chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Una battuta online che spiega la censura attiva in Cina

Image from Flickr user: Eric Constantineau (CC: AT-NC)

Immagine dell'utente di Eric Constantineau su Flickr (CC: AT-NC)

Letscorp, un sito web dedicato all'informazioni per la comunità dei parlanti di lingua cinese, ha riproposto su Twitter una battuta online che rappresenta in modo chiaro le pratiche di censura attive in Cina continentale.

Uomo in cima [si intende il presidente cinese Xi Jinping]: se un ufficiale di governo si comporta bene o no dovrebbe essere giudicato dal popolo comune.

Dipartimento della Propaganda: in aggiunta, la maggior parte delle persone non conoscono la verità.

Lega Centrale della Gioventù Comunista: non vi preoccupate, abbiamo 10 milioni di commentatori su internet che si assicurano che l'opinione pubblica segua la giusta direzione.

Polizia: inoltre arresteremo coloro che non seguono la guida prestabilita.

CCTV – televisione di stato cinese: li beccheremo mentre si prostituiscono.

Global Times: possiamo dire con certezza che hanno ricevuto denaro dagli Stati Uniti.

Portavoce del Ministro degli Esteri: la nostra legge e le nostre politiche assicurano la libertà d'espressione.

People's Daily: guardate, questo è il risultato delle scelte del popolo.

1 commento

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.