chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Venezuela: la web serie ‘Argumentos’ approfondisce i conflitti interni nel paese

Argumentos

Argumentos, immagine presa dalla relativa pagina su YouTube

Da qualche settimana, la web serie Argumentos [es, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] pubblica le opinioni di giornalisti, ricercatori, artisti e pensatori che tentano di gettare luce sui contrasti che hanno segnato la vita politica e sociale del Venezuela negli ultimi tempi. Sul canale YouTube della serie si afferma: “Argumentos ha l'obiettivo di offrire informazioni utili a comprendere la situazione che sta vivendo ora la società venezuelana, […] ritrae l'eterogeneità dei punti di vista di protagonisti e degli esperti di campi e in discipline differenti, con l'obiettivo di assicurare il pluralismo di pensiero.

Argumentos è un'iniziativa del gruppo Automático Films, in associazione con le librerie Lugar Común e l’organizzazione artistica Nelson Garrido. Nei video vengono presentate le impressioni personali degli intervistati sulle cause del conflitto, con uno sguardo al passato recente del Venezuela. Gli intervistati condividono le proprie idee e consigliano diverse letture a coloro che desiderano approfondire la conoscenza di un processo che necessita maggiori spunti di riflessione e discussione.

Nelson Garrido, fondatore di una delle organizzazioni coinvolte, spiega come l'arte legga e sintetizzi i segnali derivanti dall'angoscia che si prova all'interno della comunità e sottolinea:

La situación de violencia que se vive en el país era previsible y los síntomas se presentaron mucho antes […]. Estamos sobre una cantidad de capas de frustraciones que de repente explotan […]. Lo que está pasando ahora es simplemente un resultado histórico [que] ni el gobierno ni la oposición [están] capitalizando […]. Por primera vez la sociedad civil, la población en general está explotando […]. Hay una instancia de descontento social masivo […].

La situazione di violenza che si sta vivendo all’interno del paese era prevedibile; ci sono state avvisaglie in passato […]. Ci troviamo di fronte a una grande bolla di frustrazione che esploderà all'improvviso […]. Quello che si sta vivendo adesso è semplicemente un risultato storico che né il governo né l'opposizione stannosfruttando […]. Per la prima volta la società civile, la popolazione in generale, è sul punto di esplodere […]. C'è un’istanza di scontento sociale di massa […]

Per quanto riguarda le opinioni su Hugo Chávez [it], il carismatico ex presidente del Venezuela morto nel 2013, Garrido afferma:

Que ya se defina a Chavez como comandante supremo eterno es una cosa de un carácter tan fascista […]. Las instancias del poder están manejando eso ya casi a nivel religioso […].

Il fatto che Chavez venga definito eterno comandante supremo riflette una caratteristica del fascismo […]. Le istanze del potere stanno spostando tutto questo quasi su un piano religioso […].

Padre Alejandro Moreno, psicologo, filosofo, teologo, dottore in scienze sociali e direttore del Centro di Ricerca Popolare, afferma come la comprensione dell'identità popolare venezuelana possa aiutare a spiegare la situazione che si sta vivendo attualmente. Secondo gli autori delle interviste:

Para Moreno, gran parte de las interpretaciones […] se alejan de la interpretación del venezolano popular que privilegia la afectividad frente a la racionalidad. Objetivamente, los problemas que viven los venezolanos son los mismos, pero la respuesta y manera de manifestar el descontento son diferentes.

Per Moreno la maggior parte delle interpretazioni […] si allontanano da quelle del venezuelano popolare, che preferisce l'affettività alla razionalità. Obiettivamente, i problemi che vivono i venezuelani sono sempre gli stessi, però la risposta e il modo di manifestare lo scontento sono differenti.

Per quanto riguarda il movimento di protesta che è stato oggetto di discussione nelle ultime settimane, Moreno dichiara:

Este movimiento es muy auténtico […] lo que se está haciendo es lo que debe llevar a un cambio radical en la política del país. A pesar de todas las represiones […] que en un momento determinado [pueden] aplastar este movimiento […] nunca lo elimina. Esos son carbones encendidos que van a estar siempre debajo de las cenizas…

Questo è un movimento davvero autentico […]. Si sta facendo ciò che è necessario per generare un cambiamento radicale nella politica del paese. Nonostante tutte le repressioni, […] che in un qualsiasi momento potrebbero distruggere questo movimento […], questo non verrà mai eliminato del tutto. È come il carbone che continua ad ardere sotto la cenere.

Per quanto riguarda la difesa dei Diritti Umani, Rafael Uzcátegui [en] mette in evidenza le nuove caratteristiche che si osservano all’interno delle proteste. Secondo Uzcátegui, le proteste presentano molti elementi che fino a oggi mai si erano visti nei movimenti sociali venezuelani. Tra le altre cose, originale e significativo è il fatto che il movimento di protesta parta dall'interno e si muova verso Caracas, in contrasto con la dinamica tradizionale dei movimenti sociali in Venezuela. “Uzcátegui parla della legittimità politica di tutti i gruppi come principio di una società democratica e risalta l'importanza di promuovere un processo di depolarizzazione a partire dal riconoscimento dell'altro”.

[La primera novedad es] expansión en el tiempo […] lo cual de alguna manera contradice la cultura inmediatista del venezolano de querer resultados inmediatos […]. Una segunda novedad es la cantidad de ciudades que están involucradas en esta situación, lo que hace que Caracas haya perdido esa condición que tenía hasta este año de ser el centro de la protesta nacional…

La prima novità è l'espansione nel tempo […], che in qualche modo è in contrapposizione alla cultura del venezuelano di cercare risultati immediati […]. Una seconda novità è la quantità di città che si trovano in questa situazione, il che ha fatto sì che Caracas non sia più protagonista della protesta nazionale, come è successo fino a quest'anno.

