chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Sotto le bombe: i dottori di Gaza salvano vite e twittano delle storie strazianti

Al Shifa hospital's Dr Bassel Abuward sarcastically tweets "6m old (terrorist) infant being treated by Drs to remove shrapnel from his back."

Il Dott. Bassel Abuward dell'ospedale Al-Shifa scrive sarcastico su Twitter: “bambino di 6 mesi (terrorista) curato dai dottori che cercano di estrargli un frammento di proiettile dalla schiena”

Otto ospedali, nove cliniche mediche e 14 ambulanze sono state bombardate dall'inizio dell'offensiva lanciata da Israele sulla striscia di Gaza, un lembo di terra costiera lungo 40 chilometri e densamente popolato. Il Primo Ministro britannico David Cameron ha chiamato la striscia di Gaza, dove vivono 1.8 milioni di Palestinesi, “una prigione a cielo aperto”.

Secondo il Ministero della Salute di Gaza [en, come tutti gli altri link, eccetto ove diversamente indicato] negli ultimi 20 giorni, quattro delle 1000 vittime e 14 dei 6000 feriti erano personale medico. 

Gli aerei militari e i carri armati israeliani hanno anche colpito quartieri residenziali, scuole e rifugi. L'ONU stima che più del 74% dei morti siano civili

Sotto la minaccia delle bombe, dottori come Bassel Abuward, Belal, Saeed Kanafany e Mads Gilbert stanno facendo miracoli nel più grande ospedale di Gaza, Al-Shifa.  

Proprio ora a Gaza, un bambino nato dalla madre morta, uccisa dall'esercito israeliano UNA VITA DALLA MORTE

Il rapporto dell'ONU su Gaza del 20 luglio spiega che centinaia di civili stanno cercando aiuto ad Al-Shifa:

La situazione non potrebbe essere più disastrosa per il settore medico, che a Gaza è al collasso, e dove l'ultimo conflitto non fa altro che aumentare le difficoltà per lo staff medico e i dottori, sopraffatti dalla tragedia. 

Questa è la terza guerra che gli abitanti di Gaza affrontano in cinque anni e mezzo. Come nei conflitti precedenti, non c'è nessun luogo dove donne, uomini e bambini possano fuggire. La Striscia è densamente popolata e il blocco imposto da Israele, che dura da sette anni, significa che ogni movimento per e da Gaza resta virtualmente vietato. 

I medici del sovraffollato ospedale di Al-Shifa sono testimoni di un'immensa tragedia. Più persone vengono curate sullo stesso letto nelle sale d'emergenza. Neonati ad alto rischio stanno morendo per la mancanza di cure specializzate. 

Israele sta cercando di distruggere il futuro di Gaza uccidendo la maggior parte dei nostri bambini e rendendo disabile il resto

Nel giorno particolarmente sanguinoso dell'offensiva, che ha avuto come obiettivo Shejaiya, uno dei quartieri più popolosi di Gaza, un correspondente dell'NBC ha scritto su Twitter da Al-Shifa: 

In 13 anni, non ho mai visto o sentito l'odore della morte come l'ho vista e ne ho sentito l'odore sui corpi trascinati da Shejaiya all'obitorio di Shifa, oggi.

I medici non stanno soltanto salvando delle vite, stanno anche raccontando la dimensione della tragedia di Gaza al mondo, scrivendo su Twitter tra un turno e l'altro le storie delle sale d'emergenza e la distruzione che vedono facendo la spola tra il lavoro e le loro case.

@BelalMd12

Il blogger e dottore Belal, ha scritto dall'account @Belalmd12 tra i turni e sotto le bombe. È anche apparso sul notiziario indipendente online Democracy Now e ha scritto uno straziante articolo per Electronic Intifada, un sito web di notizie che si concentra sulla Palestina:

Sono arrivate decine di persone all’ospedale al-Shifa di Gaza City, dove io ero di turno quella notte.  Alcuni sono arrivati ridotti a pezzi, alcuni decapitati, altri sfigurati al di là di ogni possibile riconoscimento, sebbene ancora in vita […] Lo staff medico ha avuto la fortuna di una pausa di meno di mezz'ora. Alcuni l'hanno passata guardando i razzi di segnalazione e le bombe che Israele stava lanciando a pioggia sui quartieri ad est di Gaza City, mentre altri si ricaricavano con del caffè o si coricavano per qualche minuto.

