chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Ricordiamo Hervé Cornara come la brava persona che era, non solo come una vittima

hervecornara2

Herve Cornara – via @ldecrion CC-BY-20

Herve Cornara è stato il dirigente dell’ ATC-Colicom, una società con sede a Chassieu, nella periferia di Lione, in Francia. Ma, soprattutto, era padre di un ragazzo ed era amato dai suoi parenti e colleghi.

Cornara è stato ucciso e decapitato da Yassin Salhi, vicino ad una bandiera dell’ ISIS, in una fabbrica di Saint-Quentin-Fallavier, nella regione Isère. Salhi è un camionista [fr, come tutti i link seguenti] e padre di tre bambini. E’ nato a Pontarlier, Francia; sua madre vive in Marocco, mentre il suo defunto padre era algerino.

I parenti di Cornara descrivono Herve come un padre amorevole e un ottimo collega:

Il était investi, c'était quelqu'un qui voulait toujours aider les gens. Je vais continuer ce qu'il a commencé

Era sempre impegnato e pronto ad aiutare il prossimo. Continuerò il lavoro che lui aveva iniziato.

Pascal Servino, un amico di Cornara, spiega:

C'était un homme affectueux, généreux. Il était strict sur le quartier : dès que quelque chose n'allait pas, il se mobilisait pour résoudre les problèmes. Il va nous manquer.

Era un uomo affettuoso e generoso. Si è sempre preso cura del bene comune: se qualcosa andava storto, era il primo a dare una mano per rimediare. Ci manca molto.

1 commento

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.