Anche Uzcátegui commenta la reazione dei settori che appoggiano il governo, così come le cause della protesta, e dice:

Hay una molestia generalizada que se expresa de diferentes maneras […]. Esta expresión de molestia tiene sus referentes en el propio sector de base que ha apoyado al gobierno en los últimos [y puede verse] en que la gente no está apoyando activamente, no está asistiendo a las convocatorias del gobierno a las marchas. [Esta] es una expresión del malestar generalizado producido por una situación aguda de crisis económica, que es el gran telón de fondo de esta situación…

C'è un malessere diffuso che si sta manifestando in modi differenti […]. Questa manifestazione ha referenti proprio nella base che ha appoggiato il governo negli ultimi tempi [e appare evidente] nel fatto che la gente non lo stia appoggiando attivamente, non stia rispondendo agli appelli del governo ad andarsene. É un'espressione del malessere generalizzato causato da una grave crisi economica, che fa da sfondo a questa situazione…

E per quanto riguarda la risposta dello stato, aggiunge:

También la respuesta del Estado ha sido diferente. Hay nuevos patrones en la violación de los derechos humanos que incluyen la participación de grupos paramilitares, el uso de la fuerza desproporcionada por funcionarios policiales y el robo sistemático por parte de los funcionarios a los detenidos.

Anche la risposta dello stato è stata differente. Ci sono in gioco nuovi fattori nella violazione dei diritti umani che comprendono la partecipazione di gruppi paramilitari, l'uso sproporzionato della forza da parte di funzionari di polizia e le continue ruberie da parte dei funzionari ai danni dei detenuti.

Anche l'utilizzo dei citizen media è stato oggetto di molte di queste discussioni, come afferma il giornalista Hugo Prieto, sottolineando come la partecipazione popolare abbia preso forma con le nuove tecnologie:

Para Prieto, todos estamos en capacidad de desarrollar trabajo periodístico apoyándonos en las nuevas herramientas que brinda la Internet y un teléfono inteligente. Sin embargo, se requiere aprender técnicas básicas periodísticas para generar información veraz y pertinente que pueda hacer frente al cerco informativo. [En la opinión del periodista] la división del país es resultado de un proyecto político que ha desconocido sistemáticamente a los que piensan diferente. Esto ha provocado una espiral de violencia que lejos de disminuir, crece alimentándose de los sentimientos de indignación e ira. Recomienda el desarrollo de espacios que den cabida al pensamiento plural y a despojarse de “gríngolas ideológicas” en aras de favorecer el entendimiento.

Secondo Prieto, tutti noi siamo in grado di lavorare come giornalisti attraverso l'utilizzo dei nuovi strumenti offerti da internet e dagli smartphone. Tuttavia, c'è bisogno di apprendere le tecniche base del giornalismo per creare informazioni vere e pertinenti, che possano far fronte alla ricerca di notizie. [Secondo il giornalista] la divisione del paese è il risultato di un progetto che sistematicamente ignora coloro che la pensano diversamente. Questo ha provocato una spirale di violenza che, invece di diminuire, aumenta, alimentandosi dei sentimenti di indignazione e ira. Raccomanda lo sviluppo di spazi che favoriscano la pluralità di pensiero privi di “paraocchi ideologici” per promuovere l'intesa.

Nel video che mostra l'intervista alla giornalista Tamoa Calzadilla, la discussione si sviluppa attorno all'utilizzo dei nuovi mezzi e del processo di polarizzazione che continua a crescere all'interno del paese. Secondo il riassunto del video, Calzadilla sostiene:

la crisis de gobernabilidad se agrava ante el secuestro de los cinco poderes públicos por parte del PSUV [it], la sustitución de los medios oficiales de comunicación por propaganda política, la compra y el cambio de línea editorial de medios privados, así como la dificultad de medios independientes para encontrar papel. La asimetría comunicacional ha llevado a los ciudadanos a buscar información veraz y oportuna en medios alternos como las redes sociales y el aprendizaje progresivo de los ciudadanos a informar de los hechos a los que tienen acceso de primera mano.

La crisi di governabilità è aggravata dal sequestro dei cinque poteri pubblici da parte del PSUV – Partito Socialista Unito del Venezuela [it], la sostituzione dei media ufficiali di comunicazione a favore della propaganda politica, l'acquisto e il cambio della linea editoriale dei mezzi di comunicazione privati, così come la difficoltà dei media indipendenti di trovare carta stampata. L'asimmetria comunicativa ha spinto i cittadini a cercare informazioni accurate e tempestive in mezzi alternativi come i social network, e la progressiva educazione dei cittadini li ha spinti a riportare i fatti a coloro che ne hanno accesso in prima persona.

La polarización se ha robustecido en estos últimos 15 años y pareciera irreconciliable … Creo que hay unos grises que no hemos sabido explorar, porque cada vez que hay un problema, se polariza…

La polarizzazione si è rafforzata negli ultimi 15 anni e sembra inconciliabile… Credo che ci siano alcune zone oscure che non abbiamo saputo esplorare perché, ogni volta che c'è un problema, questo viene polarizzato…

Alla serie partecipano altri autori e pensatori. E ognuno di loro apporta idee, dialoghi e consigli sulle letture. Cresce la discussione sulla partecipazione cittadina in rete riguardante la violenza e la crisi sociale, così come le lotte editoriali e la crisi della carta stampata. Il conflitto venezuelano continua, però, allo stesso tempo, apre spazi di riflessione, alla ricerca di una soluzione alla confusione.

2 commenti

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.