chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Giornalista prova ad impedire le nozze tra un'adolescente cecena e un capitano di polizia 57enne

Immagine a cura di Kevin Rothrock.

Ramzan Kadyrov, leader della Cecenia, blocca la “fuga della sposa.” Immagine modificata di Kevin Rothrock.

La settimana scorsa, RuNet Echo ha riportato la notizia [en] di una giornalista indipendente russa che sarebbe riuscita a impedire il matrimonio di una ragazzina cecena di 17 anni, costretta a sposare un capitano di polizia di 57. Adesso pare che il matrimonio avverrà lo stesso.

L'adolescente, Heda Goilabieva, e la sua famiglia si sono rivolti a Elena Milashina, una giornalista che lavora per Novaya Gazeta a Mosca, per chiederle di aiutarli a respingere le avances di Nazhud Guchigov, un capitano di polizia del villaggio di Baitarki nel distretto ceceno di Nozhai-Yurt.

Milashina è riuscita a portare all'attenzione il caso, dedicandoci un articolo sul giornale e un post su Facebook [ru, come gli altri link]. Il 30 aprile ha telefonato a Guchigov per porlo di fronte alle accuse subite, ma lui ha smentito i preparativi per la cerimonia.

Il 6 maggio, Elena Milashina ha riferito su Facebook che, nonostante tutto, non è riuscita a fermare Guchigov dal suo intento.

Вчера в новостях по грозненскому телеканалу “Вайнах” Рамзан Кадыров заявил: “Я лично послал людей, узнайте согласна она или нет?! Ничего не оставалось делать, люди … И эта девочка, ее мать сказала , что девочка согласна ! И дедушка по отцу дал слово и согласие ! И все завершено по этому вопросу ! Так говорят они!

Ieri su Vainakh, canale televisivo di Grozny, Ramzan Kadyrov ha annunciato, “Ho personalmente inviato delle persone [a Baitarki] per capire se [Goilabieva] è consenziente o no. Non c'era nient'altro da fare… e la madre ha confermato che la figlia è d'accordo! E il nonno paterno gli ha pure concesso il permesso e l'approvazione! La questione è chiusa! Così dicono!”

Milashina ha sottolineato che i genitori della ragazza si erano rivolti proprio a lei, affinché li aiutasse a portare la questione all'attenzione di Kadyrov. Gli amici di Goilabieva hanno anche provato a contattare Kadyrov tramite Instagram, il suo social media preferito, ma senza alcun risultato.

Milashina sostiene che i soldi potrebbero aver giocato un ruolo cruciale, prendendo il sopravvento sui sentimenti dei genitori.

Жених – начальник Ножай-Юртовского РОВД… потратил большие деньги на подарки (покупку?) юной второй жены

Lo sposo è il capo del Ministero dell'Interno di Nozhai-Yurt… [e probabilmente] ha investito molto sull’ “offerta di matrimonio” per avere (o comprare?) una seconda moglie.

Secondo Milashina, la responsabilità principale è del padre della ragazza: se avesse rifiutato le avance di Guchigov in modo categorico, la figlia avrebbe potuto essere risparmiata. Non sarebbe stato il primo rifiuto, dice Milashina:

Кстати, этот жених раньше сватался к другой юной девушке в этом же районе. Но ее родственники оказались более смелыми и увезли девочку.

L'uomo aveva infatti cercato di sposare prima un’altra ragazza dello stesso distretto, ma i genitori si erano dimostrati più coraggiosi nell'allontanare la figlia da lui.

Gli utenti di Facebook, compresi alcuni giornalisti del Causaso del Nord, nel commentare il post di Milashina hanno principalmente addossato alla famiglia di Goilabiev la colpa di non aver fatto abbastanza per respingere le avances di Guchigov.

Una nota giornalista del Daghenstan, Zarema Gasanova, ha scritto, “Dopo tutto, ci sono pur state persone che hanno detto di no [perfino] a Kadyrov senza alcun timore.” Ha comunque aggiunto, “Ma allora, forse, questo vuol dire che Kadyrov è migliore di quel poliziotto.”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.