chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Il nuovo primo ministro scuote l'ordine politico della Grecia

Caption: "Political analysts highlight the danger of a possible attack of Godzilla in Athens, if SYRIZA wins the elections" Meme tweeted by @kgougakis

Caption: “Analista politico sottolinea il pericolo di un possibile attacco di Godzilla ad Atene, se SYRIZA vincesse le elezioni.” Meme condiviso su Twitter da @kgougakis

In Grecia, gli utenti di social media hanno twittato senza tregua nell'ultimo mese, ma sono all'attacco dal 25 gennaio, il giorno delle elezioni legislative nazionali in Grecia, che hanno spianato la strada per il nuovo, ambizioso primo ministro, il quarantenne Alexis Tsipras [it]. 

Tsipras, che si definisce un ateo, ha già segnato la storia per aver educatamente evitato il tradizionale giuramento d'ufficio da parte dell'arcivescovo del Paese. Tsipras è anche diventato il primo ministro più giovane nella storia greca dal 1865.

Non è tutto. Per la prima volta in 40 anni, i due principali partiti politici dell Grecia, PASOK e Nuova Democrazia, non sono nel nuovo governo, e molte famiglie “tradizionali” [gr] con una lunga storia nella politica greca moderna sono fuori dal parlamento.

Il retroscena

Tutto è cominciato con il fallimento senza precedenti da parte del vecchio parlamento, che non era riuscito a raccogliere abbastanza voti per eleggere un nuovo presidente come capo di stato, un ruolo principalmente cerimoniale, portando a elezioni anticipate. L'opposizione ha accusato il governo di aver diffuso paura per ottenere sostegno nelle elezioni presidenziali e evitare le elezioni [en], mentre l'ex primo ministro Antonis Samaras ha avvertito che “il Paese avrebbe rischiato un ritorno catastrofico ai momenti più profondi della crisi se il governo fosse caduto” e ha sostenuto che [gr] “il rifiuto di accordarsi sull'elezione del presidente sarebbe equivalso a un ricatto politico”.

Il governo e i suoi alleati hanno diffuso terrore sui principali media, sostenendo che sarebbe stata la fine del mondo se SYRIZA fosse salito al governo, come si speculava in questo articolo in un popolare portale di notizie in Dicembre 2014:

Και όλα δείχνουν ότι θα πορευτούν με ασκήσεις πολιτικής τρομοκρατίας, του τύπου κι επιπέδου, «ο ΣΥΡΙΖΑ θα μας οδηγήσει στη χρεοκοπία», «ο ΣΥΡΙΖΑ θα μας βγάλει απ’ το ευρώ», «με το ΣΥΡΙΖΑ θα αδειάσουν τα ΑΤΜ», «θα μας τινάξουν στον αέρα» και τα λοιπά, συναφή και λίγο-πολύ γνωστά!

Tutto fa pensare che [il governo] porterà avanti messaggi di terrorismo politico, come “Syriza ci porterà alla bancarotta”, “Syriza ci farà cacciare dall'Eurozona”, “I bancomat saranno vuoti, se vince Syriza”, “ci faranno a pezzi” etc. — tutto già visto e sentito!

Alle elezioni, Syriza ha conquistato solo 149 out dei151 seggi necessary per la maggioranza in un parlamento di 300, così Tsipras ha accettato di condividere il potere con il partito di destra populista Greci Indipendenti (che ha ricevuto solo il 4.74% dei voti). Gli analisti aspettano di vedere come i due partiti coopereranno; al di là della comune opposizione alla Troika, hanno programmi completamente diversi. 

Non sono contenta che SYRIZA abbia deciso di formare una coalizione con Greci Indipendenti. Sono razzisti, omofonici e pazzi antisemiti. 

In un post intitolato “La Grecia si sveglia in un mondo diverso”, il blogger Teacherdude sintetizza eloquentemente la coalizione tra Syriza e i Greci Indipendenti:

La scelta di Greci Indipendenti ha sorpreso molti osservatori, soprattutto quelli all'estero che faticano a comprendere l'alleanza tra un partito socialista radicale e uno conservatore nazionalista, ma per Syriza questa è la scelta meno dannosa, date le opzioni disponibili. Il candidato più ovvio per una coalizione sarebbe stato il Partito Comunista Greco (KKE) ma chiunque abbia cognizione della politica greca sa che una simile alleanza sarebbe stata impossibile, perché il KKE non comprometterebbe mai i suoi principi di estrema sinistra, incluso lasciare l'Unione Europea, l'Eurozona e la NATO.

