chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

L'acquisto del Financial Times da parte di un gruppo giapponese ha sconvolto la Cina

Foto dell'utente Flickr: Gareth (CC: NC-AT)

Photo from Flickr user Gareth (CC: NC-AT)

L'editore Pearson ha annunciato giovedì notte (23 luglio) la vendita del Gruppo Financial Times all'azienda giapponese Nikkei per 1.32 miliardi di dollari, una mossa che ha creato sgomento tra molti cinesi.

Il costoso accordo ha stupito molti nell'industria dei media, in quanto notizie precedenti indicavano che il gruppo tedesco Alex Springer sarebbe stato vicino a raggiungere un accordo per l'acquisto del Financial Times. La notizia ha anche sconcertato Pechino, come ha sottolineato su Twitter George Chen, un giornalista del quotidiano di Hong Kong “South China Morning Post”.

Ho appena parlato con un politico cinese riguardo l'accordo FT-Nikkei. “Davvero? Impossibile! Come può essere! Lascia che lo dica al mio capo!” ha commentato

Il Financial Times è uno dei quotidiani occidentali più influenti quando si tratta di occuparsi dell'economia cinese. Inoltre, a differenza di altri giornali occidentali, il FT ha rapporti amichevoli con il governo cinese [en, come tutti i link successivi salvo diversa indicazione].

Nato nel 1888, il quotidiano ha tre uffici in Cina—Pechino, Shanghai e Hong Kong – che si occupano in maniera estesa di vicende cinesi. La versione cinese del giornale, FT Chinese, fu lanciata 10 anni fa e gode di una circolazione piuttosto buona. Nel mese di marzo di quest'anno, FT è diventato il primo giornale occidentale ad aver intervistato Li Keqiang, un'opportunità considerevole dato l'approccio antagonistico di Pechino verso gli organi di stampa stranieri.

Considerato il cattivo sangue che scorre ancora tra Cina e Giappone per via dei crimini di guerra commessi dai giapponesi durante la Seconda Guerra Mondiale, e date le tensioni geopolitiche in Asia, molti si sono chiesti come e se il cambiamento di proprietà possa influire sull'espansione del Financial Times in Cina e sui suoi articoli inerenti la Cina.

George Chen si è dichiarato pessimista sul futuro del giornale:

L'accordo FT-Nikkei può avere un senso finanziario ma non saggezza politica. Ci saranno ENORMI sfide in Asia. E davanti vi saranno anche MOLTI shock culturali a livello aziendale!

Lasciare che i giapponesi comprino il FT è l'ultima cosa che i cinesi vorranno vedere. Pechino avrà più scuse per lamentarsi degli articoli del FT sulla Cina.

Tuttavia Zhang Xin, l'amministratrice delegata dell'impresa immobiliare SOHO, ha considerato l'accordo dal punto di vista dell'investitore e ha dichiarato che Nikkei non danneggerà la credibilità del quotidiano:

FT卖给Nikkei后还能保持英国新闻的优良传统“新闻独立”吗?当然被操控的媒体是没有读者的,谁会花这么多钱买一个没人读的报纸呢?还是相信买家的智慧吧。但也不能低估文化传承的固执。日本文化的“礼貌和尊重”也是追求真理道路上的障碍。

Può il FT seguire la tradizione della stampa anglosassone e rimanere indipendente dopo la vendita a Nikkei? Certo, ogni fonte di notizie perderebbe i propri lettori se venisse manipolata. Chi comprerebbe un giornale che non legge nessuno? Meglio fidarsi della saggezza del compratore. Tuttavia l'enfatizzazione della cultura giapponese su “le maniere e il rispetto” potrebbe ostacolare il percorso del quotidiano verso la verità.

Indipendentemente dalle rassicurazioni di Nikkei che si è detto determinato a mantenere la “qualità, imparzialità e affidabilità del quotidiano nel suo giornalismo e punto di vista globale”, le reazioni nazionalistiche hanno inondato i social media cinesi subito dopo che l'accordo è stato reso pubblico, e molti hanno fatto appello ad un boicottaggio del giornale.

Con la Cina impegnata a espandere la sua influenza nella politica regionale e globale, molti netizen cinesi si sono chiesti perchè gli organi di stampa di proprietà dello stato non abbiano comprato il giornale. George Chen ha commentato sulla questione sulla popolare piattaforma di social media cinese Weibo:

BREAKING:日本經濟新聞社(Nikkei)剛剛正式對外宣布全面收購英國金融時報(Financial Times),交易作價近13億美金。125年歷史的FT易手,結果被日本人拿下,全世界震驚。此交易意義深刻,對日本提升世界軟實力和全球話語權有深遠影響!(人民日報沒有參與投標嗎?才13億美金啊!)

Ultim'ora: Nikkei ha appena annunciato la sua acquisizione dell'inglese Financial Times. L'accordo è di circa 1.3 miliardi di dollari. FT, un quotidiano con 125 anni di storia, è ora di proprietà giapponese. La notizia ha sconvolto il mondo intero. L'implicazione dell'accordo è pervasiva, in quanto il giornale aiuterà il Giappone ad accrescere il suo soft power nella politica globale .(Aveva fatto un offerta il Quotidiano del Popolo? Costava solo 1.3 miliardi di dollari).

Altri hanno commentato:

13亿美金?还不够中铁一个副总工贪污的呢。

1.3 miliardi di dollari? Quella somma è meno dei soldi corrotti dell'ingegnere di China Railways Co.

人民日报没有买,这是我国大外宣工作的严重失误!

Il fatto che il Quotidiano del Popolo non è riuscito ad acquistare il giornale è un grave errore della propaganda diplomatica del nostro paese.

Ma alcuni hanno ironizzato sul nazionalismo:

人民日报忙着日人民呢

Il Quotidiano del Popolo è troppo impegnato a fregare i propri lettori.

如果人日买了,就不用看了。

Se l'avesse comprato il Quotidiano del Popolo, non leggeremmo più il FT.

希望人民日报买了,把全球变成一家堂 ,省着总出各种谣言。让世界山河一片红。呵呵

Mi auguro che il Quotidiano del Popolo compri tutti i giornali e trasformi l'intero pianeta in un portavoce. Così non avremo più così tanti “pettegolezzi”. Coloriamo di rosso tutte le montagne e fiumi del mondo. Ahah.

2 commenti

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.