chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Arrestate delle attiviste femministe in Cina alla vigilia della Festa della donna

At least 7 woman activists were arrested at the eve of the International Women's Day. A collage of photo from "Gender in China" Weibo.

 Arrestate almeno 7 attiviste alla vigilia della Festa della donna. Collage di foto dal profilo di Gender in China su Weibo. 

Alla vigilia della Festa della donna, alcune attiviste cinesi sono state arrestate dalla polizia.

L’attivista Ai Ke, Una delle donne che in seguito è stata rilasciata, ha rivelato [zh, come i link seguenti, tranne dove diversamente indicato] che la polizia stava prendendo misure rigorose contro una campagna prevista per il 7 marzo, rivolta contro le molestie sessuali sui mezzi pubblici. La polizia ha assicurato che nessuno ha preso parte alla campagna.

La notizia dell’arresto delle attiviste femministe ha iniziato a circolare su Weibo, la piattaforma cinese simile a Twitter, la mattina presto del 7 marzo. Weiquanwang, sito cinese sui diritti umani, ha preso informazioni da diverse fonti e ha stimato che almeno sette giovani attiviste erano state arrestate nelle città cinesi di Pechino e Guangzhou. Al momento della pubblicazione, le cinque arrestate a Pechino avevano perso i contatti con i loro cari. Solo di una delle due attiviste detenute dalla polizia di Guangzhou è stato confermo l'avvenuto rilascio.

Da Twitter, l'utente @alicedreamss ha svelato che molte altre femministe erano state interrogate dalla polizia nello Yunnan.

Come paese che nel 1995 ospitò la quarta Conferenza Mondiale sulle Donne delle Nazioni Unite e come stato firmatario della Dichiarazione di Pechino [en] che ne conseguì, il governo cinese ha giurato di proteggere e promuovere i diritti umani delle donne e delle ragazze.

Senza dubbio, proprio quell’evento ha nutrito una generazione di donne attiviste che sostengono l’uguaglianza dei sessi ed è contro la violenza sessuale nella Cina continentale. Ogni anno, intorno alla Festa della donna, queste donne organizzano campagne per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’uguaglianza di generei.

Quest'anno segna il 20esimo anniversario della Dichiarazione di Pechino. Lo scorso dicembre, l’Alta Commissione per i Diritti Umani delle Nazioni Unite ha lanciato la Campagna di Pechino + 20 per la difesa dei diritti umani delle donne [en], per illuminare il lavoro svolto da donne che per assicurare i diritti di altri, rischiano le loro vite, la loro reputazione e le loro famiglie.

Tuttavia, anziché portare avanti i principi della Dichiarazione di Pechino, le autorità cinesi avrebbero perseguite le donne che si battono contro le molestie sessuali, prima del giorno più importante nel calendario degli attivisti per l’uguaglianza dei diritti tra i sessi.

Li Maizi has been very active in advocating for gender equity. The postcard said: Say no to employment discrimination. Photo from "Gender in China" Weibo.

Li Maizi, grande sostenitrice per l'eguaglianza di genere. Il cartello recita: Di no alla discriminazione sul lavoro. Foto da profilo di “Gender in China” su Weibo.

Gender in China, un gruppo femminista, ha pubblicato per primo la notizia dell'arresto delle tre attiviste su Weibo, il 6 marzo.

Dal momento che la censura del web continuava a cancellare il loro messaggio ogni cinque minuti, il gruppo non ha smesso di condividere ancora il messaggio, fino al giorno dopo.

【妇女节前夕,女权倡导者被北京警方带走】昨晚11点半,长期关注妇女权利的公益人李麦子、徐汀突然在家被警察撬门带走、住处遭搜查,现已失联12小时。另一位倡导者韦婷婷昨日下午被带走后至今失联。据猜测这或与“三八”反性骚扰公益活动有关。难道警察怕的是反性骚扰?呼吁@平安北京 放人!