Così alla fine i Greci Indipendenti che vengono spesso ritratti come una collezione di cospirazionisti di destra al limite del razzismo […] si sono salvati […]. Tuttavia, il partito diretto da Panos Kammenos ha ripetutamente messo in chiaro la sua opposizione alle politiche di austerità della Troika e potrebbe riuscire a convincere i Greci più conservatori che le questioni di difesa e regolamenti non saranno solo decise da un gruppo di “radicali selvaggi”. […]

I record di Tsipras

Tornando alla natura poco convenzionale del nuovo Primo Ministro greco, questo articolo [gr] sintetizza i numerosi “record” di Tsipras”:

1. Il primo ministro più giovane (40 anni). [correzione: il più giovane della Grecia moderna]
2. Il primo PM nato dopo “Metapolitefsi” [1974].
3. Il primo PM greco ateo.
4. Il primo PM greco non sposato; ha fatto solo un accordo di coabitazione.
5. Il primo PM greco che non ha battezzato i suoi figli, ma ha tenuto cerimonie di nomina civili.
6. Il primo PM greco ad aver fatto giuramento civile invece del tradizionale giuramento religioso. 
7. Il primo PM a partecipare alla cerimonia di giuramento senza cravatta.
8. Il primo PM di classe media che non proviene da una delle tradizionali “famiglie politiche”.

In Grecia, dove Chiesa e Stato [en] vanno ancora di pari passo, “ogni personalità con un incarico di rilievo, dai socialisti ai dittatori di destra, ha preso posto attraverso un rituale che coinvolgeva la Bibbia, croci e spesso acqua santa”. Ma quest'anno, Alexis Tsipras ha educatamente informato l'Arcivescovo che i suoi servizi non sarebbero sati necessari e che un sacerdote di rango inferiore sarebbe stato invitato per coloro che desiderassero fare un giuramento religione. Una svolta così non è passata inosservata nella Twittersfera della Grecia:

Otto membri del nuovo governo (soprattutto Greci Indipendenti) scelgono la cerimonia di giuramento religioso.

Guardare un governo greco fare un giuramento politico è raro quanto vedere un orso polare sull'Acropoli.

Questo è senza precedenti, niente preti. Dite quello che volete su Tsipras, ma non ci sono preti!

Il primo comunicato ufficiale [gr] di New Democracy come partito dell'opposizione è stato semplicemente di disapprovazione del giuramento laico del nuovo governo:

Un pessimo inizio per Mr. Tsipras.

Mostra di ignorare una lunga tradizione della nazione ellenica, la cui storia è intessuta con quella della Chiesta Ortodossa. 

La prima settimana come Primo Ministro per Tsipras

Dopo l'inaugurazione, Tsipras ha visitato il Memoriale Nazionale della Resistenza a Kessariani, che onora i Greci uccisi dalla Germania e i suoi alleati nella Seconda Guerra Mondiale.  

Memoria eterna a te, fratello, che sei morto nella tua onesta lotta

L'evento si è tenuto nel settantesimo anniversario della liberazione di Auschwitz, il campo di concentramento nazista:

Merkel, che oggi celebrerà il settantesimo anniversario della liberazione di Auschwitz, apprezzerà sicuramente il ricordo dei combattenti greci anti-nazisti da parte di #Tsipras 

Alcuni netizen non hanno apprezzato la mossa di Tsipras:

Giuramento civile, ghirlanda deposta sul luogo del sacrificio dei combattenti della resistenza greca. Questo non è un primo ministro greco.

Un'altra tradizione politica greca è l'accoglienza del nuovo primo ministro da parte di quello uscente a Maximos Mansion, la sede di stato ufficiale. Ma all'evento non ha preso parte il primo ministro uscente Samaras. L'accaduto è stato seriamente criticato perfino dai conservatori, incluso l'ex portavoce del governo, Antonaros:

Questo è un comportamento problematico che espone l'intero partito. La grandezza nella sconfitta è un differenziale che marca un grande leader. 

Il peggior primo ministro dopo Metapolitefsi [1974] finisce il suo mandato in modo adatto: con meschinità. 

Antonis se ne va…

Una popular pagina Faebook di citazione e meme ha condiviso quest'immagine

“Primo partito [Syriza]: indignazione. Secondo partito [Nuova Democrazia]: convenienza e comodità. Terzo partito [Alba Dorata: ignoranza. Le tre caratteristiche dei Greci. Fonte: pagina Facebook “Frappe Ministry”

Last but not least, all eyes are on the far-right Golden Dawn's third place in the Greek Parliament. Seventeen MPs from the party were elected. 

Alba Dorata ha ottenuto circa 38.000 voti e un seggio meno del 2012. È un buon inizio, nonostante sia arrivato terzo.

Il 40%-50% della polizia ad Atene ha votato Alba Dorata. È una delle sfide principali per Tsipras.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.