chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Ucraina: Troll usano l'ISIS per scrivere dell'Ucraina orientale

Imaggine dal gruppo di  Vkontakte "Stato Islamico di Donbass e Lugant."

Immagine dal gruppo di Vkontakte “Stato Islamico di Donbass e Lugant”

Sono apparsi una serie di video su Vkontakte e YouTube che mostravano la milizia ucraina di Donetsk e Luhansk, in filmati insieme a dei militanti siriani dell’ISIS e ribelli nord caucasici in Russia. Il montaggio ha una colonna sonora e tutti sorridono, dicendo Takbirs [it] (l’espressione islamica, “Dio è grande!”). All'angolo dell’inquadratura, i video riportano la bandiera della Repubblica Popolare di Donetsk, più due Kalashnikov incrociati e la Shahada [it] (una “testimonianza” islamica). 

Questi strani video dipendono da un fenomeno conosciuto come lo “Stato Islamico di Donbas e Lugant” un’entità virtuale emersa a luglio di quest’anno. Ad un primo sguardo, gli utenti di YouTube che contribuiscono a questa produzione sembrano essere forti sostenitori dei separatisti ucraini. Alcuni di questi individui sostengono di essere coinvolti in raccolte fondi per i ribelli (Spesso gli altri video postati sono brutalmente anti-Kiev).  

C’è anche un gruppo su Vkontakte [ru] che si occupa di creare fan art e nuove bandiere per lo “Stato Islamico” di Donabs. La community è un covo di troll con argomenti progettati per essere ridicoli. I visitatori si aspettano di trovare pubblicate fotografie dell’ex comandante dei ribelli Igor Strelkov, un cristiano ortodosso credente, con una folta barba, che promette di “pulire la sacra Donbas dai Kafirs”.

Alcuni utenti di internet credono [en, come i seguenti, salvo diversamente indicato] che i video e le immagini sono frutto del lavoro di attivisti pro-Kiev che cercano di sporcare i ribelli ucraini grazie ad affiliazioni all’ISIS. Altri sono convinti che chi sta dietro lo strano contenuto sono i sostenitori dei ribelli, che cercano ironicamente di prendersi gioco dell’insistenza di Kiev sul fatto che sono dei “terroristi”:

Certamente è vero che i combattenti di Donbass hanno urlato ‘الله أكبر’ (allahu akbar) (allahu akbar), un po’ per gioco un po’ sul serio, poiché alcuni dei nostri commilitoni sono musulmani e lottano contro la NATO per gli stessi motivi degli altri.

Ma non tutti i sostenitori dei ribelli hanno apprezzato il tentativo d’ironizzare, come indicano alcuni commenti [ru] su YouTube:

не выкладывайте такое,хохлы же реально поверят и побегут рассказывать о ордах чеченцев на Донбассе

Non caricateli, i Khokhly [un dispregiativo per “ucraini”] potrebbero crederci e correre qua e là urlando riguardo a orde di Ceceni a Donbas

Lo scorso settembre, Karena Avedissian di RuNet Echo ha guardato con sospetto all'eventualità di una partecipazione dei militanti ceceni a Donbas, concludendo che c’è un’alta probabilità che le voci fossero vere.
Un utente Internet che ha un blog per tltpravda.ru pensa di poter spiegare [ru] lo “Stato Islamico di Donbas e Lugant”: 

И, наконец, уже позднее лето. Клип от «Исламского Государства Донецка и Луганта». Абсолютнейший, тончайший троллинг ополчения на тему истерик в украинских СМИ о том, что «на Донбассе воюют исламские террористы». Троллинг настолько хорош, что даже в России многие решили: это провокация Украины, направленная на создание иллюзии о присутствии чеченских дивизий под Донецком.

Questi video sono stati caricati a fine estate. Uno schiaffo da parte de lo“Stato Islamico di Donbas e Lugant”. I separatisti fanno del trolling incredibilmente sottile dell’isteria dei media ucraini che sono “Islamici che combattono a Donbas”. È talmente buono, che persino in Russia molte persone hanno pensato che si trattasse di una provocazione ucraina progettata per creare l’illusione che le divisioni cecene fossero fuori da Donetsk

Un account parodistico di Joseph Stalin ha notato su Twitter quanto sia ridicolo il coinvolgimento dei ceceni.

I ceceni sono andati a Donbas per proteggere i russi dagli ucraini. Nemmeno Dio l’avrebbe creduto possibile. Il mondo è strano!

Lo “Stato Islamico di Donbas e Lugant” è un primo esempio di quanto dark humor – soprattutto tra i troll di Internet – fa crescere la paura, gli stereotipi e la disinformazione. Il conflitto in Ucraina ha tutti e tre gli elementi in abbondanza.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.