chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Attivista pakistana uccisa dopo aver ospitato un evento sul Belucistan

10441274_10153113834884846_6356993094549431627_n

Una foto di Sabeen Mahmud pubblicata su Facebook da Abro Khuda Bux il 9 Febbraio. Condivisa in pubblico.

La sera del 24 aprile, una degli attivisti più conosciuti di Karachi, Sabeen Mahmud, è stata uccisa [en, come tutti i link successivi salvo diversa indicazione] al termine di una serata dal titolo “Togliere il silenzio al Belucistan”, organizzata dalla sua associazione “Il Secondo Piano” (T2F). Anche la madre dell'attivista è rimasta ferita dagli spari provenienti da un auto ed è in condizioni critiche.

All'evento erano presenti due fra gli attivisti pakistani più spesso oggetto di calunnie: Mama Qadeer e Farzana Majeed, da tempo impegnati per far conoscere il problema delle persone “scomparse” nella provincia sud occidentale del Belucistan. Qadeer e Majeed sono spesso presi di mira dalle campagne diffamatorie contro i “traditori e terroristi” sui social media, e ad entrambi è stato recentemente impedito di prendere parte ad una conferenza sui diritti umani negli Stati Uniti.

Sabeen aveva pubblicato questo screenshot su Facebook la notte prima dell'evento:Screen shot 2015-04-24 at 7.41.54 PM

“Boicotto questa stupida serata e il T2F.. Spero che l'intelligence porti via dal vostro evento questi terroristi e criminali che si oppongono allo stato”

Sabeen aveva organizzato questo dibattito dopo che una precedente tavola rotonda sullo stesso argomento, che prevedeva ugualmente la presenza di Qadeer e Majeed, era stata cancellata da un'importante università privata chiamata LUMS. I professori hanno affermato di essere stati costretti a cancellare il dibattito per via di minacce ricevute dall'agenzia di spionaggio Pakistana ISI.

Per un approfondimento: Lo spionaggio statale in Pakistan blocca un dibattito accademico sul Belucistan?

Photo instagrammed by Sabeen of the Balochistan event. She was killed less than an hour after this was posted.

Una foto dell'evento sul Belucistan pubblicata su Instagram da Sabeen. E’ stata uccisa meno di un'ora dopo aver pubblicato questa foto.

Su Twitter, gli attivisti pakistani hanno evidenziato il legame tra l'omicidio e l'evento:

Se ci chiedete di riporre la nostra fiducia nello stato, questa è la ragione per cui non lo possiamo fare

Il giornalista di Karachi Shaheryar Mirza ha pubblicato il seguente tweet:

Stasera, prima del dibattito sul Belucistan, Sabeen aveva detto con un sorriso,”Meno male nessuno ci ha detto di non tenere questo dibattito”.

Oltremodo sconvolgente. Eravamo costantemente preoccupati per lei, ma non pensavamo che avremmo visto questo

Il Belucistan, la provincia più grande, meno popolata e più povera del Pakistan, è oggi attraversato dal suo quinto movimento separatista dal 1947. I dibattiti pubblici sulla guerra in Belucistan sono rari e le notizie provenienti dalla regione sono scarse.

Secondo la Commissione per i diritti umani del Pakistan, dal 2010, sono stati rinvenuti i cadaveri di centinaia di Beluci “scomparsi”, con evidenti segni di tortura. Nel solo 2013, 116 corpi furono trovati in tutta la provincia, 87 dei quali furono identificati dalle famiglie che accusarono i servizi di intelligence pakistani di aver rapito i loro cari.

Guarda: GV Face: Rompere il silenzio del Pakistan sul Belucistan

Il politico di opposizione e attivista per i diritti umani Alizeh Haider ha twittato:

Se parli muori. Questo è il messaggio, forte e chiaro, che l'ISI rivolge a tutti coloro che si esprimono sul Belucistan.

