chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

In Russia, un concorso di bellezza premia la pudicizia

A small collection of the submissions to the "Russian Beauty" contest (both from competitors and protesters). VKontakte.

Una piccola collezione delle foto inviate al concorso “Bellezze Russe”, sia dalle concorrenti che dalle contestatrici. VKontakte.

In onore della Giornata Internazionale della Donna, festeggiata l'8 marzo, un gruppo di VKontakte, il social network più popolare in Russia, ha creato un concorso di bellezza [ru, come tutti i link seguenti] per celebrare la “pudicizia” femminile. Alle donne che volevano partecipare al concorso è stato chiesto di inviare delle foto che le ritraessero con dei foulard per coprire la testa. Il concorso, chiamato Bellezze Russe, ha attirato dozzine di candidate, ma ha anche provocato la creazione di un flashmob contro quella che secondo alcuni era una competizione sessista e maschilista.

Dietro la creazione del concorso c'era un gruppo di VKontakte chiamato Parliamentary League, un club di dibattiti genericamente associato con la Duma (la camera bassa del Parlamento russo). “Crediamo che l'accessorio migliore di una donna sia la pudicizia,” ha spiegato il gruppo in un annuncio del 3 marzo, “ragion per cui il principale requisito del concorso è che tutte le candidate indossino un foulard nelle loro foto.”

Anna Kazantseva che regge il cartello, “Amo la pudicizia e il sessismo.” VKontakte.

Quasi immediatamento dopo l'annuncio del concorso, gli utenti di VKontakte hanno cominciato a criticare il gruppo Parliamentary League per la sua decisione di incentrare la competizione sulla pudicizia e i foulard. Le donne, così come qualche uomo, hanno preso parte al concorso inviando foto di se stesse indossando dei foulard e reggendo dei cartelli con scritte come “Senza pudicizia e senza sessismo,” e (ironicamente) “Amo la pudicizia e il sessismo.” Molte donne, probabilmente con lo scopo di prendere in giro il tema della “pudicizia”, hanno posato con abiti molto scollati, mentre almeno una donna ha posato completamente nuda, indossando semplicemente un foulard.

Poco dopo, Parliamentary League ha cominciato a cancellare le foto provocatorie, spingendo quindi molti dei contestatori del concorso a scrivere delle lettere aperte al gruppo spiegando il perchè della loro opposizione nei confronti della celebrazione della pudicizia per la Giornata Internazionale delle Donne. 

Inna Denisova, una delle prime persone ad usare l'hashtag #этонедебаты (#QuestiNonSonoDibattiti), ha spiegato la sua contrarietà in un messaggio sul blog il 3 marzo:

Inna Denisova, “Senza pudicizia e senza sessismo.” VKontakte.

Потому что организаторы считают, что «девушка должна быть скромной». Нет, друзья, девушка в лучшем случае должна звонить родителям раз в день и чистить зубы утром и вечером (по желанию). Каждый из нас — вне зависимости от гендера, расы, внешности и возраста — вправе быть в этом мире кем угодно.

Gli organizzatori [del concorso di bellezza] pensano che “una ragazza debba essere pudica.” No, amici miei, una ragazza al massimo deve chiamare i suoi genitori una volta al giorno e lavarsi i denti la mattina e la sera (se vuole). Ognuno di noi—indipendentemente dal proprio sesso, dalla propria razza, dal proprio aspetto e dalla propria età—ha il diritto di essere chiunque voglia essere in questo mondo. 

In risposta alla protesta di un uomo nei confronti del concorso di bellezza sulla bacheca del gruppo, gli amministratori di Parliamentary League hanno difeso la competizione definendola un'iniziativa legittima, seppur conservatrice.

Конкурсом мы поддерживаем образ скромных девушек, который считаем правильным и хотим распространить его по России. Почему мы не распространяем образ, например, независимой клубной распутницы? Потому что не считаем его правильным.

Мы поддерживаем одну из моделей поведения девушек. Другие мы не запрещаем. Если кто-то, в отличие от нас, желает распространить другой образ (например, вышеупомянутый “клубный”) – это его право. Мы же за скромность и порядочность.

Con questa competizione, stiamo promuovendo l'immagine delle donne pudiche, un'immagine che secondo noi è giusta e vale la pena diffondere in Russia. Perchè non promuoviamo l'immagine di una prostituta indipendente in discoteca ad esempio? Perchè non pensiamo che sia giusto nei confronti delle ragazze.

Noi sosteniamo uno dei diversi modelli di comportamento delle ragazze. Non stiamo proibendo gli altri. Se qualcun altro vuole promuovere un altro modello (come quello della “ragazza da discoteca”), ha il diritto di farlo. Noi però sosteniamo la pudicizia e la moralità. 

Yekaterina Buller, VKontakte.

RuNet Echo ha intervistato Yekaterina Buller, una delle vincitrici del concorso, riguardo allo scandalo che si è creato intorno al suo presunto sessismo. Buller ha ripreso molti dei concetti già espressi da Parliamentary League, negando che il concorso fosse sessista e accusando gli oppositori di essere ignoranti o “stupidi”.

Что “критики” считают патриархальным? Я бы не судила с этой позиции , а даже если и так , то, что в этом плохого. Во всех мировых культурах положительным является образ скромной и целомудренной женщины , жены, матери и хранительницы традиций. В условиях современной действительности нравственного разложения общества считаю разумным напомнить о этой позиции . Я не осуждаю феминисток и представителей других течений, но себя к ним не отношу. Все дискуссии по этому поводу лишь от отсутствия у нас (современной молодежи) четких понятий добра и зла, а так же от навязанных попкультурой лживых ценностей.

Cos'hanno pensato che fosse patriarcale di questo concorso questi “critici”? Io non lo chiamerei così, ma anche se fosse la parola giusta, cosa c'è di male? Tutte le culture del mondo valorizzano un'immagine pudica e casta di donne, mogli, madri e protettrici della tradizione. Nella realtà di oggi, in una società moralmente in declino, credo che sia giusto ricordare questo ruolo [tradizionale]. Non incolpo le femministe o gli altri gruppi, ma non mi considero una di loro. Tutte queste discussioni su questo tema sono solo una conseguenza dell'assenza tra di noi (giovani di oggi) di una chiara distinzione tra male e bene, e il risultato dei falsi valori imposti dalla cultura pop.

Non si tratta del primo scandalo legato a Parliamentary League, che a fine febbraio ha invitato l'attivista della Chiesa russa ortodossa Dmitry “Enteo” Tsorionov a tenere una conferenza durante il dibattito sul divieto d'aborto in Russia. Enteo è famoso per le sue dimostrazioni radicali e spesso violente contro gli omosessuali, i musulmani, e altri gruppi. Il gruppo di dibattiti ha anche invitato membri dell'ala giovanile di destra del partito liberal-democratico russo ad un evento in occasione del dibattito sulla possibilità di modificare la Costituzione russa e reintegrare una ideologia di stato ufficiale.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.