chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Terremoto in Nepal: gli strumenti online più utilizzati dai netizen per ritrovare i propri cari

Patan durbar square historic infrastructure in Kathmandu, Nepal greatly damaged due to the massive earthquake. Image by Sumit Shrestha. Copyright Demotix (25/4/2015)

Storica infrastruttra in piazza Patan durbar a Kathmandu, Nepal, gravemente danneggiata a causa del terremoto di magnetudo 7.8. Immagine di Sumit Shrestha Copyright Demotix (25/4/2015)

Il governo nepalese ha dichiarato lo stato d'emergenza [en, come tutti i link a seguire, salvo dove diversamente indicato] facendo appello alla comunità internazionale, sopraffatto dalla tragedia in seguito al terremoto di magnitudo 7.8, che il 25 aprile, intorno a mezzogiorno, ha colpito due città chiave del Nepal, Kathmandu e Pokhara, che ha causato più di 1800 morti [il numero è purtroppo più alto e continua a salire di ora in ora n.d.E].

Nel bel mezzo della crisi, la gente sta usando alcuni strumenti online come Google Person Finder e Facebook Safety Check per cercare i propri cari. Google Person Finder è stato lanciato nel 2010 in risposta al terremoto di Haiti e aiuta le persone a trovarsi a vicenda in seguito ad un disastro, attraverso il caricamento e scaricamento dati dal sito.

Usate Google Person Finder, aiutate coloro che sono colpiti dal terremoto in Nepal.

Gli utenti di Facebook hanno anche iniziato ad usare il nuovo strumento Safety Check lanciato dal sito, dove si può identificare se stessi o un amico come “al sicuro”.

Screen shot 2015-04-25 at 8.42.40 PM

Questi strumenti sono particolarmente utili contro le immagini angoscianti che sono state condivise online.

Con le linee telefoniche e le stazioni radio base fuori uso, la gente ha anche cercato di contattare i propri cari attraverso internet.

Servizi di telefonia mobile colpiti ovunque in Nepal.

A tutti quelli che cercano di chiamare in Nepal, per favore usate Viber, WhatsApp e SMS. Le chiamate via terra creano congestione, non sono d'aiuto.

Tre persone da seguire per aggiornamenti sul terremoto direttamente da Kathmandu — @kundadixit, @KanakManiDixit e @kashishds.

Only Krishna Mandir and Taleju Temple left standing in Patan Square. Image by Kunda Dixit. Used with permission

Soltanto Krishna Mandir e il Taleju Temple sono ancora in piedi in Piazza Patan. Immagine di Kunda Dixit, usata con permesso.

Il ruolo chiave dei social media

Molti stanno facendo affidamento ai social media per gli aggiornamenti in tempo reale.

Gli immigrati nepalesi sono incollati a Facebook per avere notizie dei propri cari da Jackson Heights, Queens (USA), una delle comunità di diaspora più in crescita.

Questi sono i momenti in cui ti rendi conto dell'importanza di Twitter! Quando sei lontano e ottieni le informazioni di cui hai bisogno!

Distruzione generale

Piazza Patan Durbar di Kathmandu prima e dopo il terremoto.

Edifici collassati, centinaia di persone temute intrappolate e ferite, reti cellulari disturbate. La nostra squadra è allerta e pronta all'azione.

PIAZZA BASANTAPUR DURBAR E’ DISTRUTTA!

Danni gravissimi

Rifugiati a Lobouche, alcuni danni agli edifici.

La torre storica di Kathmandu, su cui la gente era solita arrampicarsi per godersi la vista della meravigliosa città, è stata distrutta.

Mio nonno vide la torre Dharara subito dopo la sua distruzione nel 1934. Oggi è stato il mio turno di vedere la ricostruita Dharara cadere.

Nel pieno di questa distruzione, gli ospedali della capitale Kathmandu sono stati dichiarati inondati. Molti pazienti vengono curati all'esterno.

Ospedale universitario TU. I feriti a causa del terremoto stanno ricevendo i trattamenti in uno spazio all'aperto. C'è urgente bisogno di tende.

India, Bangladesh e Tibet

Il terremoto di magnitudo 7.8 ha causato morti anche in India, Bangladesh e Tibet. I soccorritori stanno salvando persone rimaste intrappolate sotto gli edifici collassati. Le scosse hanno inoltre raggiunto il campo base del Monte Everest, dove hanno provocato una valanga.

Incredibile immagine di un uomo intrappolato fino al petto dal terremoto. E lui è uno dei fortunati!

Il sisma ha causato un'ondata di paura nella regione, dato che le ultime notizie danno morte 54 persone nella zona al confine fra Bihar, Bengala occidentale e l'Uttar Pradesh in India. Tre persone sono morte in tre distretti del Bangladesh, mentre il terremoto sconvolgeva il paese.

Paura di nuove scosse

Secondo alcuni report, questo è stato un terremoto superficiale, il che spiega le fortissime scosse avvertite in tutta la regione. La paura è che, data la natura del terremoto e lo stato fragile di molti edifici in centro, soprattutto i più vecchi, una lieve scossa di assestamento potrebbe causare facilmente ulteriore distruzione e morte.

180 corpi ritrovati sotto le macerie della Torre Dharhara a Kathmandu.

E’ un momento in cui ci si sente impotenti.

(conseguenze del terremoto) Come puoi essere così maleducato con noi! Per favore abbi pietà delle persone in Nepal! Dove sei Dio? Merda!

E un momento di enorme incertezza.

Secondo i dati dell'USGS — il Programma per i Rischi del Terremoto del Servizio Geologico degli Stati Uniti [it], in Nepal e nell'intera regione continueranno forti e costanti scosse di assestamento. La situazione potrebbe non essere per niente sicura.

Quasi sette ore dopo il terremoto iniziale, le scosse continuano ancora. Fonte: USGS.

Fino ad ora, la paura delle scosse di assestamento ha tenuto molte persone fuori dalle loro case, in attesa.

Kathmandu è quasi totalmente al buio mentre centinaia di persone passano la notte nelle tende. Notizie di interi villaggi rasi interamente al suolo vicino all'epicentro.

Il Giardino Bhandarkhal di Patan Darbar è stato trasformato in un rifugio per la gente del posto.

Alcuni aiuti stanno arrivando da organizzazioni di soccorso come Oxfam, Save the Children, La Croce Rossa e attraverso il governo indiano. Qui c'è un link per alcune organizzazioni benefiche che stanno prestando soccorso in seguito al terremoto.

Il vicepresidente del Times of India ha pubblicato su Twitter:

Tre aerei delle Forze Aeree Indiane sono atterrati in Nepal con squadre di soccorso, un altro con un ospedale mobile e 35 dottori.

Su Facebook, alcuni hanno ringraziato l'India per il gesto. Tuttavia, le immagini di distruzione condivise su Twitter suggeriscono che c'è bisogno di molto più aiuto, e in fretta.

1 commento

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.