Un follower ha ribattuto affermando che Sabeen potrebbe essere stata uccisa anche dall'Esercito di Liberazione del Belucistan (ELB), una fazione armata che combatte per l'indipendenza della regione dal Pakistan. L'ELB è considerato fuorilegge in Pakistan.

Il giro di vite sul seminario alla LUMS era dovuto all'ELB?

La nostra meravigliosa amica, eroina e combattente caduta Sabeen. Riposa in pace, ma noi non troveremo pace finché i tuoi assassini non saranno trovati e processati.

La brillante attivista di Karachi

L'associazione di Sabeen “Il Secondo Piano”, conosciuta come T2F, era uno spazio comune creato per favorire un dialogo aperto, con l'obiettivo di rendere possibile una svolta sociale a Karachi, la città più grande del Pakistan.

Secondo il sito internet dell'associazione, da quando fu fondata nel 2007 il “T2F ha ospitato centinaia di eventi, spaziando dalle letture di poesia alle proiezioni di film, a vibranti dibattiti su tematiche controverse. Con il supporto e la partecipazione di musicisti, artisti, scrittori, registi, scienziati, comici, pensatori ed un pubblico impegnato, T2F ha contribuito a rivitalizzare il contesto culturale di Karachi e ha offerto uno spazio alternativo, indipendente e sicuro per il dibattito”.

RIP. L'attivista Sabeen, organizzatrice del primo Hackathon del Pakistan, è stata uccisa oggi a Karachi.

Sabeen era come il titanio. Così forte. Così piena di dignità. In tutti i sensi. Una grande sostenitrice di tutte le persone senza voce. Una voce.

Wajahat Ali, un giornalista e attivista pakistano-americano ha pubblicato su Facebook il seguente messaggio:

The privileged among us suffer name-calling, petty insults, hurt feelings for principled positions and critical dissent. The truly brave, like Karachi's Sabeen Mahmud, pay for it with their lives. She was shot and killed tonight leaving her cafe T2F (The Second Floor).

Her alleged crimes are numerous, scandalous and note-worthy: With T2F, she created and sustained a remarkable safe space and community that housed, nourished and celebrated diverse, critical Pakistani intellectuals, artists, entrepreneurs, tech geeks and colorful personalities. As Sabahat Ashraf eloquently writes, she was a “‘qutub’, a pole–in networking parlance, a hub, a connector. very critical to civil society in Pakistan. To say she was an institution in herself is putting it mildly.” 

I privilegiati tra di noi soffrono per i nomignoli che ci vengono affibiati, gli insulti gretti, e siamo spesso feriti nei nostri sentimenti per via delle posizioni di principio e del dissenso critico. Quelli realmente coraggiosi, come Sabeen Mahmud di Karachi, pagano tutto questo con la loro vita. E’ stata uccisa stanotte mentre lasciava il caffè dove aveva sede l'associazione T2F (Il Secondo Piano).
I suoi presunti crimini sono numerosi, scandalosi e di grande rilevanza: con il T2F aveva creato e sostenuto uno spazio e una comunità notevoli, che ospitavano, promuovevano e celebravano vari intellettuali, imprenditori, esperti di tecnologie e brillanti personalità del Pakistan. Come scrive eloquentemente Sabahat Ashraf, Sabeen era un “qutub”, un polo –nel dibattito pubblico, un hub, un connettore, estremamente importante per la società civile pakistana. Dire che era un'istituzione è descriverla in maniera pacata.

Saad Hamid, un promotore di comunità ed esperto di tecnologia, ha twittato da Islamabad:

Qui in memoria di Sabeen, la persona bella, folle e geniale che ha trasformato il concetto di dialogo aperto.

La già premiata scrittrice anglo-pakistana Kamila Shamsie ha twittato:

Due estati fa a Londra dissi a Sabeen di essere prudente, e lei disse, “Qualcuno deve pur combattere”. Addio, amica mia. Eri la migliore tra noi.

I tributi a Sabeen continuano ad aggiungersi sulla sua pagina Facebook e sul suo account Twitter @sabeen.

1 commento