile cinese e l'incompetenza e la pigrizia degli organi esecutivi, ma inoltre personifica l'inconsistenza della legge in Cina.

Dei ricercatori sul tema del sesso, guidati dai dottori Chen Yaya e Fang Gang hanno pubblicato una proposta sul loro blog su Sina Weibo, la popolare piattaforma di microblogging, dicendo:

我国曾多次进行“网络扫黄”,投入大量人力物力,但令人失望的是,这些成本高昂的工作收效甚微,网络色情资讯从未减少而是越来越多。在某个时间段加大网络扫黄力度,确能在短期内减少网民可接触到的色情资讯,但从长远来看功效甚微。此外,还可能出现因为判断失误,过当处罚的情况,甚至与性的自由表达权相冲突。

Il nostro paese ha condotto un “giro di vite sul web” molte volte, investendo molto personale e risorse, ma è deludente riconoscere che questo lavoro costoso ha poco successo, la pornografia online non si è ridotta, anzi è aumentata. A breve termine, può sicuramente ridurre l'esposizione degli utenti alla pornografia, ma alla fine l'effetto è minimo. A causa degli errori di giudizio e alle pene inappropriate, potrebbe anche essere un pericolo per il diritto alla libertà di espressione. La proposta ha bisogno di un modello più ragionevole.

修订相关法律法规中关于“淫秽、色情”的定义,实行电影、出版物分级制度,避免“扫黄”范围扩大化,保障性的自由表达权;完善青少年性教育。

Per correggere la definizione “oscenità, pornografia” in leggi e regolamenti importanti, per l'implementazione di video e di un sistema di pubblicazione classificato, per evitare l'espansione dei “giri di vite contro la pornografia”, per proteggere la libertà di espressione, per migliorare l'educazione sessuale tra i giovani.

1 commento

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.