chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Russia: No di Facebook e Twitter al blocco dei contenuti pro-Navalny

In Russia si scherza sul fatto che  Roscomnadzor avrebbe persino eliminato piazza Manežnaja da Yandex Maps. Immagini elaborate da Tetyana Lokot.

In Russia si scherza sul fatto che Roscomnadzor sarebbe arrivato a eliminato piazza Manežnaja da Yandex Maps. Immagini elaborate da Tetyana Lokot.

Nonostante l'ostruzionismo da parte dell'autorità suprema per le telecomunicazioni e delle forze dell'ordine nei confronti della manifestazione prevista per il 15 gennaio prossimo, pare che sia Facebook che Twitter abbiano rinunciato al blocco delle pagine pro-Navalny.

A quanto si legge in un articolo [ru, come i link a seguire, tranne dove altrimenti indicato] di TV Rain, Facebook ha dichiarato che il blocco imposto alla prima delle pagine create per la promozione dell'evento non sarà applicato ad altri contenuti. Secondo le stesse fonti, Twitter continuerà a inviare notifiche agli utenti segnalati da Roscomnadzor, senza però applicare alcuna sanzione. Nell'articolo si legge anche che entrambe le compagnie sono consapevoli delle potenziali ripercussioni di una tale presa di posizione da parte delle autorità russe.

A tutt'oggi la prima pagina Facebook creata per pubblicizzare la manifestazione del 15 gennaio rimane inaccessibile sia all'interno dei confini russi che per gli utenti che si trovano all'estero, ma che hanno registrato il proprio profilo in Russia. Subito dopo il blocco, i sostenitori di Navalny ne hanno creata una seconda, che ha già raccolto oltre 25mila partecipanti.

Ecco come appare agli utenti russi la prima pagina evento creata per la manifestazione del 15 gennaio. Immagine per gentile concessione di Sergey Kozlovsky.

Ecco come appare agli utenti russi la prima pagina evento. [Testo: Contenuti temporaneamente non disponibili. Questa pagina al momento non può essere visualizzata. Potrebbe essere temporaneamente non disponibile, il link potrebbe essere obsoleto o potresti non avere sufficienti autorizzazioni per visualizzare la pagina.] Immagine per gentile concessione di Sergey Kozlovsky.

Anche la pagina di Vkontakte rimane bloccata; Nikolay Durov, fratello del fondatore di VK Pavel Durov, dichiara che sono ben 53 le richieste di disattivazione inviate a VK il 21 dicembre scorso da parte di Roscomnadzor nel giro di 5 ore, tutte relative a pagine che contenevano il nome “Navalny”.

Nel frattempo si allunga anche la lista nera dei siti Internet russi, mentre agli ISP viene imposto di bloccare ogni contenuto riconducibile alla manifestazione.

La polizia russa ha il suo bel daffare per aggiungere alla lista nera di RuNet tutti i siti che contengono informazioni riguardo la manifestazione pro-Navalny del 15 gennaio. pic.twitter.com/JWUGwZ9yMb

— Kevin Rothrock (@KevinRothrock) 22 dicembre 2014

 Svariati provider si sono adeguati alle richieste di Roscomnadzor, bloccando i post su LiveJournal in cui si menziona la manifestazione e, in alcuni casi, oscurando interi blog.

Ottimo lavoro, Beeline. Fai di tutto perché non riesca a sapere da Volkov dove si deve andare il 15 gennaio. [Testo della schermata: Le risorse di questo indirizzo IP sono state bloccate per decisione di organi statali.]

Il post di oggi è stato bloccato – alcuni provider bloccano solo il post, altri invece tutto il mio profilo.

Nel frattempo, le notifiche che Twitter continua a inviare agli utenti che pubblicano contenuti “non graditi” non sembrano intimorire i veterani della Rete, che prontamente diffondono indicazioni su come aggirare il geoblocking:

Calma, Twitter non sta chiudendo interi account. Su impostazioni, cambiate il vostro Paese, e Roscomnadzor non vi darà più fastidio. Guardate, adesso sono ugandese.

Vari utenti, tra cui Sultan Suleymanov di Meduza, condividono le preoccupazioni di Facebook e Twitter, prospettando una chiusura totale imminente di quelle piattaforme che contravvengono alle leggi anti-protesta. In Rete si moltiplicano intanto a vista d'occhio svariate istruzioni su come aggirare il blocco totale delle piattaforme social.

Con l'avvicinarsi del 15 gennaio, in mancanza di un'apertura da parte delle autorità, il dibattito online è destinato a farsi sempre più acceso. A parere di molti infatti, le pressioni di Roscomnadzor non basteranno a dissuadere la gente dal partecipare alla manifestazione in piazza Manežanja, al contrario. La polemica non farà altro che attrarre nuovi simpatizzanti.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.