Alcuni dei suoi tweet:

Il mio turno è finito alle 9 del mattino e sono libero di scrivere su Twitter tutto ciò che voglio, ovviamente se resto vivo.

Un morto arriva in ospedale. Il dottore scopre che si tratta del suo figlio martirizzato. Scatta un'ultima foto.

Gli dicono di evacuare, e quando lo fanno gli sparano. Israele ha appena bersagliato una scuola dell'UNRWA dove le persone stavano cercando rifugio.

Il portavoce dell'IDF si vanta, dice che 120 bombe sono cadute su Alshujaeya, ognuna da una tonnellata di esplosivo. Salvatevi quel tweet per la Corte penale internazionale.

La Croce Rossa ha abbandonato la gente e ha smesso di rispondere alle loro chiamate. Siete lì per cosa allora? Organizzare picnic?

Dopo la morte dei quattro ragazzi palestinesi uccisi da sofisticati armamenti aerei israeliani mentre giocavano sulla spiaggia, ha scritto: 

8 dei loro pochi anni su questa terra li hanno vissuti sotto assedio. Non hanno mai avuto l'opportunità di vedere il mondo; il mondo non se ne è mai preoccupato e non ha aspettato.

Questo è l'ospedale di Beit Hanoun, ha avuto lo stesso destino dell'ospedale europeo di Gaza, l'ospedale Al-Aqsa e l'ospedale Al-Durra.

 

@DrBasselAbuward

Il Dr. Bassel Abuward ha pubblicato delle foto su Twitter degli ospedali e della devastazione di Gaza e ha condiviso messaggi di solidarietà e supporto provenienti da tutto il mondo. 

Migliaia di persone oggi hanno manifestato per Gaza nelle strade di Chicago. Grazie.

Ricordo di essere rimasto scioccato dalla devastazione della Siria. Ciò che ho visto oggi a Gaza è virtualmente indistinguibile.

Padre e figlio sono andati a controllare la loro casa e hanno trovato questo!!! Questa foto vale mille parole.

La PEGGIORE esperienza della mia vita è stata dire ad una madre che cercava i propri figli che erano TUTTI morti.

L'ospedale pediatrico di Al-Durrah a Gaza è stato severamente danneggiato da vicini attacchi aerei, ieri. 30 feriti, 1 morto.

A causa dell'alto numero di feriti, più pazienti sono curati sullo stesso letto, di nuovo BAMBINI.

 

@DrSaeedKanafany

Il Dr. Saeed Kanafy ha raccontato su Twitter le tragedie e le realtà che il personale medico sta sopportando.

Il martire paramedico Mohammed Al Abadlah ora è tra le mani di Dio :( Come ho detto, ogni linea rossa è stata oltrepassata.

L'ospedale di Beit Hanoun è sotto attacco ora. Israele ha superato ogni limite, perfino gli ospedali.

I dottori a Gaza bevono acqua così.

"The moment you see Doctors crying , Is the moment when you realize all red lines have been crossed" @DrBasselAbuward

“Il momento in cui vedi un medico che piange è il momento in cui realizzi che ogni linea rossa è stata oltrepassata” @DrBasselAbuward

Gli Stati Uniti danno a Israele circa 3,1 miliardi di dollari in assistenza militare ogni anno. Ogni volta che Israele lancia un'offensiva letale e distruttiva su Gaza — questa è la terza in sei anni — l'UNRWA, agenzia umanitaria fondata dagli Stati Uniti, ne affronta le conseguenze. 

 

Dr. Mads Frederick Gilbert

Il medico norvegese Dr. Mads Frederick Gilbert, che lavora con Bassel, Saeed e Bilal all'ospedale di Al-Shifa, ha pubblicato una lettera aperta al presidente Obama il 17 luglio, che da quel momento è stata largamente condivisa e pubblicata su molti siti:

‘Signor Obama – lei ha un cuore?

La invito a passare una notte – solo una notte – con noi a Shifa. Camuffato da addetto alle pulizie, magari.

Sono sicuro al 100%, che cambierebbe la storia.

Nessuno con un cuore E con il potere sarebbe in grado di andarsene da Shifa senza la determinazione di porre fine al massacro del popolo palestinese.

2 commenti

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.