[Alla vigilia della Festa della donna, la polizia di Pechino ha arrestato delle attiviste femministe] Ieri notte, intorno alle 23:30, la polizia ha irrotto nell'appartamento di Li Maizi e Xu Ting, due sostenitrici dei diritti delle donne. Il loro appartamento è stato saccheggiato e loro portate via. Mancano da dodici ore. Un’altra attivista, Wei Tingting, è stata portata via [dalla polizia] e da ieri non si hanno più sue notizie. [L’arresto] potrebbe essere correlato alla campagna dell’8 marzo contro le molestie sessuali. La polizia ha forse paura di dare il suo appoggio contro le molestie sessuali? Sollecitiamo @PinganBeijing [account ufficiale su Weibo della polizia di Pechino] per il loro rilascio.

La campagna organizzata dalle attiviste consisteva semplicemente nell'attaccare il 7 marzo degli adesivi sui trasporti pubblici in varie città e incoraggiare sia le vittime che i passeggeri ad opporsi alle molestie sessuali. “Gender in China” ha mostrato gli adesivi della suddetta campagna su Weibo:

The stickers encourage the victims and passengers to voice out against sexual harassment and urge the police to take prompt action on the crime.

Gli adesivi incoraggiano le vittime e i passeggeri ad opporsi alle molestie sessuali e sollecitano la polizia a prendere provvedimenti contro le molestie sui trasporti pubblici.

É diventato presto chiaro che i controlli sulle attiviste non è stato limitato alla capitale cinese, ma si sono allargati fino alle metropoli dello Yunnan e a Guangzhou. Zheng Churan, un’altra attivista per i diritti della donne, è stata sequestrata in un albergo.

Liang Xiaomen, un utente di Weibo in contatto con Zheng durante il suo interrogatorio, ha postato i dettagli dell’arresto:

【警察怕的是38贴贴贴?!】原定3月7日做倡导公交性骚扰防治机制的活动迎接妇女节,谁知活动参加者之一大兔郑楚然深夜十二点被国宝和片警找,派出所询问两小时后陪同回家,让大兔拿上三八节的防止性骚扰的贴纸后继续带回派出所,据警察说两小时后会放人。贴纸上写的是,制止性骚扰,安全你我她。

[La polizia ha paura degli adesivi dell’ 8 marzo?!] Per celebrare la Festa della donna l'8 marzo, era prevista un'azione di sostegno contro le molestie sessuali sui trasporti pubblici per il 7 marzo. Una delle partecipanti, Zheng Churan, ha ricevuto una visita dalla polizia nazionale e locale [Guangzhou] alle 12:00 del 7 marzo. È stata interrogata alla centrale di polizia per due ore e scortata a casa. La polizia gli ha chiesto di prendere tutti gli adesivi contro le molestie sessuali e portarli di nuovo in centrale e che dopo l'avrebbero rilasciata nel giro di due ore. Gli adesivi contenevano slogan come: “Basta alle molestie sessuali” e “Fate in modo che noi tutti siamo al sicuro”.

Circoli femministi sono ovviamente indignati per come sono state represse le attiviste, così in prossimità della Festa della donna. Weiquanwang ha citato una rivista femminile online:

政府高喊着法制,却没任何手续半夜撬门抓人。面对家暴者、强奸犯倒是能不管就不管。只准我们过女人节女神节女生节这样的消费节,却不让人过维护自身权利的妇女节。

Il governo continua a promulgare “il principio di legalità”. Tuttavia non ha seguito nessuna procedura legale quando ha irrotto negli appartamenti della gente a mezzanotte, arrestandola. Quando si tratta di crimini legati alla violenza domestica e stupri, sono lentissimi. Ci permettono solo di celebrare la Festa della donna, delle ragazze e delle dee che promuovono il consumismo. Ma non ci lasciano festeggiare la Festa della donna che sostiene i diritti delle donne.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.