chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Trinidad: Video sulla corruzione nel paese è virale sul web

Un rapporto investigativo di Daniel Gold [en, come i seguenti] di Vice News è diventato virale in Trinidad e Tobago. Il video, che si intitola Omicidio e Corruzione in Trinidad esamina la situazione del crimine nella repubblica delle isole gemelle, con riferimento specifico al traffico dei narcotici e al suo impatto sulle gang e le armi illegali nel paese.

Nella descrizione del documentario, Vice News ha scritto:

Molti omicidi sono attribuiti a gang di strada senza scrupoli e connesse politicamente che controllano territori che talvolta non sono più grandi di un quartiere cittadino. Le gang combattono per i contratti lucrativi del governo che dovrebbero fornire servizi sociali e contrastare la disoccupazione.

Ma la violenza delle gang è semplicemente un sintomo di un problema più grande. Trinidad è diventata una tappa importante per le droghe destinate all'Africa Occidentale e agli Stati Uniti. Molti osservatori puntano il dito contro “il pesce grosso” – le élite anonime politiche e affaristiche che sono dietro al traffico di droga e alla cultura omicida e di corruzione endemica che ne scaturisce come conseguenza. Sono accusati di trasformare un paese ricco di petrolio e di depositi di gas nel loro personale narco-stato, promuovendo l'impunità attraverso una rete di tangenti e omicidi. A differenza dei profitti dell'industria energetica, tuttavia, questo fenomeno filtra fino al livello della strada.

Il video arriva alla veglia della recente esecuzione dell'insigne Senior Counsel Dana Seetahal, la cui morte ha scioccato la nazione. I cittadini da tutti i livelli hanno assalito il web per denunciare lo stato del crimine nella nazione.

Port of Spain, Trinidad and Tobago Nightscape. Photo by Quinten Questel, used under a CC license.

Porto di Spagna, Trinidad e Tobago, veduta notturna. Foto di Quinten Questel, utilizzo autorizzato da copyright.

Il blogger Ryan Ramoutar ha pubblicato un pezzo intitolato non a caso Gotham, concernente la questione della corruzione così come descritta nel documentario di Gold:

Il punto della faccenda è che questo paese è marcio da cima a fondo… Tutti in questo paese sanno che il problema è la droga. Tutti sanno che non sono i giovani ragazzi di Laventille a finanziarla. Tutti sanno della corruzione ai porti. Tutti sanno. E questo è il punto. Non insultate la mia intelligenza dicendomi che state lavorando su teorie e che le risorse non verranno risparmiate per trovare i suoi assassini perché non mi interessa chi ha premuto il grilletto. Non sono di sicuro gli stessi che hanno dato l'ordine. Molto probabilmente non sono quelli che hanno portato armi di grado militare nel paese. Dove sono gli arresti e la persecuzione di questi “pesci grossi”? Sapete, quelli che in realtà hanno il whereitall (sic) finanziario per gestire il narcotraffico.

In reazione al video, molti netizen hanno condiviso le loro impressioni su Twitter

 

Altri hanno postato i loro commenti sulla pagina YouTube dove il documentario è stato caricato. Tra questi c'era Stephanie Stewart, che ha commentato:

Da nessuna parte in questo video egli ha denunciato i legami che la maggior parte degli ufficiali governativi hanno con noti spacciatori di droga. E non gli spacciatori nelle strade, ma quelli negli uffici. Quello che il video sottolinea è solo una piccola parte di ciò che accade in Trinidad e Tobago, poiché le persone in Laventille e altri “punti caldi” sono sul fondo della botte quando si tratta di scaricare la responsabilità del problema del crimine.
 
Sono deluso dal fatto che continuano a promuovere l'idea di Rasta city v Musulmani come il punto focale del livello criminale più basso/la questione delle gang. Rasta City è un gruppo di criminali che ha appena deciso il nome. Non sono una religione né un movimento. Sono una gang. I musulmani a cui si riferiscono non sono le persone comuni che seguono la religione. Stanno parlando di quelli collegati e impegnati in attività negative del Jamaat al Muslimeen. In ogni caso, non sono sicuro del motivo per cui la polizia abbia dato Musulmani v Rasta City come ragione del conflitto tra gang. C'è una guerra tra gang, uomini importanti nascosti dietro le tende – pesci grossi, corruzione, ecc. Ma non sono d'accordo nel considerare Rasta City v Musulmani una questione.
 

Un altro commentatore, Jennifer Chee-A-Tow, ha rilasciato una dichiarazione ancora più audace:

Trinidad è diventato un narco-stato e le persone che vivono lì non lo vedono. La vita è dolce finchè non ci sono più giudici, né tribunali. Droga e omicidio è la legge adesso. Che Dio li aiuti.
 
 
Sì c'è corruzione, cocaina e omicidi in Trinidad, ma non è il peggio… AMO IL MIO PAESE e voi che guardate tutto questo e giudicate cosa sia il Trinidad veramente, mi dispiace per voi, perché questo non copre nemmeno la punta dell'iceberg…perché questo video è stato girato solo in una piccola area del Trinidad… l'isola intera NON E’ quello che la gente crede che sia dopo aver visto il video.
 
Qual è la soluzione alla situazione criminale del paese? Molti credono che il problema sia più grande delle gang e della corruzione: una mentalità di mancanza di disciplina in ogni aspetto della società. Ramoutar ha riassunto così:
Nonostante il nostro “benessere”, questo paese è un paese fallito. Le istituzioni statali non funzionano, dalla sanità alla sicurezza nazionale, all'educazione, alla finanza. La trasparenza e la responsabilità non esistono e coloro che le richiedono vengono trattati (da chiunque controlli il tesoro) come maldicenti. Il nostro sistema e la struttura di governo sono un fallimento. Perché il nostro governo finanzia il commercio. E’ complice nel riciclaggio di denaro sporco e nel traffico di droga. E non perché lo siano i singoli ministeri. E’ perché lo stato prontamente fornisce finanziamenti attraverso contratti URP/CEPEP. Il Ministro della Finanza non conduce verifiche su cittadini che per qualche motivo riescono a vivere come re e regine pur dichiarando guadagni come i poveri. E’ perché l'Apparato di Sicurezza non può o non vuol controllare i nostri confini o condurre intelligentemente delle indagini. Quante volte ci sono stati blitz di droga senza arresti?
 
Il video continuerà senza dubbio ad essere motivo di discussione sui social media – e forse provocherà anche una pronta dichiarazione da parte del governo attuale sulla questione della droga, delle armi e della corruzione in Trinidad e Tobago.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.