chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Brasile: costi e vantaggi dei mondiali

Dal suo blog [es], Daniel Bustos commenta dalla Colombia l’economia dei mondiali in Brasile e, dopo aver toccato l’inevitabile questione della corruzione, dichiara:

Finalmente Brasil servirá de “conejillo de indias” para los países latinoamericanos que algún día han soñado con organizar este grandioso evento, servirá para preguntar si con toda la infraestructura invertida Brasil tendrá unos buenos retornos o si por el contrario fue un gravísimo y costoso error, servirá para que países como el nuestro reflexionen sobre lo que se esta haciendo en los gobiernos en materia de infraestructura, empleo, educación y claro, inversión en el deporte todo para que algún día se pueda organizar un mundial.

Finalmente, il Brasile farà “da cavia” tra tutti quei paesi dell’America Latina che hanno sognato di poter un giorno ospitare questo grande evento. Servirà a sapere se il Brasile ricaverà qualcosa da tutte le sue infrastrutture convertite o se, al contrario, sarà stato un errore grave e dispendioso. Servirà a far riflettere paesi come i nostri su che cosa stiano facendo i governi per quanto rigurada le infrastrutture, l’occupazione, l’educazione e, ovviamente, l’investimento nello sport, affinchè un giorno si possano organizzare i mondiali.

Il post ha partecipato al secondo #GVBlogsMonday [es] il 12 maggio 2014.

1 commento

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.