chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

La giunta militare incastra l'ex premier thailandese con un impeachment

Image from the Facebook page of Yingluck Shinawatra.

Immagine dalla pagina Facebook di Yingluck Shinawatra.

La politica in Thailandia ha raggiunto un livello sempre più caotico il 24 gennaio, quando l'ex premier è stata al centro di un impeachment su base legislativa, fissato dal governo sostenuto dai militari.

L'Assemblea Legislativa Nazionale (NLA) ha mandato avanti una mozione con voto segreto per accusare l'ex Primo Ministro Yingluck Shinawatra di corruzione, per quando riguarda il programma di sussidi del riso [it] supervisionato da lei stessa per sostenere i piccoli contadini.

Il programma [en come i link seguenti salvo diversa indicazione] coinvolgeva il governo nel comprare la produzione di riso dei contadini locali ad un prezzo più alto prima di rivenderlo nel mercato globale. Ma i critici hanno visto il programma di sussidi come una disastrosa politica populista, atta a potenziare la base a supporto del partito della Yingluck nella parte settentrionale del paese.

Yingluck è stata la prima donna ad essere eletta premier del regno, dopo la vittora della sua coalizione del partito Pheu Thai, vincitore nelle elezioni del 2011. Comunque, la giunta militare governa la Thailandia sin da maggio 2014; i militari hanno creato una nuova costituzione e nominato vari organismi per dominare il paese ed implementare le riforme elettorali e politiche, elementi del processo di normalizzazione del paese. L'NLA è una delle istituzioni create dai militari per supervisionare la transizione nazionale.

L'impeachment riflette il desiderio della giunta militare di bloccare il ritorno in politica della Yingluck.

Il totale dei voti dello scrutinio segreto per l'impeachment di Pou Yingluck: 190 a 18.

Le forze di sicurezza erano in stato di allerta attorno al parlamento durante la seduta.

8 di mattina, forte presenza della polizia davanti al parlamento per fermare i sostenitori di YL. Proteste bloccate.

Yingluck ha denunciato la decisione dell'assemblea che l'ha anche interdetta dagli uffici pubblici per 5 anni. Si trova ad affrontare delle accuse penali molto gravi (sempre legate all'accusa per corruzione) che potrebbero portarla ad una condanna fino a 10 anni di detenzione.

L'ex premier ha fatto una dichiarazione su Facebook, dopo aver annullato una conferenza stampa a Bangkokm come richiesto dalle autorità:

RIASSUNTO: Dopo il divieto della giunta militare di non parlare con la stampa, Yingluck fa la sua dichiarazione su Facebook.

La giunta NCPO [it] & la polizia al SC Park Hotel. Si dice siano venuti a chiedere pacificamente a YL di non tenere una conferenza stampa.

Una copia tradotta della sua dichiarazione, come riportato dal sito di Pheu Thai, sottolinea:

Vorrei riaffermare che sono innocente. Vorrei ringraziare la minoranza che ha votato contro l'impeachment. Vi apprezzo per la vostra forza nel difendere il principio della giustizia. Nonostante il fatto che la procedura di impeachment nei miei confronti sia stata affrettata e che è sia stato ignorato un giusto processo, fino al punto di spogliarmi dei miei diritti di base, di cui gode ogni cittadino thailandese, penso di aver fatto il meglio che ho potuto per presentare il mio caso.

Insisto nell'affermare che il programma di sussidi del riso sia un beneficio per i contadini e il paese, e che esso non abbia subito le presunte perdite [di cui sono accusata n.d.T]. Ogni cifra delle perdite nel programma è stata manipolata in modo pregiudizievole contro di me e come piano segreto atto a eliminare l'avversario politico. E peggio di tutto, le vite dei contadini sono diventate uno strumento politico.

Rigurado le accuse registrate dal Ministero della Giustizia, l'ex premier dice ancora:

E’ spiacevole che le moltissime ‘coincidenze’ di cui ho parlato ieri sono accadute ancora oggi. Appena un'ora prima che l'NLA votasse per l'impeachment, l'ufficio del Ministero della Giustizia ha deciso di registrare accuse penali contro di me per negligenza nel mio dovere. Ciò entra in conflitto con i commenti fatti dal capo dell'ala che mi persegue penalmente, di cui non si sa ancora la probabile causa. L'ufficio del Ministero della Giustizia è un'istituzione che ha giocato da sempre un ruolo chiave nel garantire la giustizia. Tuttavia le loro azioni su questo caso sono da considerare discutibili.

Nella sua dichiarazione ha denigrato quello che lei chiama assenza di democrazia e del principio di legalità, soprattutto per i contadini.

Mentre l'impeachment non è sembrato una sorpresa, alcuni hanno dato la loro analisi della situazione.

Più sono evidenti l'illegittimità e il conflitto di interessi, più si sveglieranno le persone.

L'impeachment di Yingluck sembra più un teatrino per darsi legittimità e una parvenza di giusto processo.

Come vi sentireste se un giorno vi svegliaste e realizzaste di vivere nella Repubblica delle Banane, governata da una giunta militare senza Stato di diritto/ libertà civili/diritti?

La Thailandia è Bangkok e Bangkok è la Thailandia – Impeachment a che costo?

Si stanno preparando tempi difficili, e finchè il paese è sotto la legge marziale, senza la partecipazione pubblica nel governo e nelle responsabilità, l'epurazione degli avversari politici continuerà.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.