- Global Voices in Italiano - https://it.globalvoices.org -

Scrivi un tweet nella tua #LinguaMadre e celebra la diversità linguistica online

Categorie: Citizen Media, Cyber-attivismo, Linguaggi
[1]

Uccello che fa tweet, Immagine di Id-iom e usata con licenza a CC BY-NC 2.0 Creative Commons.

In tutto il mondo esistono circa 7000 lingue, ma di queste solo una piccola frazione si trova su internet. Sulla piattaforma Twitter l’85% dei tweet sono scritti in una sola lingua su otto, che, secondo uno studio [2] [en, come i link seguenta, salvo diversa indicazione], non è esattamente quello che si può dire una rappresentazione fedele della diversità linguistica e culturale del pianeta.

Nonostante un numero sempre maggiore di comunità stia iniziando a scoprire le possibilità di condividere il proprio linguaggio online, può essere fatto molto di più per aumentare questa consapevolezza e dare importanza a questa impresa. Per il 21 febbraio, durante la Giornata Internazionale della Lingua Madre [3] [it], Rising Voices [4], insieme ai nostri partner organizzatori Living Tongue Institute [5], Endangered Language Project [6] e Indigenous Tweets [7], come anche molti altri partner partecipanti, si riuniranno per lanciare la campagna “Tweet in Your #MotherLanguage [8]”, che possiede anche la pagina relativa in italiano [9].

Attraverso questa campagna online vogliamo riconoscere e incoraggiare gli utenti del web che condividono la loro lingua su Twitter, con particolare riguardo alle lingue indigene, a quelle minacciate di estinzione e alle minoranze linguistiche che potrebbero non essere ben rappresentate online quanto altre.

Partecipare è facile:

1 – Scrivi un tweet nella tua lingua madre

2 – Aggiungi degli Hashtag

3 – Partecipa alla conversazione!

Per ulteriori dettagli su come partecipare, vai sul sito della campagna [12].

Perché scrivere tweet nella tua #LinguaMadre?

Nonostante l’aumento delle lingue usate online, molte comunità fanno ancora fatica quando provano a comunicare tramite i social media. Alcune lingue non hanno una tastiera che consente agli utenti di scrivere agilmente e molte parti del mondo non hanno ancora una connessione appropriata: si viene così esclusi dalle conversazioni online.

Ciononostante, la comunicazione nel mondo internet ha provato di giovare una ruolo importante nella preservazione e rivitalizzazione di una lingua. Gli strumenti digitali, facili da usare, permettono a più persone di creare contenuti nella loro lingua e internet gli permette di mettersi in contatto con gli altri, senza problemi di distanza geografica.

Questa campagna metterà in risalto il lavoro di molti individui e gruppi che usano la loro lingua sul web, molti dei quali potrebbero essere considerati “attivisti digitali della lingua [13]” per il loro ruolo ponte in questa situazione di divisione e per incoraggiare una nuova generazione di parlanti. Siamo fortunati a contare sulla partecipazione di “ambasciatori” come Rodrigo Perez (@ISF_MX [14]) dal Messico, che regolarmente scrive tweet in lingua zapoteca e Tomicha Chuve (@MonkoxBesiro [15]) dalla Bolivia, che scrive tweet in lingua chiquitana e che ha creato vari video al riguardo, allargando l’invito a partecipare alla campagna. Ci sono anche video di altri ambasciatori che saranno aggiunti alla playlist:

Grazie all’aiuto di molte persone in giro per il mondo, il sito della campagna è stato già tradotto in più di 25 lingue, comprese le lingue orya [16], sena [17] e lesga [18]. Molti di questi traduttori fanno parte del progetto Lingua Project [19] di Global Voices, comunità di traduttori volontari. [Per saperne di più leggi la versione italiana del Progetto Lingua [20], su GV in italiano.]

Grazioe al tuo aiuto possiamo spianare la via per una rete internet più multiculturale, dove le diversità linguistiche vengono festeggiate e non escluse. Ci vuole solo un tweet o un